Depositphotos
SVIZZERA
15.02.19 - 11:390

Tempo di lavoro: più flessibilità per dirigenti e specialisti

La Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio degli Stati ha annunciato oggi di voler proseguire i propri lavori in questa direzione

BERNA - L'orario di lavoro di dirigenti e specialisti dovrebbe essere più flessibile. Nonostante l'opposizione di molti cantoni e della sinistra, la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio degli Stati (CET-S) ha annunciato oggi di voler proseguire i propri lavori in questa direzione. Tuttavia non esclude modifiche al progetto entro l'estate.

La revisione della legge, basata su un'iniziativa parlamentare del "senatore" Konrad Graber (PPD/LU), introduce un orario di lavoro annualizzato per coloro che occupano una posizione di quadro oppure per quegli specialisti che dispongono di un importante potere decisionale.

Flessibilità - Ciò varrebbe per le persone che godono di un elevato grado di autonomia nell'espletazione delle proprie mansioni e che nella maggior parte dei casi possono determinare come meglio credono il proprio orario di lavoro, indica una nota odierna dei servizi parlamentari. Fluttuazioni nel lavoro settimanale sarebbero così consentite purché la durata non superi le 45 ore in media annuale.

Le ore di lavoro straordinario superiori a 170 ore all'anno dovrebbero essere compensate da un supplemento salariale del 25% o, se il contratto lo prevede, da ferie per l'anno successivo. Il progetto contempla altre novità. Il lavoro diurno e serale potrà essere compreso in un periodo di 15 ore (invece di 14), pause incluse.

Un'interruzione del periodo di riposo sarà possibile a condizione che ciò avvenga ad esclusiva discrezione del lavoratore e al di fuori dell'azienda. Inoltre, il periodo di riposo giornaliero potrà essere ridotto a nove ore più volte alla settimana, a patto che raggiunga undici ore in media su quattro settimane.

Infine, il tempo di lavoro dovrebbe essere possibile senza restrizioni e senza autorizzazione se la persona coinvolta decide in tal senso. Con 10 voti a 3, la CET-S ha deciso di mantenere il suo progetto senza modifiche, nonostante le critiche espresse in consultazione. Il sostegno a questa revisione della legge comprende l'UDC, il PLR e i Verdi liberali.

Sinistra scontenta - La sinistra e i sindacati hanno da subito manifestato ostilità al progetto di liberalizzazione dell'orario di lavoro. Si tratta a loro parere di un attacco al diritto del lavoro che riguarda un numero significativo di lavoratori.

La fronda non si limita al campo rosso-verde. Dodici cantoni si oppongono al progetto. Anche il PPD non è entusiasta. Questo partito non si oppone alla liberalizzazione, ma desidera chiarire il campo di applicazione per i lavoratori interessati al fine di evitare abusi.

Inoltre, l'orario di lavoro annualizzato non dovrebbe limitare le attuali disposizioni incluse nei Contratti collettivi di lavoro. La palla è ora nel campo del Consiglio federale che dovrà fornire un parere sul progetto della commissione. A seconda delle raccomandazioni del governo, la commissione potrebbe anche modificare il proprio disegno di legge.

Altri progetti in corso - Nel contempo, la CET-S aveva inviato in consultazione un'altra revisione di legge, frutto di un'iniziativa parlamentare dell'ex consigliera agli Stati, ora ministra di giustizia e polizia, Karin Keller-Sutter (PLR/SG).

Il testo prevede che il datore di lavoro possa rinunciare a registrare l'orario di lavoro di quadri e specialisti. Il consenso dei lavoratori non sarebbe necessario.

Questa proposta, che ha dato luogo a critiche in consultazione, rimane per il momento in sospeso. La CET-S deciderà al riguardo solo dopo la pausa estiva. La commissione attende infatti una perizia sull'attuale ordinanza che consente già di rinunciare alla registrazione dell'orario di lavoro, ma solo se esiste un contratto collettivo di lavoro e solo per redditi lordi superiori a 120 mila franchi l'anno.

Nel corso della sua seduta, la CET-S ha inoltre deciso, con 9 voti a 3, di dare seguito a un'iniziativa parlamentare del consigliere nazionale Thierry Burkart (PLR/AG) volta rendere più flessibili le disposizioni in materia di orario di lavoro per coloro che lavorano da casa. La CET-S può adesso elaborare un progetto concreto.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
34 min
«Ha sbattuto la testa facendo delle capriole»
Durante una conferenza stampa, i gestori della "Trampolinhalle" di Belp hanno spiegato la dinamica dell'incidente che ha portato alla morte una 13enne
VIDEO
BASILEA CITTÀ
2 ore
Si trasferisce e svuota il suo appartamento sul marciapiede
Una 35enne ha trovato un sistema "originale" per liberarsi d'immondizia e vecchi mobili. Ma ora dovrà pagare una multa salata
ARGOVIA
2 ore
Tragedia aerea di Muhen: «Pilota morto per un guasto al motore»
Il rapporto finale della SISI scagiona completamente il 70enne che nel settembre del 2015 si schiantò su un'auto
SVIZZERA
3 ore
Fusione Bombardier-Alstom, Stadler Rail e FFS sul chi vive
«È ancora troppo presto per commentare la notizia» dichiarano dalla sede del costruttore turgoviese
FOTO
ZURIGO
5 ore
Dalla spedizione merci spuntano 83 kg di marijuana
La sostanza, all'interno di 79 confezioni sottovuoto, proveniva da Johannesburg ed era diretta a Vienna
NEUCHÂTEL
6 ore
Coronavirus, la quarantena per il bambino finisce domani
Il ragazzino non ha sviluppato sintomi. Era entrato in contatto con una persona malata lo scorso 5 febbraio durante un corso di sci in Alta Savoia
VALLESE
6 ore
Il principe danese si è ferito sulle piste
Rimpatriato con un volo a Copenhagen, è stato operato e sta bene
SVIZZERA
7 ore
Siamo i più ricchi? In realtà (anche) i più indebitati
Quasi una persona su cinque vive in un’economia domestica con almeno un arretrato. Per non parlare di leasing, piccoli prestiti e carte di credito
SVIZZERA
8 ore
La bionda piace (di più) a chi non è formato
Aumentano le differenze sociali rispetto al consumo di tabacco e sebbene il numero dei fumatori sia pressoché costante si dimezzano i forti tabagisti
VIDEO
BERNA
9 ore
Un gruppo di ragazze se le dà di santa ragione
Il pestaggio è avvenuto venerdì a Berna. Tra le duellanti anche una diciassettenne già accusata di aggressione in passato
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile