Keystone
SVIZZERA
03.01.20 - 16:080

Avenir Suisse: l'agricoltura costa 20 miliardi e la fattura cresce

Le uscite supplementari sono in gran parte dovute all'incremento dei costi ambientali

di Redazione
Ats

ZURIGO - La politica agricola svizzera costa oltre 20 miliardi di franchi, una cifra in aumento del 4% rispetto all'autunno del 2018. I 700 milioni di franchi di uscite supplementari sono in gran parte dovuti all'incremento dei costi ambientali causati dal settore primario. Avenir Suisse oggi ha pubblicato un aggiornamento del suo "registro dei privilegi dell'agricoltura svizzera", in concomitanza con la conferenza stampa annuale dell'Unione svizzera dei contadini (USC).

La prima versione del "registro dei privilegi" era stata presentata alla stampa nel settembre del 2018. In questi 16 mesi i costi sono lievitati di altri 700 milioni di franchi l'anno, di cui 300 milioni sono riconducibili all'uso di pesticidi, al carico eccessivo di fosforo e alla diminuzione della biodiversità, afferma il think tank delle imprese svizzere in un comunicato. «In alcuni casi - aggiunge - le sovvenzioni promuovono addirittura un comportamento nocivo per l'ambiente o perlomeno non lo sanzionano».

La "fattura" attuale ammonta a 20,7 miliardi di franchi anni di cui il 22,9% è a carico dei contribuenti, il 18,4% viene pagato dai consumatori, un ulteriore 36,9% è imputabile al carico ambientale mentre il 21,8% pesa sulle imprese sotto forma di mancate opportunità d'esportazione, secondo Avenir Suisse. Ogni impiego (equivalente a tempo pieno) nell'agricoltura costa 200'000 franchi l'anno, un'azienda agricola 400'000 franchi in media e ogni chilometro quadrato di superficie 2 milioni di franchi, secondo i calcoli presentati del "registro". Le economie domestiche quindi sborsano in media quasi 2300 franchi per il finanziamento della politica agricola (1000 franchi come consumatori e altri 1300 per pagamenti fiscali al settore agricolo).

La lobby agricola giustifica gran parte delle sovvenzioni con le difficoltà delle famiglie contadine, anche se queste in realtà traggono il minor beneficio dal sistema attuale visto che una ragguardevole fetta viene deviata verso strutture a monte e a valle della catena agroeconomica, afferma il think tank. Gli agricoltori svizzeri quindi sono doppiamene sotto pressione: da un lato pagano un prezzo elevato per i fattori di produzione, dall'altro sono confrontati con margini ridotti al momento di vendere i loro prodotti ad aziende di trasformazione e dettaglianti.

In un'analisi pubblicata parallelamente al nuovo registro dei privilegi vengono paragonati questi costi con altre voci di spesa dello Stato. Tenendo conto delle uscite della Confederazione e dei cantoni, la Svizzera sborsa tre volte di più per l'economia agricola che per il Politecnico federale di Zurigo. Chi ha un'occupazione nell'agricoltura oggi riceve quasi un quarto in più rispetto ad un pensionato AVS che ha versato contributi per anni. Questi paragoni hanno lo scopo di incitare la riflessione e in alcuni casi sono volutamente audaci, spiega il comunicato.

Avenir Suisse torna quindi a chiedere una riforma radicale del settore che comprenda l'apertura delle frontiere ai prodotti agricoli, la rinuncia a sovvenzioni per conservare le attuali strutture e un cambiamento degli indennizzi delle prestazioni d'interesse generale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
comp61 11 mesi fa su tio
Quello che non sta in piedi venga chiuso. Aiutare ci sta, ma a questo prezzo?
miba 11 mesi fa su tio
....poi in tanti si chiedono perché e come mai molti svizzeri si recano all'estero a fare la spesa....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Le stazioni sciistiche tirano un sospiro di sollievo
Il fatto che le nuove misure non prevedano limitazioni di capacità soddisfa i comprensori.
SVIZZERA
1 ora
In Romandia cinema e teatri riapriranno
Dal 19 dicembre il mondo della cultura potrà tirare un sospiro di sollievo.
ZUGO
1 ora
Glencore, obietto emissioni zero nel 2050
Il Ceo Ivan Glasenberg l'anno prossimo lascerà il timone a Gary Nagle
BERNA
3 ore
Berset: «La situazione è preoccupante»
Decise in particolare nuove restrizioni per i negozi. Lo sci sarà consentito, ma a severe condizioni.
BERNA
4 ore
Crimini, dal DNA più informazioni per gli inquirenti
Questo metodo forense sarà sfruttato per incrementare la sicurezza della popolazione.
SVIZZERA
6 ore
Tre regioni italiane saranno zone rosse
Sono Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia. Zaia: «La Svizzera non riconosce l'unità d'Italia»
GRIGIONI
7 ore
Il progetto pilota dei Grigioni: test a tappeto
Oltre alle restrizioni, per lottare contro la diffusione del virus verranno predisposti dei test territoriali.
SVIZZERA
7 ore
4'382 contagi e 199 ricoveri in 24 ore
In Svizzera sono stati effettuati 27'425 tamponi, il 16% ha dato esito positivo.
GRIGIONI
10 ore
Fermato senza patente domenica. Lo ritrovano al volante giovedì
Il 51enne è incappato in un controllo radar sulla strada del Maloja
SVIZZERA
11 ore
Sabine Keller-Busse nuova responsabile di UBS Svizzera
Prima di entrare in UBS nel 2010 ha guidato la divisione clientela privata di Credit Suisse per Zurigo.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile