Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
07.04.19 - 09:550
Aggiornamento : 18:57

Frutta e verdura Bio: il 93% delle coltivazioni è contaminato

Gran parte dei campi delle aziende agricole Bio presenta pesticidi provenienti dalle coltivazioni vicine. Lo dimostra uno studio dell’Università di Neuchâtel

BERNA - Nemmeno l'agricoltura biologica è al riparo dai pesticidi. Secondo uno studio dell'Università di Neuchâtel, i cui risultati sono stati resi noti oggi dalla NZZ am Sonntag, più del 90% dei campi delle aziende agricole biologiche dell'Altopiano svizzero sono contaminati.

I ricercatori, scrive il domenicale, hanno raccolto oltre 700 campioni di suolo e piante da 62 aziende agricole e 69 superfici di promozione della biodiversità cercando tracce di neonicotinoidi.

Residui sono stati trovati non solo in tutte le aziende agricole convenzionali, ma anche nel 93% delle aziende agricole biologiche, così come nei terreni e nelle piante dell'81% delle aree di compensazione ecologica, dove gli insetticidi sintetici sono vietati.

Stando agli esperti, l'acqua e il vento potrebbero aver contaminato le aree biologiche e di compensazione. Le quantità di residui tossici trovati nei campi biologici e nelle aree di compensazione erano così elevate che potevano colpire fino al 7% degli organismi ausiliari, come i calabroni.

Confrontata con questi dati, Bio Suisse, la principale organizzazione del settore, giudica come "spaventosi" i risultati dello studio e chiede ulteriori restrizioni circa l'uso di pesticidi nocivi. L'Ufficio federale dell'agricoltura ha constatato da parte sua che tre delle cinque sostanze trovate sono ora vietate.

Lo studio rileva tuttavia che le concentrazioni misurate nei campi e nelle culture biologiche sono "molto inferiori" a quelle riscontrate nelle superfici convenzionali. "I produttori bio sono vittime di una contaminazione dovuta alle proprietà chimiche dei neonicotinoidi e al loro uso eccessivo", constata Ségolène Humann-Guilleminot, coautrice dello studio.

Da notare che una moratoria sull'uso dei neonicotinoidi è stata pronunciata in Svizzera e in Europa. La persistenza di queste molecole nei suoli lascia presagire che saranno ancora presenti per qualche anno ancora.

Parallelamente nuovi insetticidi, quali il sulfoxaflor, fanno il loro ingresso sul mercato europeo. "Il loro modo di azione è molto simile a quello dei neonicotinoidi e i loro effetti sugli impollinatori e gli ausiliari della coltura sono stati messi in risalto in recenti studi", avverte il professor Fabrice Helfenstein, che ha diretto la ricerca.

6 mesi fa Bio sulla cresta dell'onda: in Svizzera vale 3 miliardi di franchi
Commenti
 
F/A-18 6 mesi fa su tio
L'articolo parla si di contaminazione nelle colture bio ma in concentrazione molto bassa rispetto alle colture tradizionali, quindi quasi tutti i commenti qui sotto sono fuori luogo, parole al vento. Il bio è meglio, forse non è per tutti ma è sicuramente meglio. Le regole per una buona salute sono riposo adeguato, movimento fisico non competitivo e costante, alimentazione sana, controllata ed alzarsi dal tavolo che si ha ancora fame, niente fumo, niente alcol che è veleno puro per il corpo e sesso a volontà, quello non deve mai mancare insieme ai soldi ed al buon'umore, salute a tutti.
Mauro Carrà 6 mesi fa su fb
Ma va?
Brigitte Gill 6 mesi fa su fb
Bio 😂😳😡 la verità è che paghi ancora di più x la medesima cosa 😂
Rosa Lara Strepparola 6 mesi fa su fb
Allora ci prendono x il cul!
Ricos Addor 6 mesi fa su fb
Io ho lavorato in un posto dove prendevano anche ferrame da buttare daparte al tunnel di plastica c erano li le lavatrici da buttare ed ogni volta che pioveva veniva pieno di schiuma del detersivo ed al posto hanno dato il marchio bio non faccio nomi....
Teresa Crameri 6 mesi fa su fb
Possiamo "ringraziare" a chi inquina la terrra e ... il celo....
Emily Burggraf 6 mesi fa su fb
Tristezza
matteo2006 6 mesi fa su tio
Non si parla di bio da mesi, ma guarda un po, 4 giorni fa esce l'articolo che in Svizzera il Bio va a gonfie vele e adesso questo nuovo articolo dove il bio è "contaminato" e lo sarà ancora per anni o per sempre a differenza dei prezzi che sono già aggiornati alla falsa purezza del prodotto che vendono al doppio se non il triplo. Sono un po stanco di questa informazione pilotata, messa li tanto per parlare di qualcosa nel blog, suscitare clamore e acchiappare qualche clic in più poi dimentica e ritirata fuori quando viene utile.
sedelin 6 mesi fa su tio
@matteo2006 utile a chi? per cosa?
matteo2006 6 mesi fa su tio
@sedelin A me e a te sicuramente no, mettiamola così, pare comunque strano (non mi piacciono i complottisti) che la notizia arrivi casualmente qualche giorno dopo, informazione che per lo più conosciamo da anni o meglio la popolazione dovrebbe conoscere, forse è semplicemente un rinfresco della memoria collettiva.
Oliver Lips 6 mesi fa su fb
Lucia Käufeler
sedelin 6 mesi fa su tio
i prodotti chimici, pesticidi e insetticidi (cidi come "omicidi") - cioé tutto ciò che uccide - andrebbe vietato. l'agricoltura biodinamica é la regina delle colture: la terra viene lavorata con prodotti derivati da erbe che hanno il potere di portare un equilibrio biologico nel terreno, il che permette una naturale difesa dai parassiti. se tutti coltivassero secondo i principi della biodinamica avremmo prodotti gustosi, incontaminati, salutari e ricchi di tutte le sostanze nutritive a prezzi sostenibili per tutti. ma le industrie chimiche andrebbero in fallimento. quindi ci avveleniamo lentamente per mantenere in vita le industrie chimiche e i loro CEO milionari. salute!
matteo2006 6 mesi fa su tio
@sedelin In un mondo "perfetto" sarebbe come dici tu ma aihmè dubito che con la sola produzione biologica si andrebbe avanti per molto (non dimenticare quante bocche da sfamare ci sono attorno a noi), non è poi solo l'industria chimica che potrebbe avere i suoi interessi ma chi vuole i prezzi sempre più bassi e gli scaffali sempre pieni di prodotti. Immagino che coop migros ecc.. sappiano benissimo quanto verrà eliminato di certe produzioni ma conviene certamente di più avere il negozio pieno per fare la bella scena al cliente che poi andrà a comperare bio spendendo il triplo e ripagando quanto viene buttato. Aggiungi pure che avendo le due coltivazioni hanno ancora più facilità a tirare i prezzi al ribasso per i produttori ovviamente perchè il consumatore pagherà profumatamente quei belli imballaggi verdi con stampato la scritta bio e magari senza glutine così facciamo l'accoppiata perfetta delle truffe alimentari del 21mo secolo.
Ariane Ambrosini-Pointaire 6 mesi fa su fb
sarà bio il giorno che la razza umana sarà scomparsa !
Thomas Dandrea 6 mesi fa su fb
Le cose biologiche,vanno bene ma il discorso è complesso.Molti si buttano nel bio perchè vedono dei contributi da ricevere dallo stato.Produrre con varietà resistenti è il futuro.Tra un pò le varietà deboli spariscono automaticamente,è questione di pochi anni e le tolgono.Basta buttare veleni.Purtroppo però perderemo molte cose dal gusto pregiato come nella viticultura,si vede benissimo che nessun vino fatto con uve resistenti eguaglia quello fatto con uve tradizionali come ad esempio il merlot ...La mela golden dal gusto insuperabile che necessita molti trattamenti per esempio mi dite che mela resistente la eguaglierà?
Viperus 6 mesi fa su tio
Eppure i citrulli che acquistano prodotti bio ci sono sempre lo stesso...ma sa pò?
malcantone 6 mesi fa su tio
Finalmente abbiamo scoperto l’America! Quindi a ragion veduta togliamo la certificazione Bio. Un imbroglio per i consumatori! Oltretutto a caro prezzo!
pontsort 6 mesi fa su tio
@malcantone Semmai si chieda un risarcimento a chi sparge veleni contaminando pure i terreni altrui
lollo68 6 mesi fa su tio
Un'orticoltrice, alla radio, ha detto che si è convertita al bio quando ha visto la tuta "spaziale" che avrebbe dovuto mettere per spruzzare le coltivazioni. Acquistando bio si proteggono anche i lavoratori.
albertolupo 6 mesi fa su tio
Ma qualcuno che legge gli articoli e non solo i titoli, no?
pontsort 6 mesi fa su tio
@albertolupo È chiedere troppo
Deanna Schlee 6 mesi fa su fb
Contaminati dai vicini😭campi...
Romy Ribi 6 mesi fa su fb
Il terreno sotto è comunque un po' contaminato da quelli vicini coltivati con prodotti nocivi... dunque non è piu totalmente Bio, ma lo è piu di quelli tradizionali!
Deanna Schlee 6 mesi fa su fb
Romy Ribi 👍ora si rimane un po' scettici nel comprare Bio... 😔
Mario Gabella 6 mesi fa su fb
Da ridere c’è che nonostante tutto il consumatore e la classe media...scusate l’espressione...se la piglia ancora in quel posto. Prendete il bio, vale la pena spendere tutti quei soldi, perchè ne va della vostra salute...la truffa, quella fatta bene. E il governo..non lo sapeva. Altra cosa, semi di girasole e di zucca bio...che vengono da Bulgaria e Ucraina...ma voi ci credete...?
Maurizio Roggero 6 mesi fa su fb
E l’ignoranza si scatena... 🤦🏼‍♂️
Toni Santos 6 mesi fa su fb
Era meglio se scrivevano : R.I.P BIO
Davide Pelucchi 6 mesi fa su fb
Che scoperta... Un po' come quelli che pensano che bloccando gli euro 3 in una città, nella città vicina non arriva lo smog perché l aria non si muove 😂🤣
Alessandra Rizzi 6 mesi fa su fb
L ho sempre detto che e una fregatura
Na'Ka Terba 6 mesi fa su fb
Ovvio
centauro 6 mesi fa su tio
Ma la volete capire che la coltivazione bio non esiste! se non si utilizzassero prodotti antiparassitari almeno metà dei prodotti coltivati sarebbero intaccati da insetti o altro!
Davide Carucci 6 mesi fa su fb
Guardate che non esistono le cose bio, un grande esempio sono le mele che è il frutto più trattato al mondo, solo che vengono trattate con prodotti classificati bio (una volta per combattere i pidocchi si usavano gli arsenicati ed erano considerati bio perché lo si estraeva in natura...) quindi a mio modo di vedere se veramente si vogliono avere prodotti bio bisogna farseli da soli...
Romy Ribi 6 mesi fa su fb
Si usa anche verde rame ...dipende la quantità!
Gabriella Tallone 6 mesi fa su fb
Basta, smettere con i pesticidi!
Anto Ferrari 6 mesi fa su fb
Si è sempre saputo, ciò non toglie che i prodotti bio restano sempre di gran lunga preferibili
Simona Vomeri 6 mesi fa su fb
L’unico vero Bio è quello che fai nel tuo orto, dove sai esattamente cosa usi o no. Ovviamente l’acqua che viene del cielo o l’aria non la può decidere...ma almeno ciò che metti nel terreno si.
Paula Georgiana 6 mesi fa su fb
Simona Vomeri messi sempre con semi Bio.
Simona Vomeri 6 mesi fa su fb
Paula Georgiana ...io non uso semi bio 😬😊
Monica Betti 6 mesi fa su fb
Non c'era bisogno di uno studio
Marina Riva 6 mesi fa su fb
Lo sempre detto che bio non è altro che una presa in giro 🤬
Giovanna Poretti 6 mesi fa su fb
Contaminato o no io acquisto comunque bio!
Giovanna Poretti 6 mesi fa su fb
Contaminato o no io acquisto comunque bio!
Fio Maffi 6 mesi fa su fb
Giovanna Poretti perlomeno noi ci proviamo...anch'io Bio...
Massimo Balena 6 mesi fa su fb
Ancora c'è gente che crede al Bio??
Francesco Gloria 6 mesi fa su fb
Non avevo dubbi! Ditelo anche a chi compra Bio ed è convinto che non è così!
Ramon Marconi 6 mesi fa su fb
Leidiane Marconi
Leidiane Marconi 6 mesi fa su fb
Ramon Marconi nuoooo
Ramon Marconi 6 mesi fa su fb
Leidiane Marconi cosî per ricordartelo ... io ho SEMPRE ragione hahaha
Nicoleta Haidau 6 mesi fa su fb
Cmq è sempre di meno contaminata...
Elvi Boerio 6 mesi fa su fb
Cristina Bianchi, te lo dicevo io! Non è più bio neanche il nostro orto!
Cristina Bianchi 6 mesi fa su fb
Elvi Boerio siccome sono vietato da oltre tre anni significa Cmq che l'agricoltura normale ne farà ancora uso, e questo non è bello, che il Bio sia contaminato non è certo una buona cosa, ma è una conseguenza dell'agricoltura selvaggia😉. Resta il fatto che io preferisco Cmq appoggiare il Bio e se si trovano elementi nocivi e vietato nel bio figuriamoci nel non bio, perciò se posso ingerire merda in minor quantità continuerò imperterrita a preferire il bio😁. Ciao Elvi buona domenica a voi e grazie per questa info molto importante 👍.
Elvi Boerio 6 mesi fa su fb
Cristina Bianchi difatti è una pessima notizia! Buona domenica a voi! 😘
La SVans 6 mesi fa su fb
Sempre detto, io... La terra è una sola... Se il suolo è contaminato, lo è dappertutto
Catia Probst 6 mesi fa su fb
sinceramente non capisco cosa c’è da ridere....visto che c’è da piangere! Comunque se le coltivazioni fossero tutte Bio, le contaminazioni da pesticidi non ci sarebbero!! Ma vedo che tanti se ne fanno quasi un vanto di mangiare cose contaminate 👍👍
Gilda Bergonzoli 6 mesi fa su fb
Spot on👏
Elena Maretti 6 mesi fa su fb
Che scoperta......
Tiffany Ty 6 mesi fa su fb
Niente di nuovo....terreno acqua ed aria sono per tutti uguali...😥
Rosalba Rossini 6 mesi fa su fb
Ma è normale! O coltivi in una zona dove c'è solo bio (il che è pressoché impossibile ) oppure rassegnati
Mic Hela 6 mesi fa su fb
Ma se tutti comprassero bio, anche il vicino si metterebbe a coltivare bio no? Mentre che se nessuno lo compera, si continuerà di questo passo...
Tona Dor 6 mesi fa su fb
Mic Hela è sempre molto più comodo trovare qualche scusa per non cambiare. Il cambiamento è sempre graduale e costoso
Rosalba Rossini 6 mesi fa su fb
Mic Hela già. ..se tutti. ... Ma sarà mai possibile. ?
Guiebre Abdoul Rashid 6 mesi fa su fb
São Bento Gouveia
Nadia Carbonetti 6 mesi fa su fb
Sempre pensato.
Sandra Ciantro 6 mesi fa su fb
Nadia Carbonetti anche io
Paolo Cappelletto 6 mesi fa su fb
Comprate bio e prendetelo drio
Fabiana Calsolaro 6 mesi fa su fb
Marianna Di Costanzo a sti prezzi conviene comprare normale, se la salute ne risente comunque almeno giova al portafoglio!
Marianna Di Costanzo 6 mesi fa su fb
Fabiana Calsolaro vabbè almeno però sono inferiori le sostanze chimiche riscontrate .. limitiamo in piccole parti 🤷🏼‍♀️con dove possiamo anche perché non tutto il bio costa di più .. questo si sapeva.. purtroppo ormai viviamo in un mondo marcio 😞
Simone Fiocchetta 6 mesi fa su fb
Ma quelli che mettono la faccina che ride, che cos’ hanno da ridere?
Nmemo 6 mesi fa su tio
Così stando le cose, sarebbe una truffa ... Chi interviene? Chi tutela l'acquirente?
Thor61 6 mesi fa su tio
@Nmemo Nessuno!!!! Purtroppo! Le falsità per far cassa piacciono a molti! Il biologico esiste solo nel prezzo perchè ci vogliono più "Verdoni"! ;o)))) Saluti
Deanna Schlee 6 mesi fa su fb
🙏🏻😱🙈non sappiamo più cosa mangiare a questo punto.....bio del cavolo.....acquisti Bio poi ti ritrovi che il 93 per cento e contaminato....signur guarda giò😪🙈
Romy Ribi 6 mesi fa su fb
Ma ce ne sarà in minor quantità è ovvio... perciò una goccia nel mare serve sempre...evviva la gente che si impegna sempre di più a non usare quelle schifezze che uccidono i nostri insetti. Sosteniamo il BIO
Tona Dor 6 mesi fa su fb
Romy Ribi hai ragione. certo che se al grido di “tanto è contaminato”, si continua a preferire i prodotti direttamente trattati chimicamente, tutto sarà sempre contaminato 🤷🏻‍♀️ comodo non cambiare mai niente: il cambiamento è sempre costoso e graduale
Tona Dor 6 mesi fa su fb
(Poi però tutti ad osannare chi si fa paladino del cambiamento e riceve i nobel eh, mi raccomando. Cambiare mezza cosa in casa propria: sia mai)
Ricciola Franca Moine 6 mesi fa su fb
IL BIO DI ORA NON È IL BIO DEI NOSTRI NONNI.NON POTRA MAI ESSERLO.TROPPI VELENI
Doriana Cereda 6 mesi fa su fb
Costano di più e sono peggio delle altre verdure!!!!
Corinne Monti 6 mesi fa su fb
Non ci voleva uno studio dell'Università per capirlo.
Georgia Blanc 6 mesi fa su fb
Gibellini Vale
Alessandro Milani 6 mesi fa su fb
Stranoo
Pamela Marchetti 6 mesi fa su fb
Io x quello che non prendo quasi niente di bio....aspetto il mio orto.quello si che è bio....poi a 1500 metri
Norma Gavazzini 6 mesi fa su fb
Bio per far spendere di più
Andrea Ferraz 6 mesi fa su fb
Ecco, paghiamo più caro per mangiare lo stesso 🤣
Pat Patty 6 mesi fa su fb
Yeaaaaah che bello
Lucia Mazzoni 6 mesi fa su fb
Andiamo bene
Bobby Flexter 6 mesi fa su fb
che scoperta!!!
Tiziana Bacciarini Lucchini 6 mesi fa su fb
Piogge acide.....terreni contaminati da Chernobyl..........
Carmen Ramellini 6 mesi fa su fb
Tiziana Bacciarini Lucchini ecco esatto! Il terreno è contaminato quindi non c’è niente di puro bio, si spende di più e basta quindi tanto vale...
Alessandro Kom 6 mesi fa su fb
Tiziana Bacciarini Lucchini Concordo , soprattutto ora che le grandi multinazionali hanno fatto incetta delle varie “ azienduncole” che coltivavano e producevano il cosiddetto “ cibo ecologico” . P.S. Fatti una risata https://youtu.be/rq_dz8rpobg
Josip Simic 6 mesi fa su fb
🤣🤣🤣
Matty Saedt 6 mesi fa su fb
Thomas
Stefano Casalinuovo 6 mesi fa su fb
Il bio è un grande bluff
Simone Fiocchetta 6 mesi fa su fb
Stefano Casalinuovo , è scritto contaminato, non che è uguale aì prodotti con i pesticidi.
Stefano Casalinuovo 6 mesi fa su fb
Simone Fiocchetta so leggere, grazie
Stefano Casalinuovo 6 mesi fa su fb
Simone Fiocchetta https://www.teatronaturale.it/tracce/italia/3891-bio-che-bluff-la.htm
Stefano Casalinuovo 6 mesi fa su fb
Simone Fiocchetta Una recente ricerca dell'università americana di Stanford ha sfatato il mito della superiorità del cibo bio rispetto ai cibo tradizionali. I ricercatori statunitensi hanno dimostrato che non ci prove scientifiche certe di una netta e costante differenza di qualità e salubrità tra questi alimenti e quelli convenzionali, prodotti in colture o allevamenti dove vengono usati anche prodotti chimici. Restando in Italia uno studio della rivista specializzata Altroconsumo ha analizzato una serie di prodotti biologici (biscotti, yogurt, confetture etc) rilevando che in parecchi casi questi alimenti contenevano grassi di scarsa qualità o, come nel caso dei cereali, addirittura più micro-tossine rispetto ai prodotti convenzionali.
Daniel Gherbi 6 mesi fa su fb
Stefano mangiati un pezzo di carne bio svizzera e un pezzo di carne proveniente dall'ungheria poi fammi sapere.
Stefano Casalinuovo 6 mesi fa su fb
Daniel Gherbi il discorso riguarda le coltivazioni
Gio Ber 6 mesi fa su fb
Oltre che a pagare di più sono anche contaminate.
Graziella Regusci 6 mesi fa su fb
Gio Ber e allora.... perché pagare di più se la differenza non c’è? Io non mi sono mai posta il problema di mangiare solo bio
Gio Ber 6 mesi fa su fb
Graziella Regusci ???
Gustavo Gesualdo 6 mesi fa su fb
Lo dico da tempo Se un campo biologico è vicino ad un campo che sviluppa colture e antiparassitari in modo tradizionale, il primo non può difendersi dalla contaminazione dell'aria e dell'acqua posta in essere dai vicini Il Bio sembra una grossa bugia Attendo smentite
Romy Ribi 6 mesi fa su fb
Non è una bugia. Se tutti facessero Bio ci sarebbe sempre meno pesticidi ed erbicidi e altre schifezze! Questi articoli anti Bio servono a screditare aziende che si impegnano per preservare salute e pianeta! Basta leggere i commenti!
Gustavo Gesualdo 6 mesi fa su fb
Romy Ribi Ah, ecco Se TUTTI facessero Bio Ma non è questo il caso
Arminda Armi 6 mesi fa su fb
Romy Ribi La penso come Lei. Da qualche parte bisogna pur cominciare e ad aver maggior rispetto per la natura. Io quando posso compro Bio ,inoltre ho un piccolo orto ed alcune piante di frutta che coltivo senza pesticidi. Poi ognuno faccia come meglio crede. Ma nessuno ha il diritto di screditare le aziende che si impegnano seriamente. Seguendo il ragionamento di acuni commenti , visto che il mare è inquinato tutti possono gettare pattume e plastiche in mare ,tanto ce ne sono gia..
Romy Ribi 6 mesi fa su fb
Gustavo Gesualdo Certo perché la gente compera ancora la verdura non Bio dunque si va avanti a produrla contaminata con fosfati e altre schifezze chimiche. Se al contrario la coltivazione viene boicottata, allora si che si vedrebbe un miglioramento dei terreni con l'aumento della coltivazione piu sana. Infatti la statistica attuale dice che la vendita di prodotti BIO è aumentata molto in questi ultimi anni, dunque c'è speranza.
Romy Ribi 6 mesi fa su fb
Arminda Armi Brava, concordo... ma è più facile scoraggiarsi e sopratutto criticare chi vuole fare con rispetto. Costa di piu è vero ma ne vale la pena.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
47 min

Le prostitute recensite non ci stanno: «Anche alcuni clienti sono disgustosi»

Non piacciono a tutte i forum dove si valutano le prestazioni. Ma c'è chi apprezza: «Una buona recensione significa un buon lavoro»

SVIZZERA
1 ora

L'industria dei videogiochi svizzera è in crescita

La Swiss Game Developers Association spera che il governo svizzero voglia sfruttare il potenziale di questo settore nella prossima legislatura

LUCERNA
10 ore

L'aggressore 23enne affronta la Polizia. La vittima: «Non vedo più da un occhio»

Il 21 settembre aveva letteralmente spaccato la faccia a un 33enne incontrato in stazione. La polizia, quindi, aveva diffuso le immagini della video sorveglianza

VALLESE
11 ore

Chamoson, l'auto trovata nel Rodano è quella della tragedia

I cadaveri dei due dispersi non sono stati per contro ritrovati nell'abitacolo

SVIZZERA / SPAGNA
14 ore

Gli indipendentisti catalani in Svizzera: «Viste da qui, queste sentenze sono inconcepibili»

Per la sezione elvetica dell'Assemblea Nacional Catalana, le condanne di oggi sono «uno scandalo nell'Europa democratica»

GINEVRA
14 ore

A processo il vicepresidente di Exit Romandia: «Ha aiutato un'86enne a morire»

I fatti risalgono all'aprile del 2017: la donna, in buona salute, aveva chiesto di poter lasciare questo mondo insieme al marito gravemente malato

FOTO
ZURIGO
16 ore

Ruba l'auto, forza il posto di blocco e investe una poliziotta

Un'agente di 39 anni è rimasta ferita gravemente. Il conducente, un cittadino svizzero, è stato fermato e arrestato

FOTO
BASILEA CITTÀ
17 ore

Bus frena bruscamente per evitare una bicicletta, sette feriti

Diversi passeggeri sono caduti a terra a causa della frenata d'emergenza del mezzo. Il ciclista non si è fermato sul luogo dell'incidente. La polizia cerca testimoni

LOSANNA
17 ore

Il Politecnico di Losanna rinuncia al concorso di Elon Musk

I ricercatori intendono concentrarsi sull'aspetto ecologico di questo tipo di trasporto del futuro

VIDEO
ZURIGO
18 ore

Un'enorme pozza di sangue sul tram, è mistero sulle cause

La vicenda è avvenuta attorno alla mezzanotte di domenica sul tram numero 2 della città di Zurigo. La compagnia di trasporti: «Oltre 2000 orme insanguinate». La polizia: «Stiamo indagando»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile