Keystone
ZURIGO
17.09.19 - 10:550

Credit Suisse abbassa le previsioni di crescita

Per l'anno in corso gli economisti della banca prevedono una crescita del Pil dell'1,1%, e scartano l'ipotesi di una imminente recessione

ZURIGO - Credit Suisse (CS) riduce le previsioni di crescita dell'economia svizzera, ma scarta l'ipotesi di una imminente recessione, visto che i consumi rimangono robusti. I bassi tassi di interesse dovrebbero inoltre avere un effetto positivo sugli investimenti edilizi.

Per l'anno in corso gli economisti della banca prevedono una crescita del prodotto interno lordo (PIL) dell'1,1%, in contrazione rispetto al +1,5% della precedente stima. L'anno prossimo il tasso di espansione dovrebbe attestarsi all'1,4%: nello scorso giugno era stata calcolata per il 2020 una progressione dell'1,8%.

La revisione al ribasso si deve all'indebolimento congiunturale e alle prospettive negative per gran parte dell'industria. L'economia svizzera non sfugge alla debolezza industriale globale, scrive la banca in un comunicato, sottolineando che l'indice PMI (Purchasing Managers' Index) si colloca al di sotto della soglia di crescita da quasi sei mesi.

L'attività industriale nei paesi acquirenti di beni di esportazione svizzeri, secondo il barometro dell'export, è debole come non accadeva da sette anni e l'apprezzamento del franco svizzero nei confronti dell'euro aggrava ulteriormente la situazione.

Ma non c'è motivo di drammatizzare. La difficile situazione dell'industria meccanica, elettronica e metallurgica (MEM) non deve far dimenticare che due terzi del volume delle esportazioni svizzere sono costituiti da beni di consumo, che continuano a beneficiare di un trend positivo.

Nel complesso, la crescita dell'export elvetico è destinata a rallentare, ma non vi è ragione di temere un crollo reale dei volumi di esportazione. Gli economisti di Credit Suisse ritengono inoltre improbabile che la disoccupazione aumenti in modo diffuso, anche se l'industria MEM potrebbe essere minacciata da tagli occupazionali.

La solida situazione del mercato del lavoro dovrebbe quindi favorire i consumi, alimentati anche dall'aumento della spesa sanitaria, dalla costante progressione, seppur contenuta, della spesa nel settore abitativo e dall'immigrazione. Altro fattore importante è il solido potere d'acquisto dei consumatori, grazie alla bassa inflazione.

La crescita dei consumi, stimata a circa l'1%, dovrebbe comunque risultare relativamente modesta, sia quest'anno, sia il prossimo. Gli investimenti nelle costruzioni dovrebbero accelerare nel 2020 (+1,2%), dopo un breve rallentamento delle attività quest'anno (+0,6%). Nonostante il minor numero di licenze edilizie e l'eccesso di offerta regionale, il portafoglio ordini è rimasto ben riempito: i bassi tassi d'interesse hanno fatto sì che gli investimenti in progetti edilizi siano rimasti forti.

Secondo Credit Suisse, la Banca nazionale svizzera (BNS) dovrebbe lasciare invariati i tassi d'interesse di riferimento nell'ambito della sua prossima valutazione di politica monetaria, nonostante le misure espansive adottate la settimana scorsa dalla Banca Centrale Europea (BCE). Gli economisti dell'istituto ritengono inoltre che un calo temporaneo del tasso di cambio franco-euro a 1,05 sia abbastanza realistico, visto che la valuta svizzera continua ad essere considerata un "rifugio sicuro".
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GERMANIA/SVIZZERA
6 ore

In macchina con i nonni, muore bimbo svizzero di 9 anni

La loro macchina è stata violentemente tamponata mentre viaggiavano in autostrada a sud di Monaco di Baviera

ELEZIONI FEDERALI 2019
6 ore

«Bisogna firmare l'accordo quadro con l'Unione europea»

Così Jürg Grossen, presidente nazionale dei Verdi liberali. All'imminente appuntamento elettorale, il partito potrebbe crescere

SAN GALLO / TURGOVIA
10 ore

8 colpi e 800'000 franchi di bottino, catturato l'uomo mascherato

Davanti alla procura il 26enne ha confessato di essere l'artefice delle varie rapine compiute ai danni di banche e distributori di benzina nella Svizzera orientale negli ultimi anni

SVIZZERA
10 ore

Roger e Xenia non hanno fatto pubblicità occulta

La Commissione svizzera per la lealtà ha risposto al reclamo presentato dall'associazione svizzero-tedesca di protezione dei consumatori

FOTO
ZURIGO
12 ore

Esperimenti sui cani, l'Uni si difende: «Non sapevamo nulla»

La ZHAW di Zurigo dichiara di non essere a conoscenza dei test effettuati in un laboratorio tedesco che agiva su mandato di un'azienda farmaceutica che collaborava con la scuola: «Test inaccettabili»

SVIZZERA
12 ore

Quasi 40'000 firme contro il 5G

Una petizione che chiede una moratoria sullo sviluppo della tecnologia mobile è stata depositata oggi presso il Dipartimento federale delle comunicazioni

SVIZZERA
13 ore

Deal o No-Deal: la Svizzera è preparata alla Brexit

Cinque accordi sono stati elaborati con il Regno Unito che verrebbero applicati a partire dal momento in cui le intese bilaterali tra Berna e Londra non saranno più valide

SAN GALLO
14 ore

Quella fattoria è fuori dal mondo, anche per la Posta

Nell'estate 2016, il gigante giallo aveva informato un contadino che non gli avrebbe più consegnato pacchi e lettere al domicilio. L'uomo ha fatto ricorso, invano.

LUCERNA
16 ore

Maxi tamponamento in galleria, nove feriti

In tutto sono una decina i veicoli coinvolti nell'incidente avvenuto stamattina nel tunnel di Eich

SVIZZERA
17 ore

Le banconote svizzere non piacciono ai falsari

Il 2018 si è rivelato un anno record, con sole 1200 banconote false rilevate in totale, dal valore nominale di 208'140 franchi. Nel 2001 il valore si attestava a oltre 65 milioni di franchi

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile