Keystone
SVIZZERA
15.02.19 - 18:070

Decathlon creerà 375-400 nuovi posti di lavoro

Quest'anno sono previste quattordici nuove aperture

LOSANNA - La catena francese di negozi di articoli sportivi Decathlon, da poco presente in Ticino a Sant'Antonino, accelera la sua espansione nella Confederazione, in particolare nella Svizzera tedesca. Quest'anno sono previste quattordici aperture di negozi e la creazione di 375-450 nuovi posti di lavoro.

Le aperture previste quest'anno in Svizzera riguardano gli ex negozi gestiti da Athleticum. Decathlon aveva assunto una partecipazione maggioritaria in Athleticum - la cui entità non è nota - accanto al vecchio proprietario, il ginevrino Maus Frères, la holding che controlla anche Manor. Già in agosto Decathlon aveva indicato di voler rilevare interamente i punti vendita di Athleticum.

«Quando trasformiamo i negozi assumiamo il personale e ingaggiamo il 75% di dipendenti in più», ha detto oggi all'agenzia di stampa finanziaria AWP Christian Ollier, direttore generale di Decathlon Svizzera. Tenendo conto delle riassunzioni, i nuovi occupati presso la catena di negozi saranno 500-600.

Decathlon Svizzera occupava 401 persone all'inizio dell'anno e quindi dovrebbe avvicinarsi o superare i 1000 dipendenti entro dicembre. Si impegna a reclutare il personale a livello locale, ha assicurato Ollier a margine della conferenza stampa annuale dell'intero gruppo a Losanna. È la prima volta che il colosso francese organizza questo evento fuori dai confini dell'Esagono.

Le prime nuove aperture di negozi avverranno a Suhr (AG) e a Baar (ZG) nel mese di marzo. In aprile seguiranno Berna, Winterthur (ZH) e San Gallo. L'ultima apertura è prevista a Zurigo in agosto. L'inaugurazione del primo sito di Decathlon nella Svizzera tedesca risale allo scorso anno a Basilea.

Nella Svizzera francese, le trasformazioni dei negozi di Athleticum di Avry (FR) e Villeneuve (VD) saranno completate rispettivamente in aprile e ottobre. Attualmente, queste sono le uniche due aperture previste in Romandia. Decathlon gestisce nove negozi in Svizzera. Attualmente è il terzo attore nazionale, dopo Ochsner Sport e SportXX (Migros).

Le vendite on line sono utilizzate come sorta di complemento. Hanno rappresentato il 15% del fatturato totale del 2018 in Svizzera, che il gruppo non comunica. La loro crescita è più forte di quella dei negozi, secondo Christian Ollier.

«La domanda di e-commerce proviene principalmente da Zurigo, poi Losanna e Ginevra», ha detto una portavoce. La presenza di una forte comunità di francesi a Zurigo potrebbe spiegare l'entusiasmo sulle rive della Limmat.

Per posizionarsi nel cuore delle città svizzere, Decathlon gestisce anche superfici commerciali più piccole, come quella inaugurata nel dicembre 2018 vicino alla stazione ferroviaria di Ginevra.

Come negli altri paesi, Decathlon punta ad attirare la clientela elvetica vendendo prodotti di qualità a prezzo accessibile. "Gli svizzeri hanno un reddito medio superiore a quello di qualsiasi altro cittadino europeo, ma non sono pronti ad acquistare un articolo a qualsiasi prezzo", aveva indicato ad AWP in agosto Adrien Lagache, responsabile dello sviluppo del mercato elvetico. In Svizzera sarà possibile avere l'intero assortimento Decathlon, ma ciascun negozio determinerà la sua strategia commerciale sulla base della clientela locale.

Per evitare il turismo degli acquisti verso Francia o Germania, Decathlon ha inoltre armonizzato i prezzi dalle due parti della frontiera. Nell'ottica ticinese, la filiale Decathlon più vicina all'estero si trova a Saronno, a 30 chilometri da Chiasso.

A livello di gruppo, alla fine di dicembre, Decathlon United impiegava 87'536 persone. Nel 2018 ha realizzato un fatturato di 11,3 miliardi di euro (12,8 miliardi di franchi), in aumento del 5% rispetto all'anno precedente, e un utile di 497 milioni di euro, in calo del 18,5%.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report