Keystone
Ginevra è stata scelta perché sede di molte organizzazioni interessate alla regolamentazione.
SVIZZERA
21.06.19 - 15:430

Libra a Ginevra, Maudet: «Una rivoluzione da accompagnare»

L'arrivo dell'associazione che gestirà la nuova criptovaluta di Facebook anima il mercato con tutti i suoi diversi attori

GINEVRA - L'arrivo a Ginevra di Libra, l'associazione che gestirà la nuova criptovaluta di Facebook, è una sfida per le organizzazioni internazionali, le autorità pubbliche e le banche e offre grandi opportunità, secondo il consigliere di Stato Pierre Maudet. Il "ministro" dell'economia ginevrino insiste sulla necessità di accompagnare la "rivoluzione blockchain" invece di subirla.

«L'impatto della creazione a Ginevra dell'associazione Libra - che sarà anche il nome della nuova moneta digitale di Facebook - non si misura in termini di posti di lavoro, ma di influenza e sviluppo di un intero ecosistema», ha osservato Maudet in un'intervista rilasciata all'agenzia AWP. «Creerà fermento e incoraggerà la messa in rete di ricercatori, ingegneri, accademici, start-up, ecc.».

Ginevra è stata scelta perché sede di molte organizzazioni interessate alla regolamentazione, come l'Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (UIT), l'Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (OMPI) o l'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC), afferma il consigliere di Stato. «La blockchain è sia un'estensione di Internet che una nuova rivoluzione di portata paragonabile», ha aggiunto Maudet precisando che «il cambiamento deve essere accompagnato piuttosto che subito».

A suo avviso, è per questa ragione che Visa e Mastercard sono membri dell'associazione Libra, anche se la nuova tecnologia minaccia direttamente la loro attività. La blockchain e le criptovalute permettono infatti di evitare le intermediazioni consentendo gli scambi da persona a persona, con la massima trasparenza (a seconda del modello scelto) e con un registro dei dati considerato impossibile da falsificare.

«Non dobbiamo essere ingenui o compiacenti (riguardo agli interessi di Facebook e di altri), ma il fatto che la futura valuta sia basata su un paniere di divise è una buona notizia», secondo il politico ginevrino. «Non tutte le istituzioni della piazza finanziaria locale hanno colto la portata del cambiamento in corso, ma il settore dovrà comunque adattarsi, come l'economia nel suo complesso», sottolinea.

«Le banche tradizionali sono naturalmente scettiche, ma abbiamo visto, quando il segreto bancario è stato abbandonato, che una mancanza di preparazione potrebbe essere molto dolorosa. Meglio quindi sostenere il cambiamento. Le prime reazioni del mondo bancario ginevrino non sono state così negative come mi sarei aspettato», ha aggiunto il consigliere di Stato.

Per quanto l'Autorità federale della sorveglianza dei mercati (FINMA), Maudet ritiene che questa sarà ufficio di "acceleratore" del cambiamento - vista la politica federale favorevole alla blockchain - ma anche regolatore. Attualmente la Finma è in contatto con i promotori del progetto Libra per stabilire se si applica il diritto di sorveglianza svizzero e attraverso quale tipo di autorizzazione.

A Ginevra l'arrivo di Libra riporta in cima alla lista della priorità il progetto di campus blockchain caro a Maudet, che finora ha avuto difficoltà a decollare a causa di interessi divergenti. Esistono ancora rischi, ma «le opportunità di questa tecnologia sono enormi, ad esempio per migliorare la tracciabilità delle merci. Gli ambienti medici stanno attualmente valutando progetti blockchain per combattere le frodi nel settore dei farmaci». In questo contesto, Maudet considera il progetto Libra come un passo positivo per "l'ecosistema" ginevrino e svizzero, in particolare di fronte a concorrenti come Singapore e Tel Aviv, che sono pure in prima fila per questa tecnologia.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / THAILANDIA
2 ore
Niente dosi elvetiche per la “quinta Svizzera” (per ora)
La Confederazione ha le mani legate: i contratti prevedono l'impiego delle dosi entro i confini nazionali
FOTO
ZURIGO
6 ore
Attivisti a Zurigo: 83 fermi e alcuni manifestanti soccorsi
Il bilancio del sit-in che ha avuto luogo oggi nel centro finanziario, all'ingresso di alcune banche
VAUD
6 ore
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
8 ore
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
VALLESE
9 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
9 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
10 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
11 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
FOTO
ZURIGO
13 ore
Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz
La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.
SVIZZERA / SPAGNA
14 ore
Quando la vacanza va storta: «È come essere in prigione»
Due turiste svizzere sono finite nell'Hotel-Quarantena di Ibiza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile