keystone
ZURIGO
15.09.19 - 15:200

Kühne: «Un bene spostarci in Svizzera, ma non so se lo rifaremmo»

Secondo il grande azionista e presidente onorario di Kühne+Nagel, il modello basato sulla libera circolazione potrebbe avere vita breve

ZURIGO - Abbiamo fatto bene a spostarci in Svizzera oltre quarant'anni fa, ma non so se lo rifaremmo ancora: lo afferma Klaus-Michael Kühne, grande azionista e presidente onorario di Kühne+Nagel, gigante della logistica a livello mondiale, che teme la fine del modello basato sulla libera circolazione.

«Sono un convinto europeista e deploro il fatto che la Svizzera, al centro del continente, non faccia parte dell'Ue», afferma l'imprenditore 81enne tedesco in un'intervista pubblicata oggi dalla SonntagsZeitung. «Il paese è però finora sempre riuscito da una parte a rimanere indipendente e dall'altra ad approfittare del mercato interno. La Svizzera deve continuare a perseguire la via della ragione», prosegue Kühne. «A mio avviso deve firmare l'accordo quadro».

Oggi un gigante con 82'000 dipendenti e un fatturato di quasi 21 miliardi di franchi (2018), Kühne+Nagel ha origini tedesche: la società venne infatti fondata a Brema nel 1890, sotto forma di impresa di spedizioni, da August Kühne e Friedrich Gottlieb Nagel. Una personalità importante è stata fino al 1933 anche l'imprenditore ebreo Adolf Maass, poi estromesso dall'azienda: morirà ad Auschwitz nel 1945. Kühne+Nagel ha avuto anche un ruolo decisivo nel trasporto di mobili provenienti da decine di migliaia di alloggi di ebrei deportati, nei paesi occupati dai nazisti. Nel dopoguerra la società si è ulteriormente espansa. La sede del gruppo è stata spostata in Svizzera nel 1976.

Questa è stata allora «la decisione giusta», sostiene Kühne. «Poiché abbiamo potuto sviluppare i nostri affari internazionali con grande successo, grazie all'ordine liberale, ai bassi oneri fiscali e alla posizione centrale».

Oggi però il gruppo - numero uno al mondo nel trasporto navale globale e numero due nel comparto aereo - ci penserebbe bene a compiere un passo del genere. Secondo il presidente onorario ha un impatto negativo la legislazione Minder sui salari abusivi, «che limita troppo la libertà contrattuale, per esempio per i top manager». Poi Kühne teme che la Svizzera voglia isolarsi troppo dagli stranieri: «Reclutiamo i nostri specialisti e dirigenti in ogni parte del mondo».

«Se si dovesse arrivare a limitazioni della libera circolazione delle persone dovremmo pensare a spostare alcune determinate funzioni all'estero», mette in guardia l'imprenditore con residenza in Svizzera (ma senza nazionalità elvetica). «Al momento questo non è però in discussione, visto che l'iniziativa sull'immigrazione di massa è stata applicata in modo moderato».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
3 ore

Da Berna a Palermo con treno e traghetto: «L'aereo non è un'opzione»

Una scelta singolare quella del Municipio della capitale - a maggioranza rosso-verde - che settimana prossima si recherà per una visita di lavoro in Sicilia

GINEVRA
5 ore

Decapitata la sicurezza a Cointrin

Il capo e il suo vice sono stati licenziati con effetto immediato poiché coinvolti in un procedimento penale per corruzione

SVIZZERA
6 ore

Domino's Pizza si ritira dalla Svizzera

Il gruppo è presente nella Confederazione dal 2000; dal settembre 2012 Domino's Pizza Schweiz è filiale della britannica Domino's Pizza Group

ZURIGO / IRLANDA
9 ore

Dublino vuole riavere le ceneri di James Joyce

I resti del famoso scrittore sono custoditi nel cimitero di Fluntern a Zurigo. Ma ora due consiglieri comunali irlandesi hanno presentato una mozione per il loro trasferimento

SVIZZERA / ITALIA
10 ore

Luca Mongelli compie 25 anni, per lui nessuna giustizia

Pare che gli interrogativi sull'aggressione subita nel febbraio 2002 a Veysonnaz (VS) non troveranno mai risposta. Il giovane, oggi 25enne, resterà disabile a vita

BERNA
11 ore

Corruzione, condannato il ginevrino Gunvor

Il commerciante di materie prime non ha adottato tutte le misure per impedire la corruzione di pubblici ufficiali da parte dei suoi dipendenti o dei suoi intermediari

GINEVRA
12 ore

Dopo il cancro, lotta con l'assicurazione per i denti

Berdadette deve fare i conti con gli strascichi della chemioterapia. «Non è estetica, è una questione di dignità per le persone già colpite da gravi malattie»

SVIZZERA
13 ore

Ikea Svizzera: aumentano i ricavi, si punta sull'online

Al termine dell'esercizio 2018/2019 l'azienda ha registrato un fatturato di 1,14 miliardi di franchi, in crescita del 3,7% rispetto all'anno precedente

BERNA
14 ore

Elezioni federali, chi voterete?

Domenica prossima si terranno le elezioni federali. Ha già deciso chi votare e perchè? Partecipa al nostro sondaggio

ZURIGO
23 ore

Sfuriata di un agente in borghese sull'A1: al poliziotto hanno bucato le gomme

Scatta la condanna social contro l'ufficiale dopo il video del diverbio. L'esperto di diritto: «Gli utenti possono incorrere in denunce»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile