Ti-Press
SVIZZERA
08.03.19 - 15:020
Aggiornamento : 15:23

AutoPostale: inchiesta estesa anche contro l'ex CFO di Posta

La procedura penale amministrativa è stata aperta per sospetta frode fiscale

BERNA - Nuovi risvolti nella vicenda AutoPostale: l'Ufficio federale di polizia (Fedpol) ha esteso a una terza persona la procedura penale amministrativa per sospetta truffa in materia di sovvenzioni. Nel mirino della giustizia - oltre all'ex direttore e al responsabile delle finanze dell'azienda di trasporto della Posta - è finito ora anche Pascal Koradi, ex direttore finanziario (CFO) del "Gigante giallo".

Alla fine dello scorso anno Fedpol aveva già avviato un procedimento penale amministrativo contro l'ex direttore responsabile di AutoPostale, Daniel Landolf, e contro l'ex capo delle finanze.

Il procedimento penale amministrativo contro l'ex CFO della Posta Svizzera per sospetta truffa in materia di prestazioni è invece stato deciso all'inizio di marzo, indica Fedpol a Keystone-ATS, confermando una notizia in questo senso diffusa dalla versione online del blick.

L'Ufficio federale di polizia non fornisce ulteriori dettagli sulla vicenda, limitandosi a ricordare che per tutte le persone coinvolte vige la presunzione di innocenza.

Koradi è stato CFO della Posta Svizzera dal 2012 al 2016, per poi diventare presidente del Consiglio di amministrazione della Banca Cantonale di Argovia. Si è ritirato da questa posizione nel giugno dell'anno scorso sull'onda delle indagini certosine avviate in seno ad AutoPostale, motivando la mossa con l'intenzione di proteggere la reputazione della banca.

In quella occasione Koradi aveva affermato di continuare a ritenere corrette le decisioni prese in qualità di CFO del Gruppo Posta. «Mi rammarico di non essere mai stato ascoltato dai responsabili della Posta fino ad oggi. Un chiarimento completo di quanto avvenuto sarebbe molto importante per me».

Alla fine di febbraio del 2018 il Consiglio federale aveva deciso di affidare a Fedpol la procedura penale amministrativa contro ignoti per fare chiarezza sulle irregolarità riscontrate nei conti di AutoPostale.

Lo scandalo AutoPostale era scoppiato il 6 febbraio 2018, quando l'Ufficio federale dei trasporti (UFT) aveva annunciato di aver scoperto, durante l'ordinaria attività di revisione del conteggio delle prestazioni, che l'azienda di trasporto della Posta, tra il 2007 e il 2015, aveva effettuato trasferimenti illeciti di utili dal traffico regionale viaggiatori sovvenzionato ad altri settori di attività, ottenendo indebite indennità federali e cantonali.

Daniel Landolf aveva deciso di partire in pensionamento anticipato prima che venissero alla luce le malversazioni e di aprire un ristorante. Lo scalpore suscitato dalla vicenda ha portato a diverse dimissioni all'interno della Posta.

Il 10 giugno 2018 la direttrice generale Susanne Ruoff aveva rassegnato le dimissioni con effetto immediato, assumendosi la responsabilità di quanto avvenuto ma negando di essere stata a conoscenza delle irregolarità. Il giorno successivo, il Consiglio di amministrazione aveva comunicato l'esonero dell'intera direzione di AutoPostale. Sempre in giugno si era dimesso anche il vicepresidente del Cda Adriano Vassalli, seguito dieci giorni dopo da un altro membro dell'organo di vigilanza, Susanne Blank, mentre era rimasto in sella il presidente Urs Schwaller, finito anch'egli nel mirino delle critiche.

Dallo scorso novembre, AutoPostale è diretta da Christian Plüss, ex quadro dirigente di Alpiq, dopo che la divisione è stata guidata ad interim da Thomas Baur.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ELEZIONI FEDERALI 2019
50 min

«Puntiamo a rompere la maggioranza della destra»

Parla Christian Levrat, presidente nazionale del PS. Il prossimo 20 ottobre l'appuntamento alle urne

FOTO
SAN GALLO
59 min

Basta un solo attimo sulla strada e la Corvette non c'è più

L’uomo al volante ha riportato lievi ferite, mentre per la passeggera è intervenuta la Rega. I pompieri hanno dovuto liberarli dalle lamiere

GERMANIA/SVIZZERA
15 ore

In macchina con i nonni, muore bimbo svizzero di 9 anni

La loro macchina è stata violentemente tamponata mentre viaggiavano in autostrada a sud di Monaco di Baviera

SAN GALLO / TURGOVIA
20 ore

8 colpi e 800'000 franchi di bottino, catturato l'uomo mascherato

Davanti alla procura il 26enne ha confessato di essere l'artefice delle varie rapine compiute ai danni di banche e distributori di benzina nella Svizzera orientale negli ultimi anni

SVIZZERA
20 ore

Roger e Xenia non hanno fatto pubblicità occulta

La Commissione svizzera per la lealtà ha risposto al reclamo presentato dall'associazione svizzero-tedesca di protezione dei consumatori

FOTO
ZURIGO
21 ore

Esperimenti sui cani, l'Uni si difende: «Non sapevamo nulla»

La ZHAW di Zurigo dichiara di non essere a conoscenza dei test effettuati in un laboratorio tedesco che agiva su mandato di un'azienda farmaceutica che collaborava con la scuola: «Test inaccettabili»

SVIZZERA
21 ore

Quasi 40'000 firme contro il 5G

Una petizione che chiede una moratoria sullo sviluppo della tecnologia mobile è stata depositata oggi presso il Dipartimento federale delle comunicazioni

SVIZZERA
22 ore

Deal o No-Deal: la Svizzera è preparata alla Brexit

Cinque accordi sono stati elaborati con il Regno Unito che verrebbero applicati a partire dal momento in cui le intese bilaterali tra Berna e Londra non saranno più valide

SAN GALLO
1 gior

Quella fattoria è fuori dal mondo, anche per la Posta

Nell'estate 2016, il gigante giallo aveva informato un contadino che non gli avrebbe più consegnato pacchi e lettere al domicilio. L'uomo ha fatto ricorso, invano.

LUCERNA
1 gior

Maxi tamponamento in galleria, nove feriti

In tutto sono una decina i veicoli coinvolti nell'incidente avvenuto stamattina nel tunnel di Eich

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile