TiPress
SVIZZERA
04.02.19 - 10:510
Aggiornamento : 13:56

Meno costi sanitari per le cassa malati

L'aumento nel 2018 è stato di solo lo 0,47%, non succedeva da 22 anni. Santésuisse però avverte: «Forse alcune bollette devono ancora arrivare»

BERNA - Gli svizzeri potranno forse risparmiarsi il prossimo anno l'ennesimo salasso sul fronte dei premi malattia: secondo i calcoli di Santésuisse, citati oggi dal Tages-Anzeiger, nel 2018 i costi per gli assicuratori sono aumentati dello 0,47% soltanto rispetto all'anno prima.

Nel 2017 l'aumento era stato del 3% e negli ultimi anni si era registrata una media del 4-5%, nota il giornale, rilevando che dall'entrata in vigore dell'assicurazione di base obbligatoria nel 1996 soltanto in una occasione, nel 2006, si è registrata una crescita inferiore al 2% e che mai si è andati sotto l'1% negli ultimi 22 anni.

3'852 franchi a testa - Fatto ancora più notevole risulta lo sviluppo singolo: ogni persona assicurata ha causato l'anno scorso in media alle casse malattia costi di 3852 franchi, ossia lo 0,24% in più soltanto rispetto al 2017. L'anno precedente l'aumento percentuale era stato quasi dieci volte maggiore, ossia del 2,11%.

Le cause - Le possibili ragioni di questo rallentamento menzionati dall'associazione degli assicuratori malattia Santésuisse sono vari. Uno è il nuovo tariffario medico (Tarmed) imposto nell'autunno 2017 dal consigliere federale Alain Berset, ministro della sanità e delle assicurazioni sociali, ed entrato in vigore il primo gennaio 2018. Secondo l'accertamento di Santésuisse, che Keystone-ATS ha potuto consultare, i costi per cure mediche rimborsati dalle casse malattia sono cresciuti solo dello 0,09% l'anno scorso.

Un'altra causa del rallentamento è il ribasso di diversi farmaci molto venduti, esso pure ordinato dalla Confederazione. Per i medicinali distribuiti direttamente dai medici la crescita degli oneri a carico delle casse è stata del 2,2% nel 2018, contro il 6,1% dell'anno prima. Un incremento maggiore rispetto al 2017 si è registrato invece per le farmacie (+3,26% nel 2018, contro il +2,72% dell'anno prima).

La direttrice dell'associazione Verena Nold - intervistata dal Tages-Anzeiger - vede un ulteriore «bisogno di riforme» proprio in quest'ultimo settore, per il quale individua un «potenziale di risparmio di oltre 300 milioni» di franchi.

Ci vuole prudenza - La direttrice di Santésuisse mette peraltro in guardia da una eccessiva euforia per quanto riguarda il riveduto tariffario: l'effetto sui costi del nuovo Tarmed è ancora da valutare pienamente perché non ha avuto applicazione immediata e potrebbero ancora esserci spiacevoli sorprese.

«Molti ospedali hanno avuto bisogno di mezzo anno per adeguare i loro sistemi di conteggio», afferma Verena Nold: «Temiamo che parecchie bollette dell'anno scorso siano state ritardate e debbano ancora arrivare". La bassa percentuale di aumento dei costi indicata potrebbe dunque "rivelarsi ingannevole».

Un timore condiviso anche da Adrien Kay, portavoce dell'Ufficio federale della sanità pubblica, a sua volta interpellato dal giornale. L'effetto reale delle misure prese potrà essere valutato solo a metà anno.

Bisognerà dunque ancora aspettare alcuni mesi prima che possa confermarsi un alleviamento del consueto "shock" che da anni giunge puntuale in autunno, quando vengono annunciati i premi malattia per l'anno successivo.

Commenti
 
pinkyglasses 4 mesi fa su tio
Sarà... ma sono sempre più convinta che dietro a tutti questi grandi discorsi e calcoli, vi è davvero della manipolazione su ogni fronte, incluse queste dichiarazioni su veri o presunti cali ecc. Giusto per farci ingoiare ogni anno una pillola sempre più amara. Intanto gli scandali assurdi per la mancanza di rimborsi di prestazioni aumentano...e sempre a discapito del cittadino (regolarmente pagante, per di più). Per fortuna però, aumentano anche le denunce...e speriamo davvero che qualcuno agisca. Affaire à suivre...
seo56 4 mesi fa su tio
Risultato più guadagni per le lobby... è un sistema marcio e colluso con la politica
pinkyglasses 4 mesi fa su tio
@seo56 appunto...
jena 4 mesi fa su tio
salvo l'articolo e ne riparliamo questo autunno neh.....
il saggiatore 4 mesi fa su tio
@jena Eh appunto: aspettiamo le cifre del 2019 e poi facciamo la media tra i due anni, per avere un'idea approssimativa di qual è stato il reale aumento nel 2018.
miba 4 mesi fa su tio
Fenomenale la dimostrazione di come le casse malati sappiamo applicare il concetto del bastone e della carota. Beati i creduloni ed i boccaloni....
pinkyglasses 4 mesi fa su tio
@miba E la cosa è davvero evidente, ma non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora

Viaggiare in bus potrebbe diventare ancora più conveniente

BlaBlaCar lancia il “BlaBlaBus”, che punta a diventare concorrente di Flixbus. L’Ufficio federale dei trasporti: «Non abbiamo ancora ricevuto alcuna richiesta»

SVIZZERA / FRANCIA
2 ore

Con l'aereo sul Monte Bianco, fermati 2 svizzeri

Il velivolo è stato individuato 300-400 metri sotto la vetta, sul versante francese. I due rischiano sanzioni per violazioni al codice dell'ambiente e alle regole dell'aviazione civile

FOTO
SVIZZERA / RUSSIA
3 ore

Cassis taglia il nastro della nuova ambasciata a Mosca

L'edificio, costato 42 milioni di franchi, ospita per la prima volta tutti i servizi attivi nella promozione degli interessi elvetici in Russia

VAUD
4 ore

«La moglie aveva sempre un'aria triste»

Una coppia belga e il loro figlio di 13 anni sono stati trovati privi di vita nella loro abitazione. Una famiglia ricca, ma riservata. La cui morte lascia aperti molti interrogativi

VIDEO
GRIGIONI
7 ore

Sorpassi pericolosi a bordo di super car, la polizia indaga

Un lettore filma scene mozzafiato nei Grigioni. I conducenti di auto sportive tedesche si sono "esibiti" in audaci e pericolose manovre

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report