Archivio Depositphotos
SVIZZERA
14.10.19 - 06:000

Candidature senza risposta: «È un comportamento sfacciato»

In un caso su due le aziende non si fanno più vive, spesso nemmeno dopo un colloquio. Lo rivela uno studio di Jobcloud

ZURIGO - Candidarsi per un posto di lavoro. Magari essere invitati anche per un colloquio. E poi... non ricevere più nessuna risposta. Questo è quanto accade, in Svizzera, ad almeno un candidato su due, come rivela uno studio di Jobcloud sul mercato del lavoro nel 2019.

Il fenomeno, che viene chiamato “ghosting”, non infastidisce soltanto le persone in cerca di un posto di lavoro, ma anche l'esperto del personale Jörg Buckmann: «Non farsi più vivi è una sfacciataggine». Non ci sarebbe infatti nessun motivo per non rispondere a un candidato. «Le aziende che si comportano in questo modo sono semplicemente arroganti e pigre».

Lo studio rileva, inoltre, che quando una risposta invece arriva, nell'80% dei casi si tratta di una mail standard. Un formato che non viene apprezzato almeno dal 73% degli interpellati, che preferirebbero infatti una risposta personale, con tanto di motivazione. «Ma per questo mancano le risorse e il tempo» conclude Buckmann.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
tazmaniac 2 anni fa su tio
....mancano le risorse.... risorse che non vengono assunte in nome dei "santissimi" tagli ai costi... e a scapito appunto della qualità e più in generale, del ceto medio che sta per essere cancellato...peccato che troppi dimentichino come il ceto medio sia, da sempre, la spina dorsale di qualsiasi economia, tolto quello....ciao ciao...
elvicity 2 anni fa su tio
di solito rispondiamo alle richieste di lavoro via mail... a quelle in forma cartaccea purtroppo diventa difficile. Scrivere una lettera, imbustarla, mettere il francobollo e infine portarla ancora in posta... :-( scusate è chiesto troppo.
klich69 2 anni fa su tio
Notizia vecchia di 10 anni al meno, tanto il Ticino fa già parte dei tricolori trafaldini.
MIM 2 anni fa su tio
Rispondere dopo un colloquio è doveroso. Vergogna a chi non lo fa. Ma rispondere a tutti, (anche a chi invia lo stesso documento a 50-100 aziende) non è cosa da poco. Da noi arrivano in 24h ca 20 richieste di lavoro via mail; alle quali vanno aggiunte le richieste cartacee e chi si presenta in reception. Ho sentito di ditte che rispondono con un testo uguale per tutti, e vengono accusate di non rispetto delle persone. Vediamo di recitare un mea culpa prima di additare qualcun altro per comodità.
tip75 2 anni fa su tio
colpa del sistema e dell'europa, da una parte ti obbligano a fare ricerche assurde andando a intasare le aziende che non hanno il tempo ne la necessitâ di rispondere e dall'altra tutta l'europa vuole un lavoro qui, GRAZIE POLITICA, così chi davvero ha bisogno ha le stesse probabilità di venir convocato che quelle di vincere la lotteria...poi ci si domanda perchè
Pongo 2 anni fa su tio
c'è ancora gente che crede che trovi lavoro mandano lettere a random a perfetti sconosciuti... ASPETTA E SPERA
Pongo 2 anni fa su tio
@Pongo dovete anche capire che il mondo del lavoro non è etica, giustizia e correttezza, è cane mangia cane e dovete essere spigliati e fare conoscenze, parlare, istruirvi andare a conferenze e incontri.. non si trova lavoro mandando lettere a caso perché è la massa che fa così, e i lavoratori, fidatevi, non sono MAI persone qualunque ( a meno che non ci siano dei requisiti universitari MOLTO particolari )
pontsort 2 anni fa su tio
@Pongo Succede ancora, ma probabilmente non in ticino ( o é almeno piu difficile che ne resto della svizzera)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SAN GALLO
8 ore
«Uccidere la propria figlia, come si può arrivare a questo?»
È un quartiere sotto choc quello che questo pomeriggio ha appreso del delitto compiuto da un padre di 54 anni.
VAUD / FRANCIA
9 ore
Uccise una prostituta, ora ha deciso di ricorrere
L'uomo era stato condannato a 30 anni di prigione per il brutale omicidio di una giovane rumena a Sullens.
SVIZZERA
14 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
14 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
SAN GALLO
16 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
16 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
17 ore
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
SVIZZERA
17 ore
Nel weekend meno di 800 casi al giorno
Sono stati effettuati 63'205 tamponi. Il 3,7% è risultato positivo al coronavirus
SVIZZERA
18 ore
Pass o no? Sciatori nella nebbia
Certificato sì o no? Berna non ha ancora deciso. E gli operatori sciistici si infervorano
SAN GALLO
19 ore
«Il Consiglio federale ha tradito il paese»
Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile