Keystone (archivio)
SVIZZERA
27.09.19 - 09:360

Caso Thiam, parla Harris Associates: «Non deve dimettersi»

L'azionista di Credit Suisse corre in soccorso del presidente della direzione dell'istituto

ZURIGO - Un importante azionista di Credit Suisse corre in soccorso del presidente della direzione Tidjane Thiam, la cui posizione ai vertici dell'istituto sembra traballare in seguito alla vicenda dell'ex top manager che sarebbe stato pedinato. Se il Ceo dovesse dimettersi sarebbe una perdita, sostiene la società d'investimento americana Harris Associates.

«Siamo convinti che la dirigenza sia responsabile di proteggere la proprietà dell'azienda, dei suoi clienti e di tutti gli azionisti», afferma David Herro, responsabile degli investimenti per le azioni internazionali, in dichiarazioni rilasciate al portale online The Market. «Questo include anche assicurare che siano rispettati i contratti dei dipendenti che lasciano l'azienda».

«Sosteniamo quindi pienamente le misure adottate dal management di Credit Suisse per proteggere l'azienda. Riteniamo che sarebbe dannoso per la società e i suoi azionisti se la banca perdesse un membro della direzione a causa di questa vicenda», prosegue Herro.

«Supponendo che nessuna legge sia stata violata, il signor Thiam e il suo team hanno il nostro pieno sostegno», insiste David Herro. «Saremmo estremamente delusi se qualcuno, a causa di questa vicenda, dovesse perdere il posto di lavoro, fino a quando è stata rispettata la legge».

Il Ceo della banca «ha fatto un ottimo lavoro per rivitalizzare Credit Suisse: tutte le parti interessate sarebbero perdenti se lui e il suo team dovessero dimettersi», conclude il dirigente di Harris Associates, società che - stando alle più recenti comunicazioni borsistiche - detiene circa il 5% nell'istituto.

Al centro del caso vi è come noto il manager di origine pakistana Iqbal Khan, che sino a fine giugno era responsabile della gestione patrimoniale di Credit Suisse e che dal primo ottobre ricoprirà la stessa funzione presso UBS, in qualità di co-responsabile a fianco dell'americano Tom Naratil. La scorsa settimana nel centro di Zurigo Khan ha chiamato la polizia ritenendo di essere pedinato. Le forze dell'ordine avrebbero proceduto al fermo temporaneo di tre detective.

Da quel momento la vicenda è andata gonfiandosi attraverso rivelazioni dei media, che hanno riferito di tensioni esistenti da tempo fra Khan e Thiam. Il braccio di ferro avrebbe anche i contorni di una diatriba di vicinato - hanno entrambi ville a Herrliberg, adiacenti una all'altra - con il Ceo che, a quanto sembra, si sarebbe lamentato persino con il presidente del consiglio di amministrazione Urs Rohner per il rumore provocato dai lavori di ristrutturazione del vicino.

Non manca nemmeno l'elemento femminile: la tensione accumulata avrebbe portato a un crac durante una cena nel gennaio scorso, quando Khan avrebbe anche mancato di rispetto alla fidanzata del suo superiore (che è separato dalla moglie), rea a quanto sembra di aver piantato degli alberi che toglievano al 43enne la vista del lago di Zurigo. Stando a taluni i due dirigenti bancari sarebbero quasi venuti alle mani. Tutti questi particolari sono solo ricostruzioni giornalistiche non confermate, ma hanno portato anche i grandi media finanziari internazionali a interessarsi ampiamente del caso. Questo ha messo in allarme gli investitori, che stanno ora scendendo in campo a protezione del loro denaro.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas 8 mesi fa su tio
Ma che si sbranino pure tra loro queste iene che non ne hanno mai abbastanza, il mondo puzzera' meno di carogne
albertolupo 8 mesi fa su tio
Ah, quindi si tratta di una questione prettamente finanziaria...
Bayron 8 mesi fa su tio
Vomitevole!!
Pepperos 8 mesi fa su tio
Bancarottiere..
pulp 8 mesi fa su tio
Che tristezza…. gente pagata 15 mio all'anno….. Mi auguro che ci siano altri azionisti meno arrampicatori sociali, che al contrario di questo fondo americano, chiedano al CEO di farsi da parte e in fretta. Cose del genere non sono "usanza" Svizzera….
miba 8 mesi fa su tio
Chi ruba poco va in galera, chi ruba tanto fa carriera......
mats70 8 mesi fa su tio
@miba Non fa una grinza.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
3 ore
«Questo virus non scomparirà più dalla nostra vita»
Gli esperti hanno evidenziato strategie e obiettivi della tracciabilità del virus. Obiettivo: Scoprire ogni singolo caso
SVIZZERA
5 ore
Coronavirus: 10 nuovi casi e un decesso in Svizzera
Il numero di contagi in Svizzera dall'inizio dell'emergenza sale a 30'746
FOTO
SVIZZERA
5 ore
Una promozione felina nell'esercito
Lili ha meritato le mostrine «per il suo efficiente servizio in favore della truppa».
SVIZZERA
6 ore
Gli averi a vista della BNS continuano a salire, ed è record storico
Ed è la 19esima volta di fila per il valore più elevato mai raggiunto, e non è detto che sia una cosa positiva
VAUD
7 ore
Crediti Covid trasferiti all'estero: sospetti di una frode milionaria
Il Ministero pubblico vodese ha avviato un'inchiesta. Una persona si trova in detenzione preventiva
SVIZZERA
7 ore
«Con l'auto il rischio di morte è 59 volte maggiore»
L'Ufficio federale dei trasporti ha pubblicato il suo ultimo rapporto sulla sicurezza dei trasporti pubblici
SVIZZERA
8 ore
Settore secondario: produzione ancora in crescita, cifre d’affari in calo
La pandemia ha avuto ripercussioni sui risultati di febbraio e marzo
ZURIGO
9 ore
Coronavirus e rimborsi, il direttore di Hotelplan critica Swiss
«Ha preso soldi dai clienti e poi ha bloccato unilateralmente il rimborso nei suoi sistemi»
BERNA
9 ore
«Servono più scorte mediche»
Jürg Schlup, presidente FMH, ritiene il materiale sanitario debba tornare ad essere prodotto in Svizzera ed Europa
BERNA
11 ore
Coronavirus: togliere alla lotta all'alcolismo per dare ai bar?
A Berna si pensa alla sospensione della tassa sugli alcolici. L'idea non piace alle associazioni contro le dipendenze.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile