Depositphotos (kantver)
SVIZZERA
09.10.19 - 10:550

I manager pagati in maniera più "giusta" sono quelli di Novartis e Georg Fischer

Che prendono "solo" 6,7 milioni e 3,2 milioni di franchi l'anno, sembra parecchio ma è una frazione rispetto ai precedenti

ZURIGO - Il colosso farmaceutico renano Novartis e il gruppo industriale sciaffusano Georg Fischer hanno sistemi di remunerazione "esemplari": a questa conclusione è giunto il Swiss Institute of Directors (SIoD) - associazione che riunisce i consiglieri di amministrazione di imprese medio-grandi - sulla base di un'analisi fondata sull'equità dei modelli retributivi.

«Siamo molto lieti che nello studio di quest'anno abbiamo potuto valutare e premiare altre due aziende con modelli retributivi che fungono da esempio», afferma il presidente dell'organizzazione Martin Hilb, citato in un un comunicato odierno. «Ciò dimostra che negli ultimi anni si è verificato un ripensamento positivo dell'economia svizzera nel suo complesso per quanto riguarda i compensi».

Sui salari dei manager il dibattito rimane peraltro acceso: nel 2018 il presidente della direzione di Georg Fischer ha incassato 3,2 milioni di franchi, mentre al suo collega di Novartis, Vas Narasimhan, sono andati 6,7 milioni.

Quest'ultimo importo è nettamente inferiore a quello di cui ha beneficiato il predecessore Joseph Jimenez, che nel suo ultimo esercizio completo aveva messo le mani su 13,1 milioni. Commentando questi dati la Neue Zürcher Zeitung aveva parlato di una nuova "modestia" motivata dal fatto che il gruppo deve cercare di avere una buona immagine, visto il prezzo delle sue nuove terapie (per esempio oltre 2 milioni di dollari per un solo intervento).

Spesso citato in quest'ambito è anche il tema dello scarto salariale tra le retribuzioni dei manager e i bassi stipendi nelle stesse imprese. Un'inchiesta condotta nel 2018 da Travail.Suisse aveva messo in luce come questo divario fosse fortemente aumentato sull'arco di pochi anni: Georg Fischer figurava fra gli esempi in tal senso, con un rapporto fra la busta paga più elevata e quella più contenuta che fra il 2011 e il 2017 era passato da 1:32 a 1:63.

Da parte sua Novartis si trovava nel gruppo di testa delle imprese in cui la differenza fra i piani alti e quelli bassi della stessa entità è da capogiro: presentava infatti un rapporto di 1:215. In pratica il Ceo in un giorno guadagnava quasi quanto un suo dipendente in un intero anno, (contando che i giorni lavorativi sono circa 250).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Val Caste 9 mesi fa su fb
È meglio dire strapagati 🌿queste industrie speculatrici sulla pelle degli altri 🌿un branco di speculatori 🌿🐾
Ferdi Nando 9 mesi fa su fb
secondo me non bastano... dovremmo dargliene un pochino in più... e farli lavorare meno. Lo stress da lavoro potrebbe essere dannoso per loro!
Gloria Bergamo 9 mesi fa su fb
Poi cassa malati uguale x lui è x me... spesa e così via... impressionante 😏....
Alessandro Milani 9 mesi fa su fb
Schifo cmq.....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Su Facebook spuntano i gruppi per aggirare la quarantena
A partire da oggi, chiunque ritorni in Svizzera dal Kosovo deve trascorrere dieci giorni in quarantena.
SAN GALLO
8 ore
Dispersi nella Thur, recuperati i corpi delle vittime
Erano intrappolati tra le pietre della cascata dalla forte pressione dell'acqua
SONDAGGIO
SVIZZERA
8 ore
L'autista? Per lui la mascherina non è un obbligo
Va usata, da oggi, sui trasporti pubblici. Ma alcuni pendolari si chiedono perché i conducenti non la indossino.
VAUD
10 ore
Abusò di 18 giovani donne: 15 anni al “guru del sesso”
Si tratta di un 66enne riconosciuto colpevole di una trentina di episodi commessi in dieci anni nel Canton Vaud
SVIZZERA
13 ore
La mascherina: ecco come ci cambia la vita
Da oggi sui mezzi pubblici è obbligatoria. Cosa significa per la nostra quotidianità?
SVIZZERA
15 ore
Fare pipì contro un muro gli è costato caro
Il giovane aveva subito un trauma cranico nel 2017 durante la festa della Vendemmia a Neuchâtel.
SVIZZERA
15 ore
Sui mezzi pubblici con la mascherina: «Bilancio positivo»
FFS e BLS si dicono molto soddisfatte: al primo giorno sono poche le persone senza protezione
SVIZZERA
17 ore
Meno di 50 nuovi contagi
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'315. I morti rimangono 1'686.
FOTO
SAN GALLO
18 ore
Dispersi nella Thur: «Per loro non ci sono più speranze»
I corpi del 30enne e della 26enne sono verosimilmente intrappolati sotto la cascata situata fra Brübach e Henau.
SVIZZERA
19 ore
Richiamate le mountain bike «Rocky Mountain»
I triangoli anteriori potrebbero incrinarsi e dare luogo a incidenti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile