Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
01.03.19 - 07:390
Aggiornamento : 10:01

"Oneri eccezionali" e l'utile di Raiffeisen va giù

Nonostante questa contro-performance, l'attività con la clientela è stata solida. Dopo un anno tumultuoso, ci si aspetta che il 2019 sia un esercizio di "transizione"

ZURIGO - «Oneri eccezionali», strascico dell'era Pierin Vincenz, hanno causato a Raiffeisen un forte calo dell'utile nel 2018. Il gruppo bancario sangallese ha tuttavia mostrato una solida performance nell'attività con la clientela di deposito e prestito.

I ricavi d'esercizio sono diminuiti del 7% a 3,1 miliardi di franchi, mentre gli oneri sono calati dello 0,8% a circa 2 miliardi. Il risultato d'esercizio ha registrato un tonfo del 36,9% a 699,1 milioni e l'utile netto una flessione di ben il 41% a 540,8 milioni, indica il terzo gruppo bancario elvetico in una nota diramata oggi.

Raiffeisen adduce a giustificazione «oneri eccezionali» per complessivi 270 milioni che hanno pesato sui risultati del gruppo, aggiungendosi ai 120 milioni messi da parte al fine di consolidare le riserve per i rischi bancari.

Fonte principale di entrate, il prodotto netto delle operazioni su interesse è diminuito nel periodo in rassegna dello 0,9% a 2,2 miliardi, mentre le entrate dovute a commissioni e servizi sono scese dell'8,8% a 450,8 milioni. Il prodotto derivante dalle operazioni di negoziazione è arretrato dell'8,7% a 210,4 milioni.

Nonostante questa contro-performance, l'attività con la clientela è stata solida. I prestiti sono cresciuti del 4% a 187,7 miliardi. Per la maggior parte - 179,6 miliardi, +4% - si è trattato di mutui ipotecari. I depositi sono progrediti dell'1% a 165,7 miliardi e gli afflussi netti di liquidità hanno raggiunto i 6,3 miliardi, a fronte dei 4,5 miliardi dell'esercizio 2017.

Come è avvenuto per gli altri istituti bancari, i sommovimenti della fine dell'anno scorso sui mercati finanziari hanno ridotto gli averi in gestione, scesi del 6,5% a 196,1 miliardi di franchi.

«Le Banche Raiffeisen hanno amministrato molto bene le rispettive attività nonostante un contesto difficile: l'anno scorso hanno potuto incrementare il numero di clienti privati e di società», ha affermato Heinz Huber, presidente della direzione generale, citato nella nota.

In totale, la somma di bilancio ha raggiunto alla fine del 2018 i 225,3 miliardi, in leggera diminuzione su un anno (-1,1%). Il gruppo è finanziariamente solido con un ratio dei fondi propri (CET 1) del 16,5%, in progressione di 0,6 punti percentuali. Il numero di collaboratori è invece sceso di quasi 200 unità, per attestarsi a 9215 impiegati a tempo pieno.

Dopo un anno tumultuoso, Raiffeisen si aspetta che il 2019 sia un esercizio di "transizione" e non fornisce dettagli in cifre sulla performance che si attende di ottenere.

Lo scorso gennaio un rapporto indipendente commissionato dalla banca aveva rilevato gravi carenze in seno a Raiffeisen nell'ambito dell'acquisizione e della gestione delle partecipazioni in società esterne nell'era dell'ex Ceo Pierin Vincenz, il manager grigionese finito in prigione con l'accusa di aver mischiato interessi privati e professionali quando era presidente della direzione, fra il 1999 e il 2015.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore

Limitare immigrazione, l'iniziativa UDC non fa breccia

Anche se per conoscere la raccomandazione di voto del Nazionale bisognerà attendere il 25 settembre la bocciatura è certa

ZURIGO
7 ore

Lui pubblica le foto porno. Lei si suicida. Pena ridotta per lui

Aveva pubblicato foto di nudo di una minorenne finlandese con la quale chattava. Condannato inizialmente a 42 mesi di carcere, ne dovrà scontare 28 in una struttura di recupero

FOTO
GINEVRA
9 ore

«Solo insieme l'umanità riuscirà ad affrontare le sfide del futuro»

Due mani che si afferrano i polsi. "Beyond Walls" è il nome scelto dall'artista francese Saype per le sue due opere visibili a Ginevra

SVIZZERIA
9 ore

Gli automobilisti svizzeri sono molto restii a cambiare assicurazione

Anche se i prezzi sono in calo e potrebbero guadagnarci ogni anno. Un assicurato su due non l'ha mai cambiata in vita sua

SVIZZERA
14 ore

Salt: nessuna fretta nella realizzazione della rete 5G

Il ceo: «Vogliamo aspettare fino a quando la domanda sul mercato sarà più forte»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile