keystone
ZURIGO
28.08.18 - 09:200
Aggiornamento : 30.08.18 - 09:03

Tamedia: utile più che dimezzato nel primo semestre

Questa contro-performance sarebbe imputabile al fallimento di Publicitas e a maggiori costi per la previdenza

ZURIGO  - Tamedia ha chiuso il primo semestre con un utile netto di 39,9 milioni di franchi, in calo del 47,9% rispetto alla prima metà del 2017. L'utile netto attribuibile agli azionisti si è attestato a 26,2 milioni (-59,9%).

L'utile operativo EBIT è sceso del 44,6% a 52,7 milioni di franchi e il relativo margine dal 19,9 all'11,0%, l'EBITDA del 32,9% a 85,4 milioni per un margine passato dal 26,6 al 17,9%. Secondo il gruppo editoriale zurighese, la contro-performance è imputabile da un lato a fattori straordinari, vale a dire una rettifica di valore di 5,0 milioni in seguito al fallimento di Publicitas e maggiori oneri per la previdenza pari a 27,8 milioni conformemente alla norma IAS 19.

Il gruppo mediatico zurighese ha però continuano a soffrire anche per la crisi della stampa. I quotidiani, i settimanali e le riviste a pagamento hanno visto scendere il fatturato del 4,3% a 285 milioni e l'EBITDA del 41,8% a 21,6 milioni di franchi. Ciò a causa di un calo delle inserzioni pubblicitarie su carta talmente marcato che ha sorpreso anche i vertici del gruppo. Per la seconda metà dell'anno è attesa una flessione simile.

«In questo ambito dobbiamo continuare a lavorare sulla struttura dei costi», ha sostenuto il presidente della direzione Christoph Tonini durante la conferenza telefonica. Ciò comprende un ulteriore riduzione degli impieghi nelle redazioni: "vi saranno adeguamenti puntuali", ma non sono previsti licenziamenti. Per il resto Tonini intende «adattare i costi dove possibile».

Tre settimane fa il gruppo aveva già fatto sapere che entro febbraio 2019 sopprimerà una ventina di impieghi a tempo pieno nel segmento Editorial Services Deutschschweiz. Per fine anno è stato inoltre disdetto il contratto con il servizio sportivo in lingua tedesca dell'agenzia Keystone-ATS.

Le vendite sono rimaste praticamente stabili (-0,1%) a 477,5 milioni di franchi, grazie alle offerte digitali commerciali e ai giornali per i pendolari (+5,5% a 75,8 milioni ma un EBITDA in calo del 22,2% a 14,7 milioni). Hanno avuto un effetto positivo anche le partecipazioni e il rilevamento di Neo Advertising, che si aggiunge all'acquisizione di Goldbach, società zurighese che vende spazi pubblicitari, operazione cui la Commissione della concorrenza ha dato il suo via libera a metà agosto.

Il gruppo è cresciuto anche nel settore delle piattaforme di scambio e delle offerte digitali commerciali, che assieme alle partecipazioni hanno generato un fatturato di 124,9 milioni (+5,7%) e un EBITDA di 53,2 milioni (+11,9%). Tenendo conto anche dell'offerta pubblicistica digitale, la loro quota rispetto al giro d'affari totale è ormai del 39,3%, contro il 37,1% un anno prima. In questo contesto è stato reso noto oggi che Tamedia ha accresciuto la propria partecipazione in Zattoo (servizio di diffusione televisiva online) dal 29% a "oltre il 50%".

Per l'insieme dell'esercizio, la direzione del gruppo si dice «fiduciosa», senza tuttavia fornire previsioni dettagliate.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD / ZURIGO
39 min
Aggredì un'operatrice con una roncola: pena confermata
La 38enne ivoriana dovrà scontrare 18 anni. Il fatto avvenne in un centro per richiedenti asilo di Embrach nel 2015
GINEVRA
1 ora
Curdo si cosparge di benzina e si dà fuoco
È successo davanti all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. L'uomo è stato ricoverato al CHUV di Losanna
SVIZZERA
2 ore
Stop alla triturazione dei pulcini vivi
La decisione è stata presa oggi dal Consiglio federale. La procedura sarà vietata a partire dal prossimo 1° gennaio
SVIZZERA
2 ore
San Gallo ristruttura i suoi ospedali
Cinque dei nove nosocomi a vocazione locale saranno ridotti a centri per urgenze con alcuni letti. 60-70 posti saranno cancellati, ma il taglio dovrebbe avvenire tramite fluttuazioni naturali
SVIZZERA
2 ore
È così che l'assassino Zoran P. ha ingannato le autorità svizzere
Fuggito dal carcere in Bosnia, si era rifatto una vita in terra confederata. I vicini sono scioccati
BERNA
4 ore
Da Coop niente più sacchetti di plastica gratis
L'iniziativa interessa Coop Edile+Hobby, Coop City, Interdiscount, Fust, Coop Vitality e Import Parfumerie
SVIZZERA
6 ore
Assassino plurimo latitante da 24 anni, viveva in incognito in Svizzera
In Bosnia aveva rapinato e ucciso una famiglia negli anni '90, era evaso e fuggito nella Confederazione dove si era sposato. Lunedì è stato rimpatriato
LIECHTENSTEIN
13 ore
Una Ferrari rubata rispunta dopo dieci anni
La vettura, sparita nel 2009 nel principato, è stata ritrovata a Londra
ITALIA / LUCERNA
15 ore
Cristiano Ronaldo? No, un 25enne lucernese
Il video che ritrae il "giocatore" a Torino ha totalizzato quasi quattro milioni di visualizzazioni. «L'idea mi è venuta questa estate, quando due ragazze mi hanno scambiato per CR7»
FRIBORGO
17 ore
La fattura (milionaria) che Migros contesta
Il colosso della distribuzione ha pagato 1,7 milioni di franchi all'imprenditore Damien Piller. Ma ora vuole indietro i soldi
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile