Keystone
SVIZZERA
13.06.19 - 17:580
Aggiornamento : 18:14

Meno manzo e maiale ma più pollo: gli svizzeri non rinunciano alla carne

Le economie domestiche, nel 2016, hanno versato 1200 franchi mensili per mangiare e bere. La carne resta la spesa più importante

BERNA - La carne resta la spesa più importante, tra quelle destinate al cibo, per le economie domestiche elvetiche, che per comprarla sborsano 133 franchi al mese. In totale, nel 2016 le famiglie svizzere hanno versato 1200 franchi mensili per mangiare e bere.

Secondo l'ultima pubblicazione dell'Ufficio federale di statistica (UST), divulgata oggi, i soldi dedicati all'alimentazione rappresentano il 12% del budget totale. Tale percentuale tiene conto anche dei pasti al ristorante. La seconda spesa più elevata, dopo la carne, è quella per pane e cereali.

La produzione di carne bovina e di maiale, si legge nel rapporto "Agricoltura e alimentazione", è scesa di circa 5000 tonnellate ciascuna dal 2012. Il calo è stato però più che compensato dalle 15'000 tonnellate supplementari di pollame.

In forte aumento pure la produzione di uova di gallina: nel 2017 erano 54'000 tonnellate, 9000 in più rispetto a cinque anni prima. La domanda di uova bio è quadruplicata in confronto al 1990 e raggiunge attualmente la quota del 14% del mercato totale.

Per quanto riguarda le esportazioni, in cima alla lista non ci sono come ci si potrebbe aspettare formaggio o cioccolato, bensì le bevande contenti acqua e il caffè (soprattutto in capsule). Le principali importazioni riguardano invece frutta, verdura e relativi preparati.

In media, ogni abitante all'anno ha consumato quasi 250 chili di latte e prodotti derivati (burro escluso), poco più di 100 chili sia di frutta sia di ortaggi e 50 chili di carne.
 
 

Commenti
 
BillieJoe 5 mesi fa su tio
Non che ci rinunciano, la sì prende in Italia, Francia e Germania che costa 1/3...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 min
Nessun "effetto Greta", gli svizzeri volano in vacanza
Kuoni, Hotelplan, ITS Coop Travel e Knecht Reisen confermano il trend. E sono ancora molto poche le compensazioni di CO2 tramite Myclimate
VIDEO
BERNA
4 min
Il video della tempesta di neve che ha bloccato 200 persone
Venti a 180 chilometri orari. Il racconto di chi si è trovato nella tormenta
SVIZZERA
2 ore
Ex allenatore di Swiss-Ski diventa CEO di un aeroporto
Martin Rufener torna nel mondo dell'aviazione
FOTO
LUCERNA
3 ore
La tettoia finisce sui binari e il treno la centra
L'incidente si è verificato questa mattina a Escholzmatt. La causa potrebbe essere il forte vento che soffiava sulla regione
BERNA
4 ore
In 200 bloccati dalla tempesta di neve
Hanno trascorso la notte in un ristorante di montagna.
GRIGIONI
4 ore
Colpito da un cassero, gravi ferite per un operaio
Il 31enne è rimasto schiacciato sotto un peso di 250 chilogrammi
SVIZZERA
20 ore
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
21 ore
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
SVIZZERA
23 ore
«Malgrado le opposizioni, il 5G non è a rischio»
Il CEO di Swisscom ritiene di poter coprire entro la fine dell'anno oltre il 90% del Paese con la rete mobile di nuova generazione
SVIZZERA
23 ore
Autopostale: «Vigilanza lacunosa da parte di Berna»
La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati punta il dito contro il Consiglio federale: «È evidente che si dovrà aumentare la vigilanza sulle aziende parastatali»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile