TiPress
SVIZZERA
04.02.19 - 10:510
Aggiornamento : 13:56

Meno costi sanitari per le cassa malati

L'aumento nel 2018 è stato di solo lo 0,47%, non succedeva da 22 anni. Santésuisse però avverte: «Forse alcune bollette devono ancora arrivare»

BERNA - Gli svizzeri potranno forse risparmiarsi il prossimo anno l'ennesimo salasso sul fronte dei premi malattia: secondo i calcoli di Santésuisse, citati oggi dal Tages-Anzeiger, nel 2018 i costi per gli assicuratori sono aumentati dello 0,47% soltanto rispetto all'anno prima.

Nel 2017 l'aumento era stato del 3% e negli ultimi anni si era registrata una media del 4-5%, nota il giornale, rilevando che dall'entrata in vigore dell'assicurazione di base obbligatoria nel 1996 soltanto in una occasione, nel 2006, si è registrata una crescita inferiore al 2% e che mai si è andati sotto l'1% negli ultimi 22 anni.

3'852 franchi a testa - Fatto ancora più notevole risulta lo sviluppo singolo: ogni persona assicurata ha causato l'anno scorso in media alle casse malattia costi di 3852 franchi, ossia lo 0,24% in più soltanto rispetto al 2017. L'anno precedente l'aumento percentuale era stato quasi dieci volte maggiore, ossia del 2,11%.

Le cause - Le possibili ragioni di questo rallentamento menzionati dall'associazione degli assicuratori malattia Santésuisse sono vari. Uno è il nuovo tariffario medico (Tarmed) imposto nell'autunno 2017 dal consigliere federale Alain Berset, ministro della sanità e delle assicurazioni sociali, ed entrato in vigore il primo gennaio 2018. Secondo l'accertamento di Santésuisse, che Keystone-ATS ha potuto consultare, i costi per cure mediche rimborsati dalle casse malattia sono cresciuti solo dello 0,09% l'anno scorso.

Un'altra causa del rallentamento è il ribasso di diversi farmaci molto venduti, esso pure ordinato dalla Confederazione. Per i medicinali distribuiti direttamente dai medici la crescita degli oneri a carico delle casse è stata del 2,2% nel 2018, contro il 6,1% dell'anno prima. Un incremento maggiore rispetto al 2017 si è registrato invece per le farmacie (+3,26% nel 2018, contro il +2,72% dell'anno prima).

La direttrice dell'associazione Verena Nold - intervistata dal Tages-Anzeiger - vede un ulteriore «bisogno di riforme» proprio in quest'ultimo settore, per il quale individua un «potenziale di risparmio di oltre 300 milioni» di franchi.

Ci vuole prudenza - La direttrice di Santésuisse mette peraltro in guardia da una eccessiva euforia per quanto riguarda il riveduto tariffario: l'effetto sui costi del nuovo Tarmed è ancora da valutare pienamente perché non ha avuto applicazione immediata e potrebbero ancora esserci spiacevoli sorprese.

«Molti ospedali hanno avuto bisogno di mezzo anno per adeguare i loro sistemi di conteggio», afferma Verena Nold: «Temiamo che parecchie bollette dell'anno scorso siano state ritardate e debbano ancora arrivare". La bassa percentuale di aumento dei costi indicata potrebbe dunque "rivelarsi ingannevole».

Un timore condiviso anche da Adrien Kay, portavoce dell'Ufficio federale della sanità pubblica, a sua volta interpellato dal giornale. L'effetto reale delle misure prese potrà essere valutato solo a metà anno.

Bisognerà dunque ancora aspettare alcuni mesi prima che possa confermarsi un alleviamento del consueto "shock" che da anni giunge puntuale in autunno, quando vengono annunciati i premi malattia per l'anno successivo.

Commenti
 
pinkyglasses 9 mesi fa su tio
Sarà... ma sono sempre più convinta che dietro a tutti questi grandi discorsi e calcoli, vi è davvero della manipolazione su ogni fronte, incluse queste dichiarazioni su veri o presunti cali ecc. Giusto per farci ingoiare ogni anno una pillola sempre più amara. Intanto gli scandali assurdi per la mancanza di rimborsi di prestazioni aumentano...e sempre a discapito del cittadino (regolarmente pagante, per di più). Per fortuna però, aumentano anche le denunce...e speriamo davvero che qualcuno agisca. Affaire à suivre...
seo56 9 mesi fa su tio
Risultato più guadagni per le lobby... è un sistema marcio e colluso con la politica
pinkyglasses 9 mesi fa su tio
@seo56 appunto...
jena 9 mesi fa su tio
salvo l'articolo e ne riparliamo questo autunno neh.....
il saggiatore 9 mesi fa su tio
@jena Eh appunto: aspettiamo le cifre del 2019 e poi facciamo la media tra i due anni, per avere un'idea approssimativa di qual è stato il reale aumento nel 2018.
miba 9 mesi fa su tio
Fenomenale la dimostrazione di come le casse malati sappiamo applicare il concetto del bastone e della carota. Beati i creduloni ed i boccaloni....
pinkyglasses 9 mesi fa su tio
@miba E la cosa è davvero evidente, ma non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
20 min
L'invecchiamento rallenta il benessere
Quando la generazione del baby boom andrà in pensione, gli over 65 passeranno dal 30% del 2017 al 48% del 2045
BASILEA
2 ore
Roche rileva l'americana Promedior per 390 milioni di dollari in contanti
Sono previsti anche pagamenti fino a un miliardo di dollari che dipenderanno dai progressi nello sviluppo e nell'approvazione di nuovi farmaci
SVIZZERA
2 ore
Nessun "effetto Greta", gli svizzeri volano in vacanza
Kuoni, Hotelplan, ITS Coop Travel e Knecht Reisen confermano il trend. E sono ancora molto poche le compensazioni di CO2 tramite Myclimate
VIDEO
BERNA
2 ore
Il video della tempesta di neve che ha bloccato 200 persone
Venti a 180 chilometri orari. Il racconto di chi si è trovato nella tormenta
SVIZZERA
4 ore
Ex allenatore di Swiss-Ski diventa CEO di un aeroporto
Martin Rufener torna nel mondo dell'aviazione
FOTO
LUCERNA
5 ore
La tettoia finisce sui binari e il treno la centra
L'incidente si è verificato questa mattina a Escholzmatt. La causa potrebbe essere il forte vento che soffiava sulla regione
BERNA
7 ore
In 200 bloccati dalla tempesta di neve
Hanno trascorso la notte in un ristorante di montagna.
GRIGIONI
7 ore
Colpito da un cassero, gravi ferite per un operaio
Il 31enne è rimasto schiacciato sotto un peso di 250 chilogrammi
SVIZZERA
23 ore
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
1 gior
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile