Keystone
SVIZZERA
28.11.18 - 06:300

Spunta il Nokia tra gli smartphone preferiti dagli svizzeri

In cima alla classifica iPhone e Samsung. I risultati di un sondaggio rappresentativo condotto da Comparis

ZURIGO - Telefonare, mandare messaggi e navigare in internet. Gli svizzeri preferiscono farlo con un dispositivo Apple o Samsung. Nel nostro paese quattro utenti su cinque possiedono infatti uno smartphone di questi marchi. Tuttavia i prodotti dell’azienda sudcoreana stanno perdendo terreno. Lo si evince da un sondaggio rappresentativo di Comparis.

Quest’anno in cima alla classifica degli smartphone più amati dagli svizzeri si posiziona l’iPhone. Apple è infatti riuscita ad aumentare le vendite del 3%, raggiungendo una quota di mercato del 44%. Samsung è invece passata dal 39% al 36%.

Il ritorno di Nokia - E poi c’è chi torna sotto i riflettori. Si tratta di Nokia, che con una quota di mercato del 3% ha conquistato il quarto posto, superando Sony. Quest’ultima è invece passata dal 4% al 2%. In terza posizione c’è poi il marchio cinese Huawei, con una quota dell’8%. A livello mondiale quest’ultimo è invece il numero due.

Android il sistema operativo più diffuso - Dal punto di vista del sistema operativo, in Svizzera il primato spetta ad Android. Questo perché l’iOS di Apple è disponibile soltanto sugli iPhone. In Svizzera il 56% degli utenti utilizza quindi uno smartphone Android, con un incremento del 2% rispetto allo scorso anno.

Questione di prezzo - Come detto, i dispositivi più utilizzati sono quelli Apple: una persona su dieci possiede un iPhone 7 o 7 Plus. Non riescono a entrare nella top ten i Samsung Galaxy S9 e i nuovi modelli Note. «I consumatori sono già abituati da anni ai prezzi più elevati dei prodotti Apple. Mentre gli utenti Android contano su apparecchi più convenienti. I nuovi e più cari smartphone Samsung evidentemente non soddisfano questa aspettativa» spiega Jean-Claude Frick, esperto di Comparis.

Vita breve - In generale gli smartphone hanno comunque una durata di vita limitata. Un terzo dei possessori cambia il dispositivo dopo meno di un anno. Poco più di due quinti, ne acquistano uno nuovo dopo al massimo due anni. Soltanto una persona su cinque mantiene lo stesso smartphone per almeno tre anni.

Smaltire correttamente - Ma dove vanno a finire i vecchi dispositivi? Secondo il sondaggio Comparis, un terzo degli intervistati ripone il telefono in un cassetto. E lo fa quasi la metà delle persone tra i 18 e i 35 anni. Una scelta che Frick sconsiglia: «La produzione degli smartphone necessita di un’alta percentuale di materie prime rare. Per questo motivo il vecchio dispositivo andrebbe smaltito correttamente». L’esperto raccomanda quindi di riconsegnare i vecchi dispositivi al produttore. Una scelta che può convenire anche dal punto di vista finanziario, ottenendo un rimborso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Covid-19 in Svizzera, un decesso e altri 20 casi
Per il terzo giorno consecutivo, si segnala che il numero di contagi è tornato sopra le dieci unità
BASILEA
4 ore
Art Basel salta, per quest'anno
La più importante fiera d'arte al mondo era stata dapprima rimandata a settembre. Invece non si terrà
ARGOVIA
5 ore
Arrestato un "bombarolo" dilettante
In manette un 42enne che ha fabbricato e fatto esplodere un ordigno nella campagna argoviese
SVIZZERA
7 ore
«Ogni anno perdiamo migliaia di soldati»
Non c'è una guerra in corso. Ma un'emorragia di reclute, che preoccupa non poco Berna
LUCERNA
8 ore
Maestro mezzo nudo e con la lingua di fuori invia selfie agli studenti
Polemica in una scuola media per scatti ritenuti inappropriati. Insegnante allontanato.
SVIZZERA
20 ore
Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti
Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.
SVIZZERA
21 ore
A novembre la SSR lancerà una piattaforma streaming
Si chiamerà Play Suisse e ospiterà produzioni svizzere doppiate o sottotitolate in tutte le lingue nazionali
SVIZZERA
21 ore
La Svizzera si tinge di blu
Con gli ulteriori allentamenti previsti per mezzanotte, il Paese entra in una nuova fase della lotta contro il Covid-19.
BERNA
1 gior
Canapa CBD: 33 milioni restituiti ai produttori
Il denaro era stato versato in tasse sul tabacco, riscosse però non legalmente
ZURIGO
1 gior
Flixbus: caos sui viaggi tra città svizzere
La società si difende dalle accuse di cabotaggio affermando che si è trattato di un "errore tecnico".
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile