Keystone
(Foto d'archivio)
SVIZZERA
17.12.19 - 14:330
Aggiornamento : 17:31

Spese di base: dove un europeo spende 100 euro, uno svizzero sborsa 168 franchi

Lo rivelano gli ultimi dati provvisori sulla parità del potere d'acquisto. La vicina Italia, invece, è sotto la media europea

NEUCHÂTEL - Pane, latte, carne, corrente elettrica, vestiti, sigarette e spese per il tempo libero: ci sono costi che più o meno tutte le famiglie si trovano ad affrontare e che rientrano in quello che comunemente si definisce “paniere”, un insieme di prodotti di base il cui prezzo dà un’idea del costo della vita in un determinato Paese.

I panieri dei diversi Paesi europei vengono regolarmente confrontati dall’istituto di statistica dell’Unione Europea, Eurostat, e anche l’Ufficio federale di statistica, Ust, fa lo stesso per la Svizzera. Che il nostro Paese costi tendenzialmente di più rispetto a quelli confinanti non è una sorpresa, ma tale studio permette di capire quanto.

Gli ultimi dati provvisori relativi al 2018 rivelano che, per acquistare i prodotti di base, laddove un europeo medio spende 1 euro (1,09 franchi) uno svizzero spende 1,68 franchi, ovvero circa il 54% in più. I Paesi confinanti rimangono invece generalmente vicini alla media, con la Germania a 1,07 euro (+7% rispetto alla media), la Francia a 1,09 (+9%), l’Austria a 1,11 (+11%) e l’Italia, poco sotto la media, a 0,98 euro (-2%). 

Nemmeno nei carissimi Paesi scandinavi paniere-tipo è così caro. In Islanda si ferma a circa 1,44 euro (+44%) e in Norvegia a 1,41 (+41%). In Svezia è a circa 1,22 (+22%).

A pesare particolarmente, nel confronto internazionale, sono i costi per le cure stazionarie (dove in Europa si spende 1 euro in Svizzera se ne spendono circa 3,06: +206%), la carne (1 euro contro circa 2,40), i costi per l’istruzione (1 euro contro circa 2,31) e i costi per la salute (1 euro contro 2,18 circa).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
anndo76 1 anno fa su tio
il problema non e' lo stipendio di per se', ma il costo dell'inflazione ( anche se gli interessi sul denaro sono praticamente a zero ) che non e' stato rapportato al caro vita ( purtroppo )
F.Netri 1 anno fa su tio
E' normale! Il potere d'acquisto in Svizzera è ca. il doppio di quello europeo.
andytt 1 anno fa su tio
Gli stipendi italiani sono più bassi perché il governo si ciuccia il 50% in Svizzera e solo il 15% ecco ... Guadagni 1800euro al mese in Svizzera sarebbero 4000 ma comunque costa meno e poi comprate il prosciutto e la media e 3-4fr in piu
Meck1970 1 anno fa su tio
Smettiamola di dire che gli stipendi in Svizzera sono troppo alti. Non è normale che le spese negli ultimi 20 anni sono quasi triplicati.....
anndo76 1 anno fa su tio
@Meck1970 infatti , come hai fatto notare giustamente, non e' il problema dello stipendio, ma dei costi della vita diventati insostenibili. se anche prendi , ad esempio, 10 mila al mese ma te ne servono 9.900 x vivere non avrebbe senso no ??
Corsica 1 anno fa su tio
Alla settimana? Non capisce
GI 1 anno fa su tio
mere statistiche.....di certo non possiamo pensare di disporre di un potere d'acquisto maggiore (in virtù di retribuzioni mediamente ben maggiori) e non "subire" certe conseguenze (prezzi più alti...) Non sono tra quelli che guadagnano qui ma spendono là ! Innanzitutto "locale"...possibilmente a km 0 !! sono convinto che costa spesso di meno !!
jena 1 anno fa su tio
ci vorrebbe anche la libera circolazione delle merci... non solo importare manodopera straniera per abbassare i costi e tenere i prezzi alti...
anndo76 1 anno fa su tio
@jena giustissimooooo !! vedi che cadono i famosi " cartelli" e monopoli.
oxalis 1 anno fa su tio
Non v'è dubbio che da domani una moltitudine di svizzeri si recherà in Albania a fare la spesa, sfidando i pericoli di un possibile sisma.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
10 ore
Riaperture, ecco ciò che devi sapere
Il Consiglio federale ha deciso una riapertura graduale. Ripartono negozi, musei e impianti sportivi all’aperto.
SVIZZERA
11 ore
«Decisione incomprensibile e ingiustificabile»
«Il mancato allenamento sarà fatale alla ristorazione», tuona il presidente di GastroSuisse Casimir Platzer.
SVIZZERA/CINA
12 ore
Credit Suisse e UBS stanno spostando i loro banchieri da Hong Kong alla Cina
Si tratta di una strategia ben precisa che potrebbe nascondere una perdita di appeal del polo asiatico
SVIZZERA
12 ore
Aperture prudenti: UDC e PLR delusi, gli altri partiti no
Marco Chiesa parla di «affronto» verso i Cantoni e le commissioni parlamentari. Scelta «incomprensibile» per il PLR.
SVIZZERA
13 ore
Mezza Italia sulla lista nera di Berna
L'Ufsp ha aggiornato l'elenco dei Paesi e delle regioni per cui dal prossimo otto marzo varrà l'obbligo di quarantena.
ARGOVIA
14 ore
I vaccinati nel mirino dei truffatori
Nel Canton Argovia ignoti hanno contattato persone vaccinate chiedendo loro una donazione
FRIBURGO
14 ore
Salvato a un passo dal precipizio
Un escursionista di 70 anni si è perso ieri pomeriggio nei boschi di Marly.
SVIZZERA
14 ore
Nessuno sconto alla ristorazione (per ora)
I provvedimenti presentati dal Governo la scorsa settimana sono stati quasi completamente confermati.
SVIZZERA
15 ore
Tutti quei posti nel metalmeccanico portati via dalla pandemia
Sono migliaia, e le prospettive non sono rosee. L'appello di Swissmem: «Ancora 24 mesi di indennità»
SVIZZERA
15 ore
Utile netto in deciso aumento per EFG International
All'istituto, ben presente anche in Ticino, si guarda al futuro con ottimismo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile