Depositphotos
SVIZZERA
21.01.19 - 09:170

La classe media è in via d'estinzione

Lo sostiene l'economista inglese Adair Turner

CLASSE MEDIA

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

ZURIGO - Anche in futuro ci saranno posti di lavoro, le macchine non li distruggeranno tutti: quello che non vi sarà però più è una classe media. Lo sostiene l'economista inglese Adair Turner, che in passato è stato anche stato responsabile dell'autorità britannica di vigilanza dei mercati finanziari.

L'automatizzazione sostituirà sempre più attività, dapprima quelle più semplici e poi quelle più sofisticate, afferma il 63enne in un'intervista pubblicata oggi da "Tages-Anzeiger" e testate analoghe.

A suo avviso in futuro continueranno a sussistere impieghi. «Ma il progresso tecnologico farà sì che la sostanza e il reddito saranno divisi in modo ancora meno equo di oggi. Si andrà verso una società con poche persone che guadagneranno tanto».

I forti redditi saranno generati soprattutto dalla proprietà immobiliare, perché questo è un bene che non può essere moltiplicato a livello industriale, e dalla proprietà intellettuale. L'offerta di lavoro sarà per contro dominata dai servizi con salari bassi, da attività scarsamente remunerate che non possono ancora essere automatizzate. «Una classe media non esisterà più».


Keystone / AP
Adair Turner

Ma come già profetizzato dall'economista americano Tylor Cowen contrariamente a quanto è avvenuto negli anni 20 del Novecento per le classi più disagiate non si prospetta la povertà assoluta: le persone mangeranno abbastanza, avranno un'assistenza medica di base e divertimenti a buon mercato. Lo scenario è quindi quello di un'aristocrazia di benestanti a fronte di una grande maggioranza di persone che guadagnerà poco e che passerà il tempo giocando online.

Secondo Turner il mondo politico ha difficoltà ad affrontare sfide che si dipanano sull'arco dei decenni. E si cercano risposte semplici a questioni complesse. «In materia di automazione viene sempre sostenuto che la formazione e la qualificazione saranno anche in futuro la garanzia per ottenere un buon lavoro: io non ci conterei».

Per l'economista - che è membro della camera dei Lord - «anche i conservatori devono accettare il fatto che in un mondo lavorativo in larga parte automatizzato il mercato non retribuirà più in modo sufficiente la forza lavoro umana. Avremo perciò bisogno di leggi che fissano salari minimi ed eventualmente anche un reddito minimo».

Turner non vede peraltro molto di buon occhio un reddito di base incondizionato: a suo avviso si tratta di una soluzione troppo semplice e sarebbe un segnale sbagliato. «Dobbiamo creare una società che promuova il lavoro sensato e che di conseguenza lo paghi bene». Molto meglio secondo l'esperto sarebbe che lo stato fissi stipendi minimi.

Keystone / AP
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
Karmen Goy 1 anno fa su fb
Dai??
LAMIA 1 anno fa su tio
Basta votare per il cambiamento anziché lamentarsi o astenersi dal voto
Wilson Sarmento 1 anno fa su fb
Il mondo camina. In direzione x comunismo
Wilson Sarmento 1 anno fa su fb
Ovvio
nordico 1 anno fa su tio
Il ceto medio continuerà ad esistere, ma sarà una fetta molto esigua. I poveri non guadagneranno abbastanza, ma le loro entrate verranno sussidiate dallo stato. Gli stati dovranno farlo per evitare che scoppino rivoluzioni in ogni paese. I governi si trasformeranno quindi in "distributori di aiuti". Basta pensare agli importi che il nostro stato usa per innaffiare la società: Assegni familiari, disoccupazione, assistenza, AVS complementare, aiuti vari per l'affitto, la cassa malati, casa per anziani ...... ho dimenticato qualcosa?
Maurizio Roggero 1 anno fa su fb
Nella maggior parte degli stati EU è già estinta da anni, in altri non è mai esistita...
Stefano Marotta 1 anno fa su fb
Ci vuole l'economista inglese per esserne certi, già...
sedelin 1 anno fa su tio
ce ne siamo accorti! :-(
TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore
Trovato nell'archivio federale un dossier disperso su Crypto
Il documento era stato riconsegnato e riposto inavvertitamente in un altro dossier e quindi collocato al posto sbagliato
BERNA
3 ore
La ginevrina con cittadinanza revocata non può entrare in Svizzera
I suoi legami passati con l'ISIS le hanno chiuso le poste anche del Principato del Liechtenstein
BERNA
3 ore
I bambini raccolgono fondi per il club, ma è un bluff
Sostenevano che i soldi sarebbero andati all'FC Köniz, ma la società era all'oscuro di tutto
SVIZZERA
5 ore
Opacità finanziaria, la Svizzera al terzo posto
Nonostante i progressi fatti, la piazza finanziaria elvetica continua a essere una delle meno trasparenti al mondo
BERNA
6 ore
«Ha sbattuto la testa facendo delle capriole»
Durante una conferenza stampa, i gestori della "Trampolinhalle" di Belp hanno spiegato la dinamica dell'incidente che ha portato alla morte una 13enne
VIDEO
BASILEA CITTÀ
8 ore
Si trasferisce e svuota il suo appartamento sul marciapiede
Una 35enne ha trovato un sistema "originale" per liberarsi d'immondizia e vecchi mobili. Ma ora dovrà pagare una multa salata
ARGOVIA
8 ore
Tragedia aerea di Muhen: «Pilota morto per un guasto al motore»
Il rapporto finale della SISI scagiona completamente il 70enne che nel settembre del 2015 si schiantò su un'auto
SVIZZERA
8 ore
Fusione Bombardier-Alstom, Stadler Rail e FFS sul chi vive
«È ancora troppo presto per commentare la notizia» dichiarano dalla sede del costruttore turgoviese
FOTO
ZURIGO
11 ore
Dalla spedizione merci spuntano 83 kg di marijuana
La sostanza, all'interno di 79 confezioni sottovuoto, proveniva da Johannesburg ed era diretta a Vienna
NEUCHÂTEL
12 ore
Coronavirus, la quarantena per il bambino finisce domani
Il ragazzino non ha sviluppato sintomi. Era entrato in contatto con una persona malata lo scorso 5 febbraio durante un corso di sci in Alta Savoia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile