Keystone
SVIZZERA
06.12.19 - 10:430

Roche: anche la quinta generazione al comando

Sette rappresentanti sono stati inclusi nel principale gruppo di azionisti, che controlla il 45,01% del colosso farmaceutico basilese

di Redazione
ats

BASILEA - Roche vede salire sul ponte di comando dell'azionariato anche la quinta generazione dei discendenti del fondatore dell'azienda, Fritz Hoffmann-La Roche: sette suoi rappresentanti sono stati inclusi nel principale gruppo di azionisti, che controlla il 45,01% del colosso farmaceutico basilese.

Il pool in questione comprende ora sei membri della quarta generazione e nove membri della quinta generazione (due vi facevano già parte), ha indicato in un comunicato diffuso ieri sera la banca privata renana Scobag, di proprietà della famiglia Hoffmann-La Roche.

Con l'integrazione della quinta generazione il gruppo sottolinea la sua volontà di preservare l'autonomia e l'indipendenza di Roche a lungo termine. L'arrivo in forze dei famigliari più giovani «è la prova che le nostre famiglie continueranno, nei decenni a venire, a preservare la stabilità della base azionaria di Roche, come hanno fatto per più di 120 anni», afferma André Hoffmann, portavoce del gruppo di azionisti e vicepresidente del consiglio di amministrazione di Roche.

«Questo approccio permetterà al gruppo di mantenere il suo posizionamento a lungo termine: come tutti sappiamo un lungo lasso di tempo è un fattore chiave di successo per la ricerca e lo sviluppo nel settore farmaceutico e diagnostico».

Il contratto che ha creato il gruppo di azionisti in questione risale al 1948, si legge nel rapporto annuale 2018. Il secondo principale proprietario di Roche è il concorrente Novartis, che detiene una quota del 33,33%: Daniel Vasella (CEO di Novartis fra il 1996 e il 2010, nonché presidente fra il 1999 e il 2013) aveva ammassato azioni Roche con l'intenzione di arrivare a una fusione fra i due gruppi. Lo scenario non si è poi concretizzato.

Nel 2016 si era così parlato di una possibile vendita della quota di Novartis, ma nell'anno successivo la stessa azienda aveva fatto sapere di non volerlo fare: l'impegno in questione veniva descritto come un «investimento finanziario con una certa componente strategica».

Roche è una delle maggiori imprese farmaceutiche al mondo. Nel 2018 ha realizzato un fatturato che sfiora i 57 miliardi e un utile da capogiro: quasi 11 miliardi. È attiva a livello mondiale con più di 94'000 dipendenti. L'impresa è stata fondata nel 1896 da Fritz Hoffmann-La Roche (1868-1929), esponente del cosiddetto "Daig", termine con cui ci si riferisce agli strati sociali più elevati di Basilea, che a lungo si sono tenuti lontani dalle classi medie e popolari, ma anche dai nuovi ricchi. Nel 1919 l'azienda venne trasformata in società anonima.

Da allora ha continuato a crescere e ad avere successo. A titolo d'esempio, nel 2018 ha aumentato il dividendo per la 32esima volta consecutiva, cosa che poche aziende quotate al mondo sono riuscite a fare. La pioggia di denaro ha fatto e fa la gioia delle famiglie Hoffmann e Oeri, che secondo la classifica 2019 del mensile economico Bilanz insieme hanno un patrimonio di 27 miliardi di franchi: sono al secondo posto nella graduatoria dei più ricchi del paese, guidata dai discendenti del defunto fondatore di Ikea Ingvar Kamprad.
 

Commenti
 
miba 1 mese fa su tio
Bravo a quello che finora appare come unico like positivo! Quando ricevi i premi della tua cassa malati facci qualche pensieri no sub quanto ci sta dietro :)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
15 min
Così gli aeroporti svizzeri si preparano per il coronavirus
Tutte le misure messe in atto, soprattutto a Zurigo, anche se per ora siamo lontani dagli scanner di temperatura di Stati Uniti e Cina
SVIZZERA
35 min
La moneta di Roger Federer torna in vendita
Swissmint ne mette a disposizione altri 37mila esemplari, il sito di vendita è subito k.o.
VAUD
1 ora
Aereo si schianta al suolo: due morti
L'incidente è avvenuto al confine con il canton Friborgo
SONDAGGIO 20 MINUTI
3 ore
Alloggi e omofobia: come voterete il 9 febbraio?
Tra poco più di due settimane i cittadini saranno chiamati alle urne. Partecipate al nostro sondaggio
SVIZZERA
9 ore
Un accordo con Trump: cosa porterebbe alla Svizzera?
Nell’ambito del WEF Simonetta Sommaruga ha spiegato che la Confederazione è interessata al libero scambio con gli Stati Uniti
BERNA
10 ore
Offre mille franchi a chi gli ha rubato la targa, gliela riportano
Il trentunenne vittima del furto è legato sentimentalmente a quel numero, tanto da non voler denunciare il ladro
ZURIGO
11 ore
«Make Trump small again»
È il messaggio che un cittadino ha scritto a grandi lettere sul suo prato. Nel frattempo il presidente USA è ripartito
FOTO
ZURIGO
13 ore
Proteste contro il WEF: poliziotto ferito da un razzo
Diverse centinaia di persone sono scese in piazza per una manifestazione autorizzata organizzata da giovani socialisti e giovani verdi
BERNA
13 ore
Ruba 106'000 franchi per darli a un truffatore del web
L'impiegata di banca dell'Oberland ha sottratto la cospicua somma dal conto di un buon conoscente. È stata condannata a 24 mesi con la condizionale
URI
16 ore
Resta bloccato sulla funivia, lo salva la Rega
L'impianto di risalita si era fermato verso le 14.45 a causa di un difetto tecnico
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile