Deposit Photo
SVIZZERA
07.02.19 - 10:490

La pubblicità sui media irrita tre svizzeri su quattro

A infastidire sono soprattutto le pagine pop-up che si aprono in internet, mentre i banner sui siti di informazione sono più tollerati

BERNA - La pubblicità nei media irrita quasi i tre quarti (73%) degli svizzeri e di conseguenza il 70% tenta di chiudere o saltare annunci e spot. Ad infastidire sono soprattutto i messaggi pubblicitari pop-up, mentre la pubblicità radiofonica e i banner sui siti di informazione sono più tollerati, stando ad un sondaggio rappresentativo effettuato da comparis.ch.

Il 79% degli intervistati preferisce i contenuti senza pubblicità, ma solo un terzo sarebbe disposto a pagare di tasca propria per evitare le reclame. In particolare risultano fastidiosi i pop-up pubblicitari sui siti web (63%), seguiti dagli spot prima dell'inizio dei video su Internet (58%) e da quelli televisivi (57%). La pubblicità radiofonica, invece, disturba solo due intervistati su cinque e quella dei podcast il 42% degli utenti. In assoluto la pubblicità che irrita meno è quella dei siti di informazione (36%).

«La radio viene utilizzata prevalentemente come sottofondo, pertanto la pubblicità si nota meno. I contenuti visivi, invece, vengono consumati in maniera attiva. Di conseguenza, gli spot pubblicitari sono percepiti come interruzioni più fastidiose; al contrario di quanto accade con i banner pubblicitari in rete, gli utenti sono costretti per almeno qualche secondo a vedere lo spot TV», spiega Jean-Claude Frick, esperto di tecnologia digitale.

«Gli internauti più giovani si sono abituati a saltare la pubblicità dopo i primi cinque secondi obbligatori, come avviene ad esempio su YouTube. Grazie alla funzione TV Replay, cresce anche il numero di spettatori che evita gli spot televisivi», aggiunge Frick. Complessivamente però solo il 23% degli intervistati ha installato un programma per il blocco della pubblicità.

Secondo comparis inoltre molti svizzeri sottovalutano la loro disponibilità a pagare per avere contenuti privi di pubblicità: solo il 30% si dice pronto mettere mano al borsello ma in realtà il 47% degli intervistati già utilizza almeno un servizio di streaming a pagamento. "La maggior parte degli utenti non è quindi disposta a spendere altro denaro", afferma l'esperto.

Il sondaggio è stato condotto a gennaio 2019 dall'istituto di ricerche di mercato innofact su un campione di 1’047 persone in tutte le regioni della Svizzera.

Commenti
 
F5 3 mesi fa su tio
vorrei sapere il nome del quarto ....
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@F5 L'unico che ha l'AD block
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
4 ore

Ritrovato morto il 33enne scomparso mentre faceva jogging

L'uomo era sparito domenica 19 maggio. Il suo corpo è stato rinvenuto questo pomeriggio nei boschi situati vicino al Kreis 9

BERNA
5 ore

BKW, luce verde ai salari stratosferici dei top manager

La Ceo nel 2018 ha incassato 2 milioni di franchi. Il Consiglio di Stato bernese ha ottenuto la garanzia che il modello di remunerazione verrà rivisto

ARGOVIA
7 ore

Il bimbo scomparso ieri è annegato

La polizia ha dato la triste notizia, il corpo del piccolo è stato rinvenuto nell'Aar

GRIGIONI
8 ore

Mortale in gita: «Abbiamo continuato l’evento per evitare allarmismi»

Sindaco di Coira e municipali sotto schock. Non era mai successo. Piovono critiche perché si doveva annullare la gita. Le spiegazioni perchè non è stato fatto

SVIZZERA
8 ore

A quanto ammonta l’eredità di Niki Lauda?

È stato uno dei più grandi piloti di Formula 1. Commentatore sportivo e imprenditore. Anche dopo le corse ha continuato ad accumulare soldi. Ecco a quanto ammonta la sua eredità

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report