Depositphotos (jolopes)
GINEVRA
18.02.19 - 09:230

Donne discriminate già a partire dalla paghetta

Disparità salariali a 5 anni? Lo sostiene la top manager di UBS Mara Harvey

GINEVRA - Di disparità salariali fra uomo e donna bisogna cominciare a parlare a 5 anni, quando si costruisce l'autostima, non a 25, quando le persone entrano nel mondo del lavoro: lo sostiene la top manager di UBS Mara Harvey, che punta il dito contro le differenze fra i sessi che esistono già a livello di paghetta.

Differenze fino al 30% - La piccola retribuzione «varia a seconda se chi la riceve è un bambino o una bambina», afferma Harvey in un'intervista pubblicata oggi da Le Temps. «Studi in Gran Bretagna, Germania e Olanda hanno dimostrato che le differenze raggiungono il 10-30%».

La donna chiede meno - I ricercatori hanno spiegato questo scarto in due modi. «Da un lato, il valore attribuito alle incombenze affidate alle ragazze e a quelle dei ragazzi non è lo stesso: i genitori spesso pagano il figlio per lavare l'auto più di quanto fanno per la figlia che lava i piatti, anche se il lavoro richiede esattamente lo stesso tempo. Dall'altro, le ragazze sembrano chiedere meno soldi dei ragazzi per gli stessi compiti».

Secondo Harvey - che presso UBS è dal 2016 responsabile del settore clientela ultra-facoltosa in Germania, Italia e Austria - questo "chiedere meno" non è genetico, è frutto di uno schema imposto dalla società che viene riprodotto molto presto.

Per rimediare a questo stato di cose nel gennaio 2017 Harvey ha scritto un libro sull'argomento, destinato sia ai bambini che alle mamme. «L'ho letto a mia figlia e gli amici mi hanno incoraggiato a pubblicarlo».

Sua figlia - racconta Harvey, titolare di un dottorato - non capiva perché le donne dovrebbero essere meno pagate degli uomini. «Credeva che sarebbe cresciuta in un mondo egualitario. Mi sono così resa conto che era ancora più necessario parlare del tema. Perché senza questa consapevolezza del problema lei non sarebbe attrezzata per entrare nel mondo del lavoro a parità di condizioni e avendo sviluppato la capacità di negoziare».

Preparare i figli per il futuro - Alcune amiche hanno posto però un altro problema: «ma cosa stai facendo? hanno detto, i miei figli cominceranno a chiedere soldi per ogni cosa che si chiede loro di fare». Harvey risponde: «È una bella cosa! Questo li prepara per il futuro. Esiste un posto migliore per imparare che lo spazio protetto della famiglia?». Secondo la specialista bisogna cominciare presto a parlare di denaro. «Gli studi mostrano che il nostro comportamento in rapporto ai soldi si stabilisce già a sette anni».

Il primo libro di Harvey, "A Smart Way to Start", di 32 pagine, è del 2017. Nel frattempo ne ha scritti quattro, un secondo dei quali è stato pubblicato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
4 ore
«Abbiamo suonato il clacson per avvisare i conducenti»
Parla il testimone dell'incidente avvenuto questo fine settimana sull'A6
VAUD
5 ore
Uscito dall'ospedale, non si hanno più notizie di Nexhit
L'uomo è psicologicamente fragile
SVIZZERA
6 ore
Trump: «Ho reso gli svizzeri ancora più ricchi». Aveva ragione
Gli Stati Uniti rappresentano il secondo mercato di esportazione per la Svizzera
SVITTO
8 ore
Incidente mortale per un centauro
Il 59enne ha perso il controllo della sua moto cercando di evitare un ciclista
SVIZZERA
10 ore
Fine settimana da record: 21,2 gradi a Delémont
Temperature da primato nel Giura, nelle Alpi vodesi e nell'Oberland bernese
BERNA
12 ore
Coronavirus: terminata la quarantena degli svizzeri in Francia
Nessuno di loro ha contratto il virus
SVIZZERA
14 ore
Ricompense da 10mila franchi per ogni operazione
Una società americana avrebbe elargito generosi bonus ai medici che utilizzavano le sue tecnologie
BERNA
15 ore
Credit Suisse: perplessità sull'enorme rimunerazione di Thiam
L'ex direttore generale ha ricevuto uno stipendio di circa 13 milioni di franchi, di cui 3,35 milioni come salario fisso e 9,5 milioni come bonus
SVIZZERA
18 ore
Panne di Swisscom, il Ceo non esclude conseguenze personali
Anche se istintivamente non ha mai pensato alle dimissioni, è cosciente del fatto che il capo di una società è la persona responsabile
SVIZZERA
19 ore
Caso Crypto: «Certi consiglieri federali erano informati»
La stampa domenicale d'oltralpe sottolinea come le alte sfere fossero a conoscenza dell'operazione di spionaggio legata alla società di Zugo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile