Keystone
SVIZZERA
26.03.19 - 16:380

Selecta ritira dai distributori i prodotti Coca-Cola

Coca Cola dal canto suo si è limitata a prendere atto della decisione, che sarà effettiva da aprile

BERNA - Selecta, gruppo specializzato nei distributori automatici di caffè, bevande e snack installati negli uffici e in luoghi pubblici, ritira dal suo assortimento alcune bibite del marchio Coca Cola, dopo che il gigante americano ha deciso di ridurre il contenuto delle sue bottigliette sul mercato svizzero da 5 a 4,5 decilitri senza adeguare il prezzo.

La notizia, riportata dal sito web Watson, è stata confermata da un portavoce dell'azienda. Coca Cola dal canto suo si è limitata a prendere atto della decisione, che sarà effettiva da aprile. Bevande quali Fanta, Sprite o Bitter Lemon saranno sostituite da altri prodotti, come Sinalco o 7-up, mentre l'offerta di Coca-Cola e Coca-Cola Zero sarà ridimensionata. In alternativa verranno offerti prodotti Pepsi Max nelle tradizionali bottiglie da 5 decilitri.

Commentando, nello scorso gennaio, la notizia della riduzione delle dimensioni delle bottiglie, Coca-Cola aveva indicato che «in qualità di azienda svizzera con circa 800 dipendenti doveva far fronte a costi locali sempre elevati».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
15 ore
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
16 ore
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
SVIZZERA
17 ore
«Malgrado le opposizioni, il 5G non è a rischio»
Il CEO di Swisscom ritiene di poter coprire entro la fine dell'anno oltre il 90% del Paese con la rete mobile di nuova generazione
SVIZZERA
18 ore
Autopostale: «Vigilanza lacunosa da parte di Berna»
La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati punta il dito contro il Consiglio federale: «È evidente che si dovrà aumentare la vigilanza sulle aziende parastatali»
SVIZZERA
20 ore
Un argoviese ha diretto la prigione della tortura in Siria
Lo svizzero Thomas C. è stato tra i primi europei a partire per la Jihad e in breve tempo ha scalato le gerarchie dello Stato Islamico. Ha formato alcuni terroristi che hanno colpito l'Europa
SONDAGGIO
SVIZZERA
21 ore
Il 40% di chi lavora vorrebbe continuare a farlo anche dopo l'età della pensione
La maggior parte gradirebbe proseguire a tempo parziale mentre il 5% sarebbe volentieri disponibile a un tempo pieno
SINGAPORE / SVIZZERA
21 ore
UBS multata dalle autorità di Singapore per 8,1 milioni di franchi
La colpa: i suoi collaboratori avrebbero ingannato diversi investitori. I clienti raggirati saranno risarciti, promette la banca
SVIZZERA
22 ore
Il Governo risponde a Quadri: «La sospensione di Schengen non è fattibile»
Il consigliere nazionale leghista auspicava la decisione dopo la riapertura dei porti italiani
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile