BERNA
26.02.16 - 10:160
Aggiornamento : 30.08.18 - 09:04

Mister Prezzi: nel mirino i costi della salute, ma non solo

Stefan Meierhans ha presentato le priorità di azione per il 2016

BERNA - I costi della sanità e l'adeguamento delle tariffe legate all'approvvigionamento di energia e di acqua, lo smaltimento rifiuti, la Posta, le telecomunicazioni e i trasporti pubblici saranno le priorità del Sorvegliante dei prezzi per l'anno in corso. Lo ha annunciato oggi "Mister Prezzi", Stefan Meierhans, durante la conferenza stampa di presentazione del rapporto relativo al 2015.

"Mister Prezzi" si è innanzitutto detto soddisfatto del pronto abbassamento dei prezzi dopo la decisione della Banca Nazionale di abbandonare il tasso di cambio minimo con l'euro. Ha poi sottolineato che negli ultimi dieci anni il paniere dei consumatori è rincarato solo dell'1% mentre i prezzi dei prodotti importati sono calati del 15% dal 2010. Il preposto federale ha fatto notare che solo riducendo i costi la Svizzera potrà restare competitiva e mantenere posti di lavoro.

Nel 2015, Meierhans si è concentrato soprattutto sul forte aumento delle spese sanitarie. A inquietare, sono in particolare gli elevati prezzi dei farmaci, sui quali è richiesto un intervento "urgente". Il confronto con altri paesi ha mostrato come in Svizzera siano mediamente doppi rispetto all'estero.

Sulla base di una recente sentenza del Tribunale Federale che ha giudicato illegale servirsi unicamente del paragone internazionale per fissare i prezzi dei medicinali svizzeri, il Consiglio Federale ha stabilito che nemmeno nel 2016 si procederà a una loro riduzione. Ciò precluderà un possibile risparmio di svariate centinaia di milioni di franchi. Per il 2017, Meierhans chiede che si provveda a una revisione totale dei prezzi di tutti i farmaci adeguandoli al nuovo tasso di cambio.

In forte aumento sono anche i costi delle prestazioni ospedaliere ambulatoriali e quelli dei medici liberi professionisti, regolati dal tariffario Tarmed. Quest'ultimo è a sua volta basato su dati considerati superati: "Mister Prezzi" intende seguire con attenzione il suo processo di revisione.

I trasporti pubblici rappresenteranno un altro punto saliente delle attività del Sorvegliante dei prezzi. Un accordo con l'Unione dei trasporti pubblici è stato concluso per garantire l'applicazione delle riduzioni pattuite nel 2014 per i clienti del trasporto a lunga percorrenza (29 milioni di franchi all'anno). Per raggiungere l'obbiettivo è al momento in corso la distribuzione di buoni di 10 franchi ai titolari di un abbonamento metà-prezzo. Dal primo marzo, le FFS metteranno anche in vendita circa 100'000 "carte dalle 9" scontate del 50 per cento.

"Mister Prezzi" veglierà su un eventuale incremento delle tariffe dei mezzi pubblici, come per esempio quello previsto con l'apertura della galleria di base del San Gottardo. Ha però precisato che, in ragione di una legislazione oggi diversa, questo caso non può essere paragonato a quello della nuova linea del Lötschberg.

Nel 2015 Mister Prezzi ha trattato 2043 contestazioni provenienti da cittadini che si lamentavano soprattutto delle tariffe del settore sanitario (12%) e dei trasporti. Le autorità hanno invece sottoposto al suo esame 545 proposte di modifiche di prezzo. Meierhans ha emesso 85 raccomandazioni.

ats

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Giovani, chiedetevi: «Devo veramente andare a quella festa?»
È l’appello del capo delle emergenze dell’Oms, Mike Ryan
SVIZZERA
8 ore
«Automobile al sole: una trappola mortale». Parola del TCS
Qualche consiglio utile per evitare brutte sorprese in questi giorni di canicola
OBVALDO
9 ore
Titlis: boom di turisti elvetici, ma non è sufficiente
Gli impianti di risalita sono presi d'assalto, ma manca comunque circa il 70% dei visitatori
SVIZZERA / LIBANO
10 ore
Nessun aiuto svizzero al Governo libanese
Gli aiuti andranno direttamente alla popolazione, tramite la Croce Rossa
SVIZZERA
12 ore
Anche Berna, Argovia e Turgovia chiedono le liste degli arrivi a Kloten
Il canton Zurigo ha iniziato mercoledì a raccogliere questi dati per verificare il rispetto dell'obbligo di quarantena.
SVIZZERA
12 ore
Mascherine a scuola? Le diverse soluzioni dei Cantoni
Tra obbligo di mascherina e distanze di sicurezza, i Cantoni si preparano per il rientro a scuola
SVIZZERA
13 ore
Finanziamento di due progetti per il Covid
Il primo riguarda l'analisi sierologica, il secondo è un apparecchio portatile per una rapida identificazione del virus
SVIZZERA
14 ore
Mascherine monouso o di stoffa: quali utilizzare?
L'Ufficio federale della sanità le raccomanda entrambe, a meno che si abbiano dei sintomi
SVIZZERA
15 ore
Altri 161 casi, otto ricoveri e tre decessi
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 36'269. I decessi sono 1'712.
SVIZZERA
16 ore
L'infrastruttura digitale «è carente» nel settore pubblico
Il problema è emerso soprattutto nel periodo di lockdown.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile