SVIZZERA
06.08.18 - 10:380
Aggiornamento : 30.08.18 - 09:04

Tamedia contro la Comco: «Guarda a noi, nani davanti a Facebook»

Per il ceo Christoph Tonini la Commissione della concorrenza, che esaminerà l'acquisizione di Goldbach, è «fuori dalla realtà»

ZURIGO - Il ceo di Tamedia Christoph Tonini critica apertamente la Commissione della concorrenza (Comco) e definisce «fuori dalla realtà» la decisione di quest'ultima di voler procedere a un esame approfondito dell'acquisizione prevista della società Goldbach da parte del gruppo editoriale zurighese.

In un'intervista pubblicata oggi dal portale d'informazione "persoenlich.com", Tonini spiega come molti soldi provenienti dalla pubblicità vadano a finire nelle tasche di Google e Facebook, mentre la Comco esamina da mesi la concentrazione Tamedia-Goldbach. «Mi chiedo se la Commissione si renda conto del fatto che già oggi in Svizzera siamo tutti nani di fronte a questi giganti di Internet», aggiunge il presidente della direzione di Tamedia.

Tonini parte dal presupposto che Google e Facebook realizzeranno nella Confederazione un fatturato di circa 2 miliardi di franchi nel 2018. Il ceo di Tamedia auspica che con la concentrazione tra Tamedia e Goldbach si possa «in parte contrastare» l'avanzata della filale di Google, Youtube.

Nel maggio scorso, la Comco aveva reso noto che avrebbe esaminato in maniera approfondita il progetto delle due aziende e in particolare se vi fossero indizi secondo i quali tale concentrazione crei o rafforzi una posizione dominante.

Secondo la Comco, Tamedia - con oltre 50 piattaforme digitali - riesce a raggiungere gran parte della popolazione svizzera in tutte le regioni linguistiche, mentre la società zurighese Goldbach ha una posizione di leader nell'ambito della commercializzazione di media elettronici. Le due aziende prevedono in futuro di proporre offerte a 360 gradi in numerosi settori, tra cui TV, radio, affissioni pubblicitarie e media online e cartacei.

Per quanto riguarda le voci di una possibile soppressione fino a 160 posti di lavoro presso Tamedia entro il 2020, nell'intervista Tonini ha affermato di non poter ancora dire con precisione quanti licenziamenti ci saranno. «Ciò che è certo è che la situazione è difficile», ha aggiunto. «Quando si osserva che nell'editoria si perde annualmente dal 10 a 12% di entrate pubblicitarie, è chiaro che da un punto di vista puramente economico si debba procedere a risparmi».

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Solo una persona su venti naviga gratuitamente sui treni delle FFS
Secondo le cifre delle FFS, il servizio FreeSurf è utilizzato solo dal 5% dei clienti
SVIZZERA
7 ore
Le stazioni ferroviarie più comode d’Europa: Zurigo al secondo posto
La classifica è stata stilata dal Consumer Choice Center, e la Svizzera può esserne soddisfatta
URI
14 ore
In retromarcia sull'A2 per evitare controlli
Pericolosa manovra di tre autotrasportatori, che volevano sottrarsi a un controllo perché i loro veicoli presentavano difetti tecnici
FOTO
TURGOVIA
16 ore
Scoppia la polemica su questo cartellone elettorale
La decisione di una candidata al Gran Consiglio turgoviese di farsi ritrarre con un fucile d'assalto ha riportato alla mente la strage avvenuta a Zugo
VIDEO
BERNA
16 ore
Quando l'acqua anziché cascare... risale
Curioso fenomeno quello immortalato nell'Oberland bernese. Ma c'è una spiegazione
SVIZZERA
19 ore
Il cervo dello Jägermeister ha perso il suo significato cristiano
Il TAF ha stabilito che il logo del noto digestivo, un cervo con una croce, può essere commercializzato senza ferire i sentimenti religiosi
LUCERNA
19 ore
Arrestati dopo una folle sfida notturna
Gara automobilistica ad alta velocità, in pieno centro di Lucerna, fra due giovani. Uno di loro si trovava pure in stato d'ebbrezza
SVIZZERA-CINA
20 ore
Gli svizzeri in Cina: «Abbandonati da Berna»
Il DFAE afferma di essere in contatto con i confederati che si trovano nel paese asiatico. Ma molti dicono di non essere mai stati contattati
GINEVRA
21 ore
I frontalieri arrivano da sempre più lontano
Lo storico Claude Barbier mette in guardia su un possibile problema culturale: «Spesso questi lavoratori non comprendono gli usi e i costumi locali»
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
22 ore
«Ogni tre giorni c'è un'auto in contromano sulle autostrade»
Quello avvenuto sabato nel canton Berna è solo l'ultimo caso di una lunga serie. Via Suisse: «15 conducenti contromano da inizio 2020»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile