Keystone
ZURIGO
24.01.20 - 11:010

«I bonus non hanno senso, le banche svizzere sono indietro di anni»

A lanciare l'accusa è un imprenditore olandese di base a Zurigo: «Chi viene per i soldi, se ne va per i soldi»

di Redazione
Ats

ZURIGO - I sistemi retributivi basati sui bonus non hanno senso perché favoriscono una cultura aziendale nociva per l'impresa stessa: lo sostiene Tom van der Lubbe, imprenditore che vive a Zurigo e che accusa anche le banche svizzere di essere indietro di anni.

Per lo specialista che, pur abitando con la famiglia sulle rive della Limmat, dirige una società olandese attiva nel settore ipotecario, la struttura gerarchica degli istituti elvetici è superata. «Tutte le grandi banche olandesi puntano su forme di auto-organizzazione», spiega in un'intervista pubblicata oggi dal Tages-Anzeiger. «Le banche svizzere mi sembrano arrancare indietro di anni».

Anche in materia di remunerazione dalla crisi finanziaria è cambiato parecchio nei Paesi Bassi: confrontati anche con la pressione esercitata dell'opinione pubblica, gli istituti hanno in larga parte eliminato le gratifiche, passando agli stipendi fissi.

«I bonus non funzionano e sono anche controproducenti», sostiene van der Lubbe. «Se in un gruppo di dieci persone quattro ricevono un bonus, quattro invece no e gli altri due alla fine dell'anno devono andarsene si creano presupposti negativi per il team». La cultura del bonus attira inoltre determinati tipi di persone: «Chi viene per i soldi, se ne va anche per i soldi: e fra i due agisce molto pensando ai soldi».

Presso la sua azienda - l'olandese Viisi - il tema delle remunerazione viene affrontato in modo definito «semplice»: «Nel colloquio di assunzione il dipendente viene informato sul suo stipendio e su come questo evolverà nei successivi 40 anni». Secondo l'imprenditore questo è in fondo il modello classico, semplice e trasparente, che permette al singolo di avere una sicurezza nel pianificare il futuro.

«Abbiamo analizzato innumerevoli certificati di stipendio nel settore finanziario, per sapere quanto guadagna una persona sulla base della formazione e dell'esperienza. Tenendo conto di questi dati abbiamo creato curve di sviluppo medio delle retribuzioni e ci siamo orientati al 25% superiore», spiega il 51enne, che ha fondato la sua impresa nel 2010. «L'obiettivo era di pagare stipendi superiori alla media e nel contempo eliminare tutte le forme di incentivo finanziario».

Concretamente ciascun collaboratore riceve un aumento di stipendio annuo indipendentemente da come viene valutato il suo lavoro. Non vi sono colloqui sulle remunerazioni, anche perché questi vengono percepiti in generale come poco corretti dai dipendenti stessi: un uomo estroverso ottiene di più di una sua collega timida. «Noi non assumiamo nessuno al di fuori della fascia retributiva stabilita, né versiamo partecipazioni agli utili».

Ma questo approccio - chiede l'intervistatore - non rischia di svantaggiare chi ha prestazioni migliori? «Sono spesso confrontato con questo timore, quasi che l'essere umano corra solo se si trova una carota davanti al naso. Abbiamo 40 dipendenti divisi in cinque team che si organizzano da soli e assumono in autonomia nuovi collaboratori. Il controllo sociale è forte. Tutti vedono come ciascuno lavora e nessuno deve impressionare il capo».

Secondo van der Lubbe quello dei salari diventa un tema di discussione solo quando la distribuzione degli stipendi è ingiusta e quando la dirigenza proibisce al personale di parlarne. «Da noi vi è stato un piccolo caso solo quando una donna assunta come segretaria con il trascorrere del tempo ha assunto compiti sempre più importanti e per questo veniva considerata chiaramente sottopagata: abbiamo corretto la situazione».

«Con il nostro modello retributivo segnaliamo in primo luogo che tutti sono importanti per lo sviluppo dell'azienda: il consulente, che genera il fatturato, l'informatico e anche l'ex maestra di greco e di latino che si occupa della formazione continua», continua l'imprenditore.

Secondo van der Lubbe nemmeno chi comanda deve incassare. «Perché una persona che assume un ruolo dirigenziale dovrebbe guadagnare di più? Affinché tutti, per avere più soldi, vogliano diventare capi, anche se non ne hanno il talento? Non ha senso». Presso Viisi si lavora con il sistema del primus inter pares: ogni sei mesi qualcun altro assume il ruolo di coordinamento.
 
 

Commenti
 
Meck1970 1 mese fa su tio
Ticino ... è diventato un mo4ndo di Tasse..... L'importante per le banche, assicurazioni, ..... è di fare miliardi di utili sulle spalle della gente.
Meck1970 1 mese fa su tio
Ticino ... è diventato un mondo di Tasse..... L'importante per le banche, assicurazioni, ..... è di fare miliardi di utili sulle spalle della gente.
Canis Majoris 1 mese fa su tio
Una volta i manager avevano bonus perché dovevano assumersi i rischi... oggi prendono i bonus anche se fanno fallire o quasi le aziende... é uno schifo pazzesco! Questo liberismo sta rovinando il mondo!
Maurizio Roggero 1 mese fa su fb
Uff per fortuna ha visto solo le banche e non i sistemi retributivi in Ticino....
francox 1 mese fa su tio
Amo l'Olanda. Dovremmo imparare da loro e smettere di farci fregare così platealmente dai manager d'aziende, sono un cancro della società moderna. L'ultimo CEO della Boeing conferma che il tempo dei nobili non è finito.
daniele77 1 mese fa su tio
si, talmente specialisti che la prima bolla finanziaria è anta con i tulipani ;-) https://it.wikipedia.org/wiki/Bolla_dei_tulipani a parte questo quando dice il tipo lo trovo corretto e ammirevole
Tarok 1 mese fa su tio
ma gli olandesinon erano specialisti in tulipani?
gmogi 1 mese fa su tio
Raggiungere gli obiettivi personali andava anche bene, ma poi quando hanno aggiunto gli obiettivi del team è diventato una lotta interna. Tutti contro tutti. Ma alla fine i capetti ti spostavano i risultati per tenersi il gruzzolo da spartirsi ai piani sopra. I bonus sono stata la rovina del lavoro
Bayron 1 mese fa su tio
Vero e adesso?? La casta andrà avanti a percepire i buonus e la base ad essere licenziata... vedi UBS!!!
pontsort 1 mese fa su tio
A non aver senso è dare il bonus a uno per il lavoro di tutti
andrea28 1 mese fa su tio
I bonus ai dirigenti spingono solo a spremere i collaboratori e licenziamenti per ottenere il massimo rendimento a breve termine. Poi quando la ditta rallenta il manager se ne va e incassa il bonus. È la nuova forma di schiavitù moderna.
GI 1 mese fa su tio
wow ha scoperto l'acqua calda !
demon631 1 mese fa su tio
Evviva l'Olandese di turno,ci voleva proprio lui ??
Mario Guglielmoni 1 mese fa su fb
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
All'ex capo di ABB una buonuscita di 13 milioni
Il colosso dell'ingegneria ha reso note oggi le retribuzioni del manager Ulrich Spiesshofer
BERNA
12 ore
Sgombero dell’ex deposito di munizioni: una costosissima prima svizzera
Si tratta del sito di Mitholz. Si preparano le procedure, i veri e propri lavori avranno inizio nel 2031
VAUD
13 ore
Il Cantone mette in vendita due pistole, ma non a tutti
Venerdì al Tribunale di Renens vanno all'asta due Glock
BULGARIA
16 ore
Andava in Siria con un arsenale, cinque anni di carcere per uno svizzero
L'uomo, originario di Suhr (AG), era stato arrestato a bordo di un veicolo 4x4 alla frontiera tra Bulgaria e Turchia
SVIZZERA
17 ore
TCS: «Tassare i veicoli in base alle emissioni di CO2»
Il Touring Club ginevrino deve raccogliere 5300 firme
SVIZZERA
21 ore
«La libera circolazione è vitale per l'economia»
Dopo i sindacati, contro l'iniziativa dell'UDC oggi sono scese in campo anche le piccole e medie imprese
SVIZZERA
23 ore
L'inverno rientra dalla porta sul retro
Caldo da record ad inizio settimana, ma da mercoledì l'asticella dei gradi si abbasserà nuovamente, con neve in vista
SONDAGGIO
SVIZZERA
23 ore
Ci piacciono le carte di credito, ma non ci fidiamo del contactless
Il mezzo di pagamento è comunque sempre più apprezzato dagli svizzeri, come mostra l'annuale indagine di bonus.ch
VALLESE
1 gior
La truffa online che passa dalla carta prepagata
Dall'inizio dell'anno dei cybercriminali si sono intascati almeno 16'800 franchi ingannando diversi venditori privati
SVIZZERA
1 gior
Assistenti di volo in protesta: «Non vogliamo pernottare in Italia»
Il personale di cabina svizzero che si trova giornalmente a dover dormire a Milano non gradisce più questa situazione
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile