Keystone
SVIZZERA
04.02.19 - 17:000

Il 98% delle nanoplastiche trattenute nei fanghi degli impianti di depurazione

Questi vengono inceneriti, nell'ambiente viene rilasciato pochissimo materiale

DÜBENDORF - Buone notizie per chi è attento all'ambiente: ricercatori dell'Eawag hanno potuto dimostrare che oltre il 98% delle particelle di nanoplastiche presenti nelle acque reflue vengono trattenute nei fanghi degli impianti di depurazione.

Ciò significa che «finché i fanghi di depurazione non vengono portati nei campi, ma inceneriti come in Svizzera, nell'ambiente viene rilasciato pochissimo materiale nanoplastico», afferma citata in una nota, Denise Mitrano, dell'Istituto federale per la ricerca sulle acque (Eawag) di Dübendorf (ZH).

Le nanoplastiche - ossia particelle di plastica con un diametro di circa 100 nanometri (1 nanometro corrisponde a un milionesimo di millimetro, ndr.) - si trovano in un gran numero di prodotti, come gli shampoo e i cosmetici.

Queste minuscole particelle sono considerate problematiche perché possono venire assorbite dalle cellule viventi e accumularsi all'interno degli organismi. E risalendo la catena alimentare finire nel corpo umano. Le possibili conseguenze sono ancora poco chiare.

Ricercatori dell'Eawag e del Politecnico di Zurigo (ETH) hanno sviluppato un metodo per seguire il percorso delle nanoplastiche nelle acque reflue. Finora non era possibile misurare la quantità di queste piccolissime particelle all'interno di un impianto di depurazione, ma soltanto particelle più grandi come le microplastiche, con un diametro non più piccolo di un micrometro (un millesimo di millimetro).

Il trucco escogitato dai ricercatori dell'Eawag è stato quello di produrre particelle artificiali di nanoplastiche con un'anima in palladio, un metallo prezioso che funge da marcatore e può essere analizzato con metodi standard. Allo stesso tempo, il palladio è un elemento chimico inerte e si può quindi supporre che non modifichi il comportamento delle nanoplastiche.

I ricercatori sono stati in grado di misurare il comportamento delle nanoplastiche in un impianto di trattamento delle acque reflue ricostruito in laboratorio. I risultati dello studio, pubblicati sull'ultimo numero della rivista "Nature Nanotechnology", mostrano che le nanoparticelle vengono rapidamente legate nei fiocchi dei fanghi di depurazione.

«Anche se solo una piccola percentuale finisce nelle acque, ciò può portare a concentrazioni più elevate a valle», sottolinea nella nota la responsabile della ricerca. Ci sono in effetti ancora grandi lacune nella conoscenza del comportamento delle nanoplastiche. Le particelle marcate con palladio potrebbero aiutare a chiuderne alcune: per esempio a capire il comportamento delle nanoplastiche nel trattamento dell'acqua potabile. All'Eawag sono in corso diversi progetti di ricerca che vanno in questa direzione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
La disoccupazione di lunga durata raddoppierà nel 2021
Secondo un esperto del mercato del lavoro a incidere negativamente sarà la crisi del coronavirus
BERNA
2 ore
Con il coronavirus è crollata la vendita di vino
Il motivo? I ridotti contatti sociali spingono a consumare meno alcool
ZURIGO
3 ore
Addio al sogno di una casa propria per i prezzi alle stelle
Le differenze tra 20 anni fa e oggi: ora ci si può permettere la metà dello spazio
BERNA
3 ore
L'Onu critica il progetto svizzero contro il terrorismo
La questione è se una detenzione preventiva sia conforme alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo
BERNA
5 ore
Berna assicura: i caccia costeranno meno del previsto
Armasuisse stima spese più basse anche di 6 miliardi rispetto a quanto calcolato dagli oppositori.
BERNA
6 ore
Coronavirus: l'effetto delle misure di contenimento fase per fase
Il Poli di Losanna ha studiato ciò che ha funzionato finora. Incognite sull'effetto della riapertura dei commerci.
BERNA
7 ore
Coronavirus: +17 casi in Svizzera
Non si registra alcun nuovo decesso legato al Covid-19.
BERNA
8 ore
Swisscom: «Ci saranno sempre dei guasti»
Il ceo sottolinea che ogni intervento sulla rete è come un cambio di ruote in corsa: «C'è sempre un rischio».
ARGOVIA
9 ore
Morta a 13 anni per cyber bullismo: la battaglia si fa politica
I genitori di Céline gettano la spugna a livello giuridico. Pronta però un'iniziativa parlamentare.
RUSSIA / SVIZZERA
10 ore
Navalny punta il dito contro la Svizzera
Nel mirino dell'oppositore russo sono gli stretti contatti con gli omologhi di Mosca. Sospetti anche su Michael Lauber.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile