Keystone
La Seco: «Anche la Svizzera si assume la sua responsabilità».
SVIZZERA
28.03.19 - 11:170

Materie prime: «Più trasparenze per meno disuguaglianze»

È l'obiettivo dell'Iniziativa per la trasparenza delle materie estrattive che a Losanna auspica a una remunerazione "fair" nei paesi produttori

LOSANNA - Nonostante la loro potenziale ricchezza, i Paesi produttori di materie prime presentano spesso un tenore di vita medio molto basso. Per trovare una soluzione una possibile via è l'aumento della trasparenza. Questo è l'obiettivo dell'Iniziativa per la trasparenza delle industrie estrattive (EITI), che oggi ha presentato i suoi risultati a Losanna.

I benefici che i Paesi produttori di materie prime potrebbero avere sono spesso vanificati dalla corruzione e dall'utilizzo inadeguato dei ricavi provenienti da questo settore, viene spiegato in un comunicato odierno della Segreteria di Stato dell'economia (SECO). Attraverso la trasparenza, è possibile sollecitare i governi interessati a rendere conto del loro operato.

L'EITI lavora dal 2002 per raggiungere questo obiettivo e il suo quadro normativo di riferimento viene oggi implementato da 52 Paesi, da oltre 60 società di estrazione e commercializzazione e viene sostenuto da 400 organizzazioni della società civile. Grazie all'iniziativa sono stati dichiarati 2500 miliardi di dollari versati ai governi dei Paesi estrattori da parte delle imprese di materie prime.

Per quanto riguarda la pubblicazione dei flussi finanziari sono stati compiuti progressi tangibili, continua la nota. I volumi di vendita e gli introiti devono ora essere pubblicati in modo da permettere di risalire agli acquirenti. I governi devono inoltre dichiarare quali criteri applicano per la scelta di questi ultimi. Queste novità entreranno in vigore in giugno.

La Svizzera, spiega ancora la SECO, «si assume la propria responsabilità» attraverso contributi finanziari a favore dell'EITI e con una sua rappresentanza attiva nel consiglio di vigilanza.
 
 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GERMANIA/SVIZZERA
6 ore

In macchina con i nonni, muore bimbo svizzero di 9 anni

La loro macchina è stata violentemente tamponata mentre viaggiavano in autostrada a sud di Monaco di Baviera

ELEZIONI FEDERALI 2019
6 ore

«Bisogna firmare l'accordo quadro con l'Unione europea»

Così Jürg Grossen, presidente nazionale dei Verdi liberali. All'imminente appuntamento elettorale, il partito potrebbe crescere

SAN GALLO / TURGOVIA
10 ore

8 colpi e 800'000 franchi di bottino, catturato l'uomo mascherato

Davanti alla procura il 26enne ha confessato di essere l'artefice delle varie rapine compiute ai danni di banche e distributori di benzina nella Svizzera orientale negli ultimi anni

SVIZZERA
10 ore

Roger e Xenia non hanno fatto pubblicità occulta

La Commissione svizzera per la lealtà ha risposto al reclamo presentato dall'associazione svizzero-tedesca di protezione dei consumatori

FOTO
ZURIGO
11 ore

Esperimenti sui cani, l'Uni si difende: «Non sapevamo nulla»

La ZHAW di Zurigo dichiara di non essere a conoscenza dei test effettuati in un laboratorio tedesco che agiva su mandato di un'azienda farmaceutica che collaborava con la scuola: «Test inaccettabili»

SVIZZERA
12 ore

Quasi 40'000 firme contro il 5G

Una petizione che chiede una moratoria sullo sviluppo della tecnologia mobile è stata depositata oggi presso il Dipartimento federale delle comunicazioni

SVIZZERA
13 ore

Deal o No-Deal: la Svizzera è preparata alla Brexit

Cinque accordi sono stati elaborati con il Regno Unito che verrebbero applicati a partire dal momento in cui le intese bilaterali tra Berna e Londra non saranno più valide

SAN GALLO
14 ore

Quella fattoria è fuori dal mondo, anche per la Posta

Nell'estate 2016, il gigante giallo aveva informato un contadino che non gli avrebbe più consegnato pacchi e lettere al domicilio. L'uomo ha fatto ricorso, invano.

LUCERNA
16 ore

Maxi tamponamento in galleria, nove feriti

In tutto sono una decina i veicoli coinvolti nell'incidente avvenuto stamattina nel tunnel di Eich

SVIZZERA
16 ore

Le banconote svizzere non piacciono ai falsari

Il 2018 si è rivelato un anno record, con sole 1200 banconote false rilevate in totale, dal valore nominale di 208'140 franchi. Nel 2001 il valore si attestava a oltre 65 milioni di franchi

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile