Depositphotos (dolnikov)
Il mercato immobiliare non dovrebbe andare in crisi a causa del coronavirus.
SVIZZERA
24.03.20 - 12:520

Mercato immobiliare: il coronavirus non lo farà crollare, ma lascerà qualche segno

Non è attesa una perdita importante di rate ipotecarie, secondo il Credit Suisse

ZURIGO - Il mercato immobiliare svizzero non dovrebbe crollare a causa del coronavirus, ma non ne uscirà nemmeno indenne.

I timori di una crisi immobiliare imminente non sono giustificati, afferma il Credit Suisse nel suo ultimo rapporto "Monitor Svizzera" pubblicato oggi. Soprattutto il segmento residenziale rappresenta infatti una stabile ancora.

Grazie agli aiuti d'emergenza decisi dal Consiglio federale le perdite di guadagno delle economie domestiche svizzere dovrebbero essere notevolmente ridotte, scrivono gli economisti della grande banca. Non bisogna quindi attendersi un'importante perdita di rate ipotecarie e pertanto nemmeno un moltiplicarsi di vendite forzate.

Niente calo dei prezzi - Per chi sogna la proprietà immobiliare gli esperti avvertono che non dovrebbe verificarsi un calo dei prezzi a causa della crisi del coronavirus. Ciò perché i bassi tassi d'interesse sostengono i prezzi delle abitazioni e al contempo l'attività edilizia diminuisce, riducendo l'offerta.

La crisi avrà comunque degli effetti sul mercato immobiliare: a soffrire maggiormente dovrebbero essere i promotori di abitazioni di proprietà nuove, ritengono gli esperti del Credit Suisse. Difatti, se la situazione dovesse perdurare oltre il previsto, la vendita di nuove unità abitative rallenterà notevolmente e condurrà a problemi di liquidità per i promotori.

La ripresa? Potrebbe essere rapida - Una volta che l'epidemia decrescerà il mercato delle abitazioni di proprietà dovrebbe però riprendersi abbastanza in fretta, a eccezione del segmento del lusso, considerando che la forte correzione sui mercati dei capitali non dovrebbe essere compensata tanto rapidamente.

In cambio i prezzi degli appartamenti offerti in locazione dovrebbero scendere quest'anno dell'1,5-2%, in quanto l'incertezza economica pesa sulla domanda e l'immigrazione diminuisce con le frontiere chiuse. Ciò accresce anche il numero delle abitazioni sfitte.

Saranno invece maggiori i contraccolpi per gli spazi commerciali: soprattutto nel commercio al dettaglio stazionario e nel ramo alberghiero gli economisti della grande banca si attendono una serie di insolvenze, chiusure e rimpicciolimenti. Entrambi i settori sono già indeboliti da cambiamenti strutturali.

Recessione inevitabile - Nel "Monitor Svizzera" gli economisti del Credit Suisse reiterano le nuove stime congiunturali pubblicate mercoledì scorso: per il 2020 si attendono una variazione annua del prodotto interno lordo (PIL) del -0,5%, contro il +1,0% ipotizzato a inizio mese. Ciò partendo dal presupposto che la situazione straordinaria duri solo fino a metà maggio e poi migliori progressivamente. In tal caso la crescita accelererebbe fortemente verso la fine dell'anno. Per il 2021 è atteso un +2,0%. Ma se l'epidemia dovesse persistere le conseguenze sarebbero più gravi, ribadiscono gli esperti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
francox 7 mesi fa su tio
Visto che le banche non danno interessi, chi ha grana costruisce palazzi che restano vuoti. Siamo pieni di stabili vuoti. Chissenefrega di un mercato che non ci appartiene. Salviamoci la pelle. Almeno proviamoci.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA 
3 ore
Gli ospedali universitari attivano il dispositivo di gestione delle crisi
Raddoppiato in pochi giorni il numero di infetti.
SVIZZERA
3 ore
«Stiamo volando a vista invece di pianificare le prossime mosse»
L'idea è sapere in anticipo quali restrizioni entreranno in vigore a partire da quale soglia di gravità della situazione
SVIZZERA
6 ore
Test rapidi: risultati affidabili in 15 minuti
Dal 25 settembre Unisanté sta conducendo uno studio sui test rapidi.
VAUD
6 ore
Boom delle vendite grazie al telelavoro, Logitech vola in borsa
Tra luglio e settembre l'impresa ha realizzato ricavi per 1,26 miliardi di dollari
SVIZZERA
8 ore
«I pazienti in terapia intensiva sono in rapido aumento»
Per gli esperti della Confederazione la seconda ondata «è arrivata più velocemente e più forte del previsto».
BASILEA CAMPAGNA
8 ore
Toh, c'è un'auto sul prato di casa!
La vettura era parcheggiata in un quartiere residenziale. Ma si è messa in movimento ed è finita in un giardino
SVIZZERA
9 ore
Troppo alcol in famiglia
Un fanciullo su venti in Svizzera cresce con un genitore alcolista. Lo dice il rapporto Obsan sulle dipendenze
SVIZZERA
9 ore
Legge sul CO2: «Controproducente e costosa»
L'UDC è scesa in campo a sostegno del referendum
SVIZZERA
10 ore
Più di 3'000 casi e altri 53 ricoveri
I tamponi effettuati nel nostro Paese nella giornata di ieri sono 14'224. Il 21,1% ha dato esito positivo.
TURGOVIA
10 ore
Bimbo fermato da uno sconosciuto che tenta di fargli bere qualcosa
L'episodio si è verificato ieri pomeriggio nella località turgoviese di Weinfelden. Il bimbo non ha riportato ferite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile