keystone-sda.ch/STF (PETER KLAUNZER)
SVIZZERA
03.09.19 - 22:000

Ritardi, sfide e ostacoli: il lungo percorso delle nuove banconote

La nona serie è finalmente completa. Il primo taglio però era inizialmente previsto per il 2010. Non sono infatti mancati gli imprevisti

BERNA - La Banca Nazionale Svizzera ha svelato questa mattina la nuova banconota da 100 franchi (che sarà in circolazione dal prossimo 12 settembre). L’ultima che mancava all’appello e che completa così la nona serie, lanciata inizialmente nell’aprile del 2016 con il biglietto verde da 50 franchi.

«Una lunga avventura» - Il processo di gestazione sulla carta è però stato assai più lungo. Il via alla nuova serie infatti - come ricordato questa mattina dal presidente della Direzione generale Thomas Jordan - è stato dato oltre 14 anni fa. Il 2 febbraio 2005 la BNS annunciò che erano in corso i preparativi per una nuova serie incentrata sul tema «La Svizzera aperta al mondo». A novembre dello stesso anno vennero presentati al pubblico i risultati del concorso di idee e all’inizio del 2007 l’elaborazione della veste grafica fu affidata alla designer Manuela Pfunder. «Iniziò così un’avventura durata dieci anni».

Sfide, difficoltà e ritardi - In origine l’emissione del primo taglio era programmata per l’autunno del 2010. L’impiego di un nuovo substrato - che garantisce le complesse caratteristiche antifalsificazione e che costituisce la differenza principale con la serie precedente - ha però posto sfide impreviste in fase di produzione. Ulteriori lavori di affinamento si resero necessari e l’emissione fu così rinviata due volte.

«La decisione a favore di un nuovo substrato è stato un passo coraggioso che si è rivelato proficuo, in quanto ci ha permesso di integrare caratteristiche di sicurezza innovative. Tuttavia, per la sua produzione dipendevamo da un unico fornitore». Tale situazione ha avuto particolari conseguenze nel 2017, quando Landqart, l’impresa che produce il substrato Durasafe, si è trovata in crisi di liquidità. La BNS, insieme a Orell Füssli, ha così deciso di acquistarla per garantire la continuità della produzione.

Ostacoli “grafici” e soluzioni - Anche il nuovo design grafico ha posto qualche problema. «Il nostro obiettivo era rappresentare un tema in un contesto generale uniforme. Già durante le fasi iniziali dei lavori è apparso invece evidente che sarebbe stato difficile raffigurare in modo soddisfacente, con una serie di banconote, il tema prescelto in origine».

Una contraddizione quindi rispetto all’obiettivo iniziale. «Il rinvio della produzione ci ha dato il tempo necessario per riflettere a fondo sul tema. Il risultato è stato un ulteriore affinamento dell’idea originaria, culminato nel tema «La Svizzera nei suoi molteplici aspetti», che si prestava egregiamente a illustrare il nostro Paese nelle sue innumerevoli sfaccettature e offriva al contempo una maggiore libertà di realizzazione grafica». Ogni taglio illustra così un lato particolare della Svizzera.«Lo si può vedere bene sul biglietto da 100 franchi con l’acqua come elemento principale».

Mentre gli elementi principali garantiscono un legame all’interno di una banconota, i soggetti raffigurati in maniera analoga su ciascun biglietto – una mano, un globo, l’immagine di un luogo e le caratteristiche di sicurezza – creano un collegamento tra i vari tagli, facendo apparire la serie di banconote come un insieme coeso.

Commenti
 
Acko Resavac 4 mesi fa su fb
Strana la banconota viola 🤔 mai vista ... 😂
streciadalbüter 4 mesi fa su tio
La notizia del chissenefrega.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZUGO
1 ora
Forte odore di gas, in 20 fatti uscire da un edificio
Gli specialisti hanno individuato una fuga e hanno sfollato i residenti a scopo precauzionale
SONDAGGIO
SVIZZERA
2 ore
Se l’uovo bio costa il 114% in più
Per i prodotti biologici si spende spesso molto di più che per quelli convenzionali. Ecco il motivo
ZURIGO
11 ore
Arriva Trump: gli 007 americani prendono il controllo di Kloten
Agenti statunitensi supervisioneranno la torre di controllo in occasione del WEF: «Gli americani ordinano, gli svizzeri cedono il timone»
SONDAGGIO
SVIZZERA
16 ore
Se il corso di guida entra nel simulatore
La proposta vale per la formazione complementare obbligatoria. Il promotore parla di soluzione «più ecologica e meno pericolosa»
SAN GALLO
18 ore
Incidente sul set: «Le armi erano vere»
La polizia cantonale sull’episodio che si è verificato sabato mattina a Rapperswil-Jona
GRIGIONI
19 ore
Marcia per il clima verso il WEF
Centinaia di persone sono partite da Landquart. Il messaggio: «L'economia pensi all'ambiente»
VIDEO
VAUD
22 ore
Confessa il piromane seriale che angosciava Concise
Un 54enne, residente proprio nel piccolo comune, è stato arrestato per aver appiccato sei incendi nel canton Vaud negli scorsi mesi
SAN GALLO
22 ore
Girano una scena con le armi, ma le riprese terminano nel sangue
Tre persone sono rimaste ferite ieri mattina in un ristorante di Rapperswil-Jona nel quale una troupe stava effettuando delle scene per un film
SVIZZERA
23 ore
Forze aeree isolate a causa del guasto Swisscom
È successo venerdì, proprio nei giorni in cui sono in corso i preparativi in vista del WEF di Davos
ZURIGO
1 gior
Due uomini aggrediti davanti a un cinema: uno è grave
È stato accoltellato e ha dovuto essere operato d'urgenza. Ad attaccarli è stato un gruppo di sconosciuti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile