Depositphotos (BrianAJackson)
Syndicom e Impressum chiedono aiuti urgenti per i media.
SVIZZERA
02.04.20 - 18:130

L'appello alle istituzioni: i media hanno urgente bisogno di aiuto

Occorre agire subito per sostenere un settore che è essenziale per la democrazia diretta, affermano Syndicom e Impressum

BERNA - I media giocano un importante ruolo nel superamento della crisi del coronavirus, ma l'epidemia ha colpito duramente il settore. Perciò il sindacato dei media Syndicom e l'associazione professionale Impressum chiedono aiuti per la stampa.

L'opinione pubblica non ha mai avuto tanto bisogno di un giornalismo d'informazione affidabile come oggi, si legge in una presa di posizione odierna. Eppure la pandemia sta mettendo l'industria mediatica svizzera in crisi, una delle peggiori della sua storia. I ricavi pubblicitari stanno infatti crollando al punto da minacciare la sopravvivenza di numerose testate giornalistiche, di radio e televisioni locali e di siti web giornalistici.

Le organizzazioni fanno quindi appello al Consiglio federale, al Parlamento e ai Cantoni affinché adottino misure urgenti. Occorre agire immediatamente per sostenere un settore che è essenziale per la democrazia diretta.

Le organizzazioni chiedono pertanto ulteriori sconti nelle spedizioni come pure per garantire la sopravvivenza di tipografie, testate, agenzie di stampa, emittenti, piattaforme giornalistiche online e siti web. Si chiedono anche contributi per inchieste e reportage.

Il Consiglio federale ha già previsto sostegni di vario genere ai media. Sono previsti sconti per gli invii postali, aiuti ai media online e per le agenzie di stampa e contributi per la formazione. Un pacchetto di misure a tale scopo è stato annunciato per la prossima estate. Considerato il drammatico crollo della pubblicità, potrebbe però essere troppo tardi per alcuni media.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Settore secondario: produzione ancora in crescita, cifre d’affari in calo
La pandemia ha avuto ripercussioni sui risultati di febbraio e marzo
ZURIGO
2 ore
Coronavirus e rimborsi, il direttore di Hotelplan critica Swiss
«Ha preso soldi dai clienti e poi ha bloccato unilateralmente il rimborso nei suoi sistemi»
BERNA
2 ore
«Servono più scorte mediche»
Jürg Schlup, presidente FMH, ritiene il materiale sanitario debba tornare ad essere prodotto in Svizzera ed Europa
BERNA
3 ore
Coronavirus: togliere alla lotta all'alcolismo per dare ai bar?
A Berna si pensa alla sospensione della tassa sugli alcolici. L'idea non piace alle associazioni contro le dipendenze.
SVIZZERA
15 ore
Turismo: la situazione è tesa, urgono meno restrizioni
Si è tenuto oggi il secondo vertice sul turismo dall'inizio dell'emergenza coronavirus.
GINEVRA
17 ore
Altra partitella "selvaggia", allontanate 300 persone
La polizia cantonale è intervenuta oggi al centro sportivo di Vessy.
SVIZZERA
19 ore
L'ufficio di casa te lo paga il datore di lavoro
Una recente decisione del Tribunale federale potrebbe fare scuola.
SVIZZERA
21 ore
Coronavirus: 11 casi in più, nessun decesso
Il numero dei casi positivi accertati nel nostro Paese sale a 30'736. I morti restano 1'641
SVIZZERA
22 ore
«Tenere aperto così non è redditizio»
Lo sostiene un sondaggio effettuato da GastroSuisse durante la prima settimana di riapertura.
SVIZZERA
1 gior
Protezione dati ed equivalenza: l'Ue deciderà a breve
Il verdetto sul riconoscimento è previsto il 3 giugno. L'Ufficio federale di giustizia è ottimista
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile