Deposit
UNIONE EUROPEA / SVIZZERA
02.12.18 - 16:460

Shopping online: l’UE dice addio al “geoblocking” (ma gli svizzeri continueranno a pagare di più)

Domani diventa applicabile in tutti i Paesi membri la nuova normativa contro i blocchi agli acquisti online transnazionali

BRUXELLES - Da domani cambia in maniera sostanziale l’esperienza di shopping online dei cittadini europei. In tutti i Paesi dell’UE diventa infatti applicabile un nuovo regolamento che vieta il “geoblocking” ingiustificato. Gli svizzeri, ça va sans dire, non ne approfitteranno.

A molti sarà capitato di cercare di visitare il sito tedesco o britannico di un portale di shopping online o di un produttore e di essere continuamente rimandati a quello svizzero (o del vostro Paese di residenza). Oppure di provare a fare un ordine e dover rinunciare perché non è prevista la consegna là dove abitate.


Keystone

Tutte queste limitazioni agli acquisti online da un Paese all’altro si definiscono “geoblocking”, dei blocchi spesso usati per sfruttare il maggiore potere d’acquisto di un Paese rispetto all’altro. Da domani queste pratiche saranno vietate dal regolamento UE 302/2018 quando non siano motivate da effettivi maggiori costi o difficoltà logistiche. Un francese potrà insomma comprare un prodotto super scontato sull’Amazon tedesco. Un danese dovrà poter accedere a offerte che finora erano riservate ai clienti italiani.

La Svizzera non sembra ancora pronta a seguire Bruxelles in questo tipo di riforma e gli svizzeri continueranno quindi a essere rimandati a siti dedicati con prezzi solitamente più alti. La normativa elvetica (Legge federale sui cartelli) vieta attualmente il geoblocking solo se è frutto di un accordo di due produttori ai danni del mercato svizzero. Come segnala la Neue Zürcher Zeitung, il Consiglio federale sta considerando misure per sanzionare il geoblocking privato, ma per tali modifiche ci potrebbero volere anni.


Keystone

Il geoblocking ha un impatto importante sugli acquisti online nell’UE. Finora, il 63% dei portali visibili nell’Unione prevedeva limitazioni che «in un modo o nell’altro» dissuadevano l’utente dall’acquistare in un Paese diverso dal proprio, ricorda il Sole 24 Ore. Il risultato: solo il 19% dei consumatori europei fa shopping online sui siti di un altro Paese membro.     

    

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Francesco Serravalle 1 anno fa su fb
E io spedisco in Italia con InDaBox ?
Patrizia Ronconi 1 anno fa su fb
Scusate ma, facciamo parte della UE? No! E allora cosa pretendiamo?
Raffaella Norsa 1 anno fa su fb
Patrizia Ronconi esattamente, tutti i giorni insulti ai paesi UE ma poi vogliamo i benefici ?
Roby Maffeis 1 anno fa su fb
che si tengano i "benefici" ma che vadano tutti in siberia in qualche gulag russo.
Raffaella Norsa 1 anno fa su fb
Roby Maffeis basta non lamentarsi, anche perchè qui nessuno della UE sta dicendo qualcosa agli svizzeri per cui non vedo il suo "vadano tutti in Siberia"
Telassim Alberti 1 anno fa su fb
Nessuno si sta lamentndo. A Conti fatti sono loro che perdono che perdono un mercato ad alto potere d'acquisto ?
curzio 1 anno fa su tio
Quando il cittadino è svantaggiato, si prende la scusa che "dobbiamo riprendere le norme europee, fa parte dei bilaterali, ecc...". Quando per una volta il consumatore potrebbe trarre un vantaggio... allora... niente, le norme europee non valgono, non facciamo parte dell'UE, ecc...
Lore62 1 anno fa su tio
@curzio Esatto!!
MIM 1 anno fa su tio
@curzio Tanto più che solo per la questione l'IVA, da noi la merce dovrebbe costar meno, con o senza UE :-(
curzio 1 anno fa su tio
@MIM A dire il vero, ci sono cose che costano meno in Svizzera rispetto all'estero proprio per il discorso IVA. Vedi l'assalto ai centri commerciali, FoxTown, ecc da parte di clientela italiana. Per quanto riguarda lo shopping online, la Svizzera è un paese del terzo mondo. Ammesso di riuscire a trovare un offerente estero che fa spedizioni verso la Svizzera, ammesso di riuscire a completare l'ordinazione, i soldi risparmiati ti vengono spillati ed estorti dalla posta e dalle dogane: aggiungi l'IVA, aggiungi il dazio, aggiungi le spese di sdoganamento e altri balzelli... ed ecco che come per magia i costi di importazione superano il valore della merce che hai ordinato. Poi si presenta il postino davanti alla porta e ti dice "Se non mi dai i soldi, rispedisco indietro il pacchetto"...che contiene la merce che tu hai pagato in anticipo. Estorsione legalizzata!
splugen 1 anno fa su tio
@Lore62 si esegue la comanda all'estero che chi più chi meno hanno un punto di consegna, es. italia punto di consegna più vicino al confine e la merca è trattenuta fino a che si passa a richiederla, prezzo 2€.
Lore62 1 anno fa su tio
@splugen Ciao, lo so, l'ho usato spesso, me è una vergogna avere queste difficoltà negli acquisti per noi consumatori! La libera circolazione delle merci tra UE e Svizzera non è per il comune cittadino, basta guardare i limiti di spesa che ti impongono...;-)
Giancarlo Schraner 1 anno fa su fb
Il perchè è che siamo doppiamente fessi. Uno perchè eleggiamo i nostri politici che non hanno palle. Due perchè accettiamo nostro malgrado a farci mettere a 90 gradi.
Roby Maffeis 1 anno fa su fb
..farci mettere, anche se non volessimo possiamo decidere ?
Giancarlo Schraner 1 anno fa su fb
Roby Maffeis troveranno sempre il modo. Nelle ultime votazioni hanno fatto come volevavo infischiandosene completamente della volontà del popolo.
roma 1 anno fa su tio
...non compro né su siti web svizzeri né tantomeno europei. Il problema, a differenza di quello del premio di cassa malati mensile, non mi tocca.
tirannosaurosex 1 anno fa su tio
Vpn e si è a cavallo!
Orso 1 anno fa su tio
Be..... a tutte le persone che dicono di stare fuori da ue! Beccatevi anche questa oltre al roaming dei cellullari e tante altre cose:)
Lore62 1 anno fa su tio
@Orso Come, a me sembrava che ormai ci siamo dentro fino al collo, vedi ultime tre votazioni inapplicabili per il "diritto superiore", la "libera circolazione dei disperati" che hanno conciato il Ticino in tutti i sensi, collasso del traffico ormai anche nei nuclei, salari in caduta libera, prati ingoiati da cemento e capannoni ecc..., i veicoli pesanti che attraversano il nostro paese da cima a fondo con 40 Ton. e in futuro da 60 Ton., quando un tempo era tabù oltre le 28 tonn. per via delle infrastrutture! Continuiamo così che l'economia locale va a gonfie vele...XD
curzio 1 anno fa su tio
@Orso Mi sembra che chi è dentro ci invidia per essere fuori, nonostante il roaming....
Roberto Ruzza 1 anno fa su fb
Beh la legge federale sui cartelli dimostra solo che è Berna a farsi il cartello e noi paghiamo ?
pontsort 1 anno fa su tio
Invece di scrivere le parole tra virgolette e continuare a ripeterle, potreste fare lo sforzo a tradurle
cecch 1 anno fa su tio
@pontsort Concordo pontsort, è quello che continuo a ripetere! Ma é mai possibile che devono sempre inglesizzare tutto, quando in italiano esiste la parola e/o il verbo????
curzio 1 anno fa su tio
@cecch E quale sarebbe la parola tecnica in italiano che definisce la tecnologia del geoblocking?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
15 min
«La seconda ondata è arrivata più veloce e più forte»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione epidemiologica in Svizzera.
BASILEA CAMPAGNA
18 min
Toh, c'è un'auto sul prato di casa!
La vettura era parcheggiata in un quartiere residenziale. Ma si è messa in movimento ed è finita in un giardino
SVIZZERA
1 ora
Troppo alcol in famiglia
Un fanciullo su venti in Svizzera cresce con un genitore alcolista. Lo dice il rapporto Obsan sulle dipendenze
SVIZZERA
2 ore
Legge sul CO2: «Controproducente e costosa»
L'UDC è scesa in campo a sostegno del referendum
SVIZZERA
2 ore
Più di 3'000 casi e altri 53 ricoveri
I tamponi effettuati nel nostro Paese nella giornata di ieri sono 14'224. Il 21,1% ha dato esito positivo.
TURGOVIA
2 ore
Bimbo fermato da uno sconosciuto che tenta di fargli bere qualcosa
L'episodio si è verificato ieri pomeriggio nella località turgoviese di Weinfelden. Il bimbo non ha riportato ferite
SVIZZERA
3 ore
Tossisci e ti dico se hai il coronavirus
Una startup dell'EPFL sta studiando la possibilità d'identificare una persona infetta attraverso un'analisi vocale.
SVIZZERA
3 ore
Cento franchi in più nella busta paga Coop
Si tratta di una misura voluta per ringraziare l'impegno dimostrato durante il periodo del coronavirus
SVIZZERA
3 ore
Gli effetti del Covid: non si usa più il corrimano delle scale
A sostenerlo è l'Ufficio prevenzione infortuni alla luce del sondaggio che svolge annualmente.
SVIZZERA
4 ore
L'allarme del TCS su un seggiolino che contiene sostanze nocive
Si tratta dello Oyster Capsule di Babystyle che supera i livelli di guardia e risulta quindi «non consigliato»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile