Keystone (archivio)
Le gratifiche nei confronti dei dipendenti sono diminuite del 38% dal 2008
SVIZZERA
17.03.19 - 15:170

L'aristocrazia dei bonus bancari: top manager sempre più pagati

In UBS i cosiddetti "Key Risk Takers" ricevono in media 1,8 milioni di franchi a testa. Calano invece le gratifiche per i dipendenti

ZURIGO - Nelle grandi banche sta nascendo una nuova aristocrazia dei bonus: lo sostiene la NZZ am Sonntag, che mette in luce come le gratifiche siano diminuite per la gran parte dei dipendenti, mentre sono aumentate per i top manager.

La crisi finanziaria ha portato gli istituti non solo a ridurre il personale, bensì anche a tagliare i compensi: in media i bancari ricevono un bonus di 25'000 franchi, il 38% in meno del 2008, afferma il domenicale sulla base delle cifre sui rilevamenti dei salari.

Nel contempo però nelle banche continuano a esserci persone che incassano milioni, i cosiddetti "Key Risk Takers": presso UBS 675 dipendenti ricevono 1,2 miliardi, pari a un quarto di tutti i bonus, in media 1,8 milioni a testa. In seno a Credit Suisse questi top manager sono oltre 1000, il doppio di quanto fossero sei anni or sono.

Le gratifiche aumentano o rimangono stabili anche se i corsi delle azioni delle rispettive società crollano, come è stato il caso nel 2018 per le due banche, che hanno visto i loro titoli perdere un terzo del loro valore.

Emblematico è il caso del presidente della direzione di UBS Sergio Ermotti, che nel 2018 ha incassato 14,1 milioni di franchi, praticamente lo stesso dei 14,2 milioni dell'anno precedente. Si tratta di un importo che un ticinese medio (salario mediano mensile 5563 franchi) guadagna in 213 anni di lavoro.

Fra gli investitori - riferisce la NZZ am Sonntag - si fa strada una certa irritazione, perché i compensi non sembrano essere in relazione con le prestazioni, sintetizzate dal corso delle azioni. Ermotti guadagna assai più che all'inizio del suo mandato: lo stipendio fisso è rimasto stabile a 2,5 milioni di franchi ma è fortemente aumentato il bonus, da 6,1 a 11,3 milioni.

Le banche sostengono che le retribuzioni d'oro sono necessarie per accaparrarsi i migliori talenti. Sulla base di studi scientifici, il professore dell'Università di San Gallo Roland Weibel - citato dal settimanale - dubita però che elevate quote variabili dei compensi portino a un maggiore successo aziendale.

Anche l'Associazione svizzera degli impiegati di banca (ASIB) è critica. «I bonus non generano incentivi, sono al contrario una fonte di frustrazione», afferma la direttrice Denise Chervet. I dipendenti desiderano in primo luogo riconoscimento e un posto di lavoro sicuro: e proprio queste cose mancano. «Il calo dei ricavi ha condotto a programmi di risparmio: molti non capiscono il fatto che in quest'ambito i direttori ricevano gratifiche da 10 milioni».

Commenti
 
Tato50 7 mesi fa su tio
Grazie TIO; settimana rovinata ;-)))
LAMIA 7 mesi fa su tio
La politica federale serve solo a loro e ai loro amici il resto, tutti pezzenti e carne da macello
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ELEZIONI FEDERALI 2019
1 ora

«Puntiamo a rompere la maggioranza della destra»

Parla Christian Levrat, presidente nazionale del PS. Il prossimo 20 ottobre l'appuntamento alle urne

FOTO
SAN GALLO
1 ora

Basta un solo attimo sulla strada e la Corvette non c'è più

L’uomo al volante ha riportato lievi ferite, mentre per la passeggera è intervenuta la Rega. I pompieri hanno dovuto liberarli dalle lamiere

GERMANIA/SVIZZERA
15 ore

In macchina con i nonni, muore bimbo svizzero di 9 anni

La loro macchina è stata violentemente tamponata mentre viaggiavano in autostrada a sud di Monaco di Baviera

SAN GALLO / TURGOVIA
20 ore

8 colpi e 800'000 franchi di bottino, catturato l'uomo mascherato

Davanti alla procura il 26enne ha confessato di essere l'artefice delle varie rapine compiute ai danni di banche e distributori di benzina nella Svizzera orientale negli ultimi anni

SVIZZERA
20 ore

Roger e Xenia non hanno fatto pubblicità occulta

La Commissione svizzera per la lealtà ha risposto al reclamo presentato dall'associazione svizzero-tedesca di protezione dei consumatori

FOTO
ZURIGO
21 ore

Esperimenti sui cani, l'Uni si difende: «Non sapevamo nulla»

La ZHAW di Zurigo dichiara di non essere a conoscenza dei test effettuati in un laboratorio tedesco che agiva su mandato di un'azienda farmaceutica che collaborava con la scuola: «Test inaccettabili»

SVIZZERA
22 ore

Quasi 40'000 firme contro il 5G

Una petizione che chiede una moratoria sullo sviluppo della tecnologia mobile è stata depositata oggi presso il Dipartimento federale delle comunicazioni

SVIZZERA
22 ore

Deal o No-Deal: la Svizzera è preparata alla Brexit

Cinque accordi sono stati elaborati con il Regno Unito che verrebbero applicati a partire dal momento in cui le intese bilaterali tra Berna e Londra non saranno più valide

SAN GALLO
1 gior

Quella fattoria è fuori dal mondo, anche per la Posta

Nell'estate 2016, il gigante giallo aveva informato un contadino che non gli avrebbe più consegnato pacchi e lettere al domicilio. L'uomo ha fatto ricorso, invano.

LUCERNA
1 gior

Maxi tamponamento in galleria, nove feriti

In tutto sono una decina i veicoli coinvolti nell'incidente avvenuto stamattina nel tunnel di Eich

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile