Keystone
ZURIGO
22.12.17 - 07:390
Aggiornamento : 30.08.18 - 09:03

Tamedia vuole acquistare il gruppo Goldbach

Il gruppo ha effettuato un'offerta pubblica d'acquisto al prezzo di 35,50 franchi per azione

ZURIGO - Tamedia vuole acquisire Goldbach Group, società di vendita di spazi pubblicitari. L'operazione, illustrata oggi in una conferenza stampa a Zurigo, punta a espandere la posizione delle due aziende in Svizzera e a farne progredire le attività in Germania e Austria. L'ammontare della transazione dovrebbe elevarsi a circa 216 milioni di franchi per tutto il capitale azionario.

Goldbach continuerà a presentarsi sul mercato come impresa autonoma conservando il proprio nome e l'attuale CEO Michi Frank, hanno indicato i due gruppi. Tamedia ha avanzato un'offerta pubblica d'acquisto (opa) di 35,50 franchi per ognuna delle 6'091'352 azioni. L'acquisizione deve ottenere il via libera da parte della Commissione federale della concorrenza (COMCO).

"Si tratta di una chance da cui trarre benefici per il mercato svizzero dei media", ha dichiarato Christoph Tonini, CEO di Tamedia. Stando a quest'ultimo "le due società si completano perfettamente a vicenda. Si tratta di una notizia di cui gioire in pieno spirito natalizio".

Maggiori azionisti a favore - I due maggiori azionisti di Goldbach, Beat Curti e Veraison Sicav, hanno già annunciato di voler accettare l'offerta di Tamedia per le loro quote. Il primo detiene una partecipazione del 19,84%, il secondo del 19,09%. Tra gli altri azionisti di riferimento vi sono UBS Fund Management (circa l'8%) e Credit Suisse Funds (più del 6%). Se Tamedia si impossesserà di oltre il 50% dei titoli della società basata a Küsnacht (ZH), quest'ultima sarà ritirata dalla Borsa svizzera.

Sotto l'ala di Tamedia vi sono una cinquantina fra media e piattaforme digitali in tutte le regioni linguistiche elvetiche. È per esempio editrice di testate quali "Tages-Anzeiger", "Der Bund", "Le Matin", "Tribune de Genève" e "20 Minuti". Da parte sua, Goldbach fornisce lavoro a 340 persone in Svizzera, Germania e Austria e possiede una posizione dominante nella distribuzione dei media elettronici nella Confederazione. Fra le sue controllate al di là dei confini nazionali vi sono i canali televisivi RTL e ProSiebenSat.1.

In futuro, Tamedia mira a una cooperazione con Goldbach e Neo Advertising, azienda ginevrina anch'essa operativa nel ramo pubblicitario e legata al gigante zurighese. Questa collaborazione a tre "ci darà l'opportunità di fornire ai nostri clienti in Svizzera e all'estero un'offerta a 360 gradi nei settori della televisione, della radio, della stampa e della pubblicità esterna", ha affermato Tonini, manifestando inoltre la volontà di proseguire la crescita intrapresa per quanto riguarda i media online e di sviluppare forme di inserzione innovative.

Fronte comune contro Admeira - Il numero uno di Goldbach Frank, che entrerà a far parte della direzione generale di Tamedia, ha aggiunto che l'azienda da lui comandata è in "perfetta salute". A suo avviso, l'avvento di Admeira, la joint venture creata da SSR, Swisscom e Ringier, contribuirà ad accrescere fortemente la pressione concorrenziale nel campo della pubblicità, già stravolto dalle nuove tecnologie e sul quale dominano i giganti californiani Facebook e Google. "È in questo contesto che il consiglio d'amministrazione ha deciso di stipulare tale intesa strategica", ha precisato il manager.

Secondo Jens Alder, presidente del consiglio d'amministrazione di Goldbach, "l'allargamento della nostra base d'affari è indispensabile per assicurarci la sopravvivenza a lungo termine". La ricerca di un partner si è estesa a tutta Europa, ma Tamedia ha sempre goduto "della nostra preferenza perché volevamo trovare qualcuno che avesse bisogno di noi". Il prezzo d'acquisto non è eccezionale o sconvolgente, ma risulta comunque accettabile - ha proseguito Alder - e permette di mettere al riparo l'azienda per molto tempo.

Nessun taglio al personale previsto - Per quel che concerne il personale, Tonini si è difeso dichiarando che non vi sono tagli previsti all'orizzonte. "Non vogliamo abbattere i costi, bensì investire nel futuro", è stata la sua presa di posizione sul tema. Il CEO di Tamedia si è detto fiducioso riguardo a una decisione in tempi relativamente brevi da parte della COMCO: il parere sulla transazione da parte dell'autorità federale è atteso tra la fine di febbraio e l'inizio di marzo 2018. L'acquisizione effettiva, che dovrebbe permettere al gruppo zurighese di aumentare il proprio Ebitda a 33 milioni di franchi annui, avverrebbe di conseguenza in aprile.

Nonostante l'ottimismo delle due aziende, la Banca cantonale zurighese si è mostrata piuttosto scettica riguardo alla manovra, anche se la cifra che Tamedia sborserà è ritenuta ragionevole. Goldbach si trova attualmente in una situazione finanziaria molto buona, ma non è certo che la società di Küsnacht riuscirà a mantenere la stessa forza d'urto una volta entrata a far parte dell'universo Tamedia, ha fatto notare l'analista Daniel Bürki, interpellato dall'agenzia finanziaria awp.

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Solo una persona su venti naviga gratuitamente sui treni delle FFS
Secondo le cifre delle FFS, il servizio FreeSurf è utilizzato solo dal 5% dei clienti
SVIZZERA
8 ore
Le stazioni ferroviarie più comode d’Europa: Zurigo al secondo posto
La classifica è stata stilata dal Consumer Choice Center, e la Svizzera può esserne soddisfatta
URI
14 ore
In retromarcia sull'A2 per evitare controlli
Pericolosa manovra di tre autotrasportatori, che volevano sottrarsi a un controllo perché i loro veicoli presentavano difetti tecnici
FOTO
TURGOVIA
16 ore
Scoppia la polemica su questo cartellone elettorale
La decisione di una candidata al Gran Consiglio turgoviese di farsi ritrarre con un fucile d'assalto ha riportato alla mente la strage avvenuta a Zugo
VIDEO
BERNA
16 ore
Quando l'acqua anziché cascare... risale
Curioso fenomeno quello immortalato nell'Oberland bernese. Ma c'è una spiegazione
SVIZZERA
19 ore
Il cervo dello Jägermeister ha perso il suo significato cristiano
Il TAF ha stabilito che il logo del noto digestivo, un cervo con una croce, può essere commercializzato senza ferire i sentimenti religiosi
LUCERNA
20 ore
Arrestati dopo una folle sfida notturna
Gara automobilistica ad alta velocità, in pieno centro di Lucerna, fra due giovani. Uno di loro si trovava pure in stato d'ebbrezza
SVIZZERA-CINA
21 ore
Gli svizzeri in Cina: «Abbandonati da Berna»
Il DFAE afferma di essere in contatto con i confederati che si trovano nel paese asiatico. Ma molti dicono di non essere mai stati contattati
GINEVRA
21 ore
I frontalieri arrivano da sempre più lontano
Lo storico Claude Barbier mette in guardia su un possibile problema culturale: «Spesso questi lavoratori non comprendono gli usi e i costumi locali»
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
22 ore
«Ogni tre giorni c'è un'auto in contromano sulle autostrade»
Quello avvenuto sabato nel canton Berna è solo l'ultimo caso di una lunga serie. Via Suisse: «15 conducenti contromano da inizio 2020»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile