Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
22.07.19 - 07:450
Aggiornamento : 11:18

Un calo a tutti i livelli nei sei mesi di Julius Bär

Il 2019 non è iniziato nel migliore dei modi per l'istituto bancario. Utile in diminuzione del 19% rispetto al 2018

ZURIGO - Primo semestre difficile per Julius Bär: la banca elvetica specializzata nell'amministrazione patrimoniale ha segnato cifre in calo a tutti i livelli. L'utile netto rettificato si è attestato a 391 milioni di franchi, in diminuzione del 19% rispetto all'anno precedente.

Il risultato consolidato secondo le regole IFRS ha subito una contrazione del 23%, scendendo a 343 milioni di franchi, indica in una nota odierna Julius Bär. Gli attivi in gestione si sono attestati a fine giugno a 412 miliardi di franchi: in calo rispetto ai 427 milioni di fine aprile, ma in aumento dell'8% nel confronto con fine dicembre.

L'afflusso netto di nuovi capitali per il periodo in rassegna è stato di 6,2 miliardi, in crescita del 3,2% su base annua. Una progressione inferiore all'obiettivo fissato dall'istituto, che punta a valori compresi fra il 4 e il 6%. Se non si tiene conto della controllata italiana Kairos il dato è comunque nel quadro dell'obiettivo, precisano i vertici, grazie ad afflussi stabili da Asia, Europa e Medio Oriente.

Nel primo semestre i ricavi sono arretrati a 1,70 miliardi di franchi, il 5% in meno del corrispondente periodo del 2018. In rapporto al secondo semestre di quell'anno vi è stato per contro un incremento dell'8%.

L'azienda fa sapere che il programma di riduzione dei costi per un importo di 100 milioni di franchi, lanciato a inizio anno, sta procedendo secondo i piani. Gli effetti positivi dovrebbero essere percepiti già nel secondo semestre. In una conferenza telefonica il Ceo Bernhard Hodler - che come noto dal primo settembre lascerà il posto a Philipp Rickenbacher - ha inoltre detto di aspettarsi un aumento degli afflussi di denaro.

Nei primi commenti gli analisti hanno parlato di un semestre con punti positivi e altri negativi. In borsa il titolo si è mostrato volatile: in apertura è arrivato a guadagnare il 3%, poi ha azzerato le perdite, ma in seguito è tornato a salire di circa il 2%. Dall'inizio dell'anno la performance è del +22%.

Fondata a Zurigo nel 1890, la banca è quotata alla borsa svizzera dal 2005. Oggi è attiva esclusivamente nel private banking e si pubblicizza con lo slogan «grande abbastanza per essere forte e ciò nonostante sufficientemente piccola da prendere seriamente ogni cliente». È presente in 14 località svizzere, fra cui Lugano e St. Moritz, e ha anche numerose sedi all'estero. Il gruppo paga anche uno degli stipendi più alti in Svizzera: il Ceo Hodler nel 2018 ha guadagnato 6,2 milioni di franchi, cioè quasi 80 volte quanto percepisce uno svizzero medio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
RUSSIA / SVIZZERA
42 min
Navalny punta il dito contro il Ministero pubblico della Confederazione
Nel mirino dell'oppositore russo sono gli stretti contatti con gli omologhi di Mosca. Sospetti anche su Michael Lauber.
SVIZZERA
52 min
BNS: la ripresa non sarà così rapida
Ad affermarlo è il vicepresidente Zurbrügg: «Non basta premere semplicemente un pulsante».
BERNA
1 ora
Spara in strada a Interlaken: arrestato
I colpi sono stati sentiti nel tardo pomeriggio. Fori di proiettile in una vetrina.
FOTO
NEUCHÂTEL
1 ora
«Siamo le Maldive della Svizzera»
Dopo due mesi di chiusura, l'hotel Palafitte si appresta a vivere una fantastica estate.
SVIZZERA
11 ore
«Non ci metteremo a contare le persone»
Da oggi sono consentiti gli assembramenti fino a trenta persone. Una nuova situazione per le autorità
ZURIGO
14 ore
Anche Zurigo protesta contro le misure anti-coronavirus
Gli agenti sono intervenuti, facendo leva sul dialogo, per evitare che si formasse un vero e proprio assembramento
SOLETTA / BASILEA CAMPAGNA
14 ore
Mandata dal padre nonostante i sospetti di abusi
Alle autorità di protezione la piccola, 8 anni, aveva detto che l'uomo le faceva «cose brutte». Invano.
ZURIGO
18 ore
Riferisce numerose irregolarità nell'ospedale, licenziato
Questa la sorte toccata a un "whistleblower", ossia un segnalatore di irregolarità sul posto di lavoro
SONDAGGIO
SVIZZERA
19 ore
A trenta all'ora anche sulle strade cantonali?
È quanto chiedono alcuni comuni basilesi per le vie di transito, dove attualmente si circola a 50 km/h
SVIZZERA
19 ore
Coronavirus: Credit Suisse ha concesso crediti per 2,8 miliardi
Anche la seconda banca elvetica è stata confrontata con dichiarazioni fraudolente.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile