Keystone
SVIZZERA
19.09.19 - 15:090

Tassi e franchigie: i sindacati accusano, casse pensioni preoccupate, banche soddisfatte

Molte e variegate le reazioni alle decisioni odierne della Banca nazionale svizzera. Jordan difende le sue scelte

BERNA - La Banca nazionale svizzera (BNS) si mostra debole e piegata al volere delle banche: lo sostiene l'Unione sindacale svizzera (USS), che critica le decisioni odierne dell'istituto guidato da Thomas Jordan e auspica misure risolute contro il franco forte.

«Il franco è tuttora fortemente sopravvalutato», afferma la centrale sindacale in un comunicato. Considerato che si stanno offuscando le prospettive congiunturali per l'industria d'esportazione è ancora più necessario intervenire contro il rafforzamento della valuta elvetica. «La BNS deve impegnarsi in modo offensivo per un corso del franco adeguato», sostiene l'USS.

Secondo la federazione sindacale la decisione odierna di allentare gli interessi negativi per le banche - aumentando la soglia sotto la quale non vanno pagati, nei conti giro che esse detengono presso la BNS - «è un ulteriore segnale di debolezza». Così facendo infatti l'istituto «segnala che è pronto a cambiare la sua politica monetaria se aumenta la pressione da parte della piazza finanziaria».

In tal modo però secondo l'USS viene indebolita l'efficacia dei tassi negativi. A differenza dell'AVS e delle casse pensione, le banche e gli investitori privati sono più flessibili per quanto riguarda gli investimenti in valuta: il tasso negativo dovrebbe essere applicato soprattutto nei loro confronti.

L'AVS e le casse pensioni dovrebbero invece beneficiare di eccezioni più ampie: essendo obbligate a pagare le loro prestazioni in franchi devono investire gran parte del loro denaro nella valuta elvetica. Per l'USS il fondo AVS va completamente esentato dal pagamento di interessi negativi: gli introiti di questo «balzellox devono inoltre essere versati alle casse pensioni, per compensare il calo delle rendite.

Jordan: «Non abbiamo reagito alla pressione delle banche» - La Banca nazionale svizzera (BNS) ha reagito alle pressione delle banche, aumentando la soglia degli importi sotto la quale esse non devono pagare interessi negativi? «No, assolutamente no», ha risposto dal canto suo il presidente Thomas Jordan.

«Per principio non agiamo mai sotto pressione», ha sostenuto il 56enne in dichiarazioni rilasciate alla radio SRF. L'istituto centrale si preoccupa solo dell'interesse generale del paese, ha aggiunto.

«Abbiamo adattato il sistema affinché possa esser applicato in maniera sostenibile nel tempo», ha proseguito Jordan. A suo avviso infatti il quadro generale caratterizzato da bassi tassi durerà ancora a lungo. «Vogliamo incassare con i tassi negativi esattamente quanto serve per avere un effetto sul mercato, non di più», ha concluso.

Aumento delle franchigie sui tassi negativi: banche soddisfatte - Come era prevedibile la decisione della BNS di aumentare la soglia sotto la quale le banche non devono pagare interessi negativi viene tuttavia accolta favorevolmente dagli istituti.

L'adeguamento va «nella giusta direzione» e mostra che la BNS tiene conto della situazione, ha indicato all'agenzia Awp l'Associazione svizzera dei banchieri (ASB).

«I tassi di interesse negativi continuano ad essere un pesante onere per le banche e hanno conseguenze negative per l'economia elvetica e i cittadini», sostiene l'ASB. Al momento non è possibile dire se gli istituti rinunceranno a ripercuotere gli interessi negativi sui piccoli risparmiatori. «Spetta in linea di principio a ciascuna banca decidere in materia».

Anche l'Unione delle banche cantonali svizzere ha accolto positivamente l'aumento delle franchigie.

Casse pensioni preoccupate: «La politica intervenga» - Le casse pensioni e i fondi svizzeri guardano infine con preoccupazione al perdurare degli interessi negativi e invitano il mondo politico a intervenire con correttivi per assicurare la stabilità del sistema.

«L'impasse delle riforme nel primo e secondo pilastro, correlata con la crescente aspettativa di vita, mette sotto pressione il sistema pensionistico elvetico», affermano in un comunicato congiunto odierno l'Associazione svizzera degli istituti di previdenza (ASIP), la Conferenza degli amministratori di fondi di investimento (KGAST) e l'Associazione di previdenza Svizzera (APS).

Dal 2015 si è inoltre aggiunto il problema degli interessi negativi. Con la decisione odierna della BNS - che ha lasciato al -0,75% il tasso guida - la pressione continua ad essere elevata, viene rilevato.

«Invece che garantire il livello delle rendite attraverso riforme, il mondo politico rimane a guardare come gli interessi negativi riducano ulteriormente gli averi di vecchiaia tenuti sotto forma di mezzi liquidi», osservano ASIP, KGAST e APS. Gli interessi negativi - ricordano le associazioni - hanno un influsso diretto sulla performance. Pesano anche, per le fondazioni di previdenza e investimento, balzelli quali la tassa di bollo e l'imposta sul valore aggiunto.

«Le organizzazioni guardano a questi sviluppi con preoccupazione e si appellano alla politica e alle autorità affinché pensino all'impatto degli interessi negativi e delle fiscalità sul sistema di previdenza, di modo che possano avviare riforme».


 
 

3 sett fa Bns: il franco si rafforza, i titoli delle banche salgono e gli analisti... analizzano
3 sett fa La Bns ha deciso: il tasso guida resta invariato al -0,75%
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BASILEA CAMPAGNA
2 ore

«Quella bandiera deve rimanere al suo posto»

Il vessillo rossocrociato è appeso illegalmente a una roccia dello Schleifenberg da anni. Ora la sua posizione è stata regolarizzata dal Municipio di Liestal: «Non è in conflitto con la legge»

LUCERNA
6 ore

«Violenza per educare le donne», i sermoni in moschea verranno registrati

L'associazione "Dar Assalam" seguirà la raccomandazione. Quattro persone formate avranno inoltre il compito di assistere alle prediche e intervenire in caso di necessità

SVIZZERA
6 ore

Credit Suisse: più consulenti al servizio degli ultra-ricchi

Il nuovo responsabile del comparto gestione patrimoniale internazionale vuole ampliare le attività con i clienti definiti strategici

SVIZZERA
7 ore

Swiss, il mayday sembra essere già rientrato

12 aerei sono tornati in volo, gli altri dovrebbero essere presto operativi. Da domani i collegamenti aerei torneranno in gran parte regolari, assicura la compagnia aerea

SVIZZERA
7 ore

UBS, Axel Weber critica la Bce: «Draghi ha legato le mani a Lagarde»

Nel mirino di uno dei manager più pagati della storia svizzera è la decisione di allentare ulteriormente la politica monetaria

TURGOVIA
9 ore

Plastica nella salsa di pomodoro

Una mamma intenta a preparare un piatto di pasta al suo bambino ha avuto una brutta sorpresa

SVIZZERA
9 ore

Roche cresce più delle attese: alza le sue prospettive

Il fatturato è salito del 9% a 46,07 miliardi di franchi

VIDEO
ZURIGO
23 ore

Urla e insulti in autostrada, spunta il tesserino. Agente sospeso

L'uomo ha ripreso tutto con il cellulare, mentre sua figlia in macchina piangeva impaurita. L'altro si difende: «Dovevo identificarmi come ufficiale di polizia, guidava in modo pericoloso»

BERNA
1 gior

61 reati in due anni, giovane turco dovrà lasciare la Svizzera

Secondo i giudici la sua integrazione è fallita. Tra i reati vi sono lesioni personali, rapina e incendio intenzionale

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile