SVIZZERA
19.04.15 - 14:450
Aggiornamento : 30.08.18 - 09:04

Le FFS reclutano macchinisti all'estero

La penuria sul mercato svizzero ha indotto l'ex regia federale a cercare personale sopratutto in Germania

BERNA - Le Ferrovie Federali Svizzere (FFS) necessitano urgentemente di 40 macchinisti con formazione conclusa. La penuria sul mercato svizzero ha indotto l'ex regia federale a cercare personale all'estero, sopratutto in Germania. Contattato dall'ats, il portavoce delle FFS Frédéric Revaz ha confermando le notizie pubblicate oggi da "Schweiz am Sonntag" e "NZZ am Sonntag".

Per il reclutamento è stata incaricata l'azienda basilese MEV Suisse, che mette a disposizione macchinisti alle aziende ferroviarie. L'urgenza è tale che non è stato pubblicato un bando di concorso. "La scelta è caduta su questa impresa perché è quella che può fornire più rapidamente il personale con le competenze necessarie", ha precisato Revaz.

Secondo il portavoce, la premura è dovuta ai numerosi cantieri in corso sulla rete ferroviaria - che influenzano l'organizzazione dei turni e quindi le giornate lavorative dei macchinisti - e alla formazione continua per il sistema di segnalazione e di sicurezza dei treni ETCS. "Il sistema necessita di una formazione apposita e di ulteriore personale", ha precisato Revaz. MEV Suisse recluterà principalmente in Germania, dove c'è sufficiente personale qualificato.

Difficile prevedere i bisogni di personale

Non è la prima volta che le FFS hanno sottovalutato il bisogno di personale. Già lo scorso novembre hanno annunciato che ogni giorno mancano fino a 50 macchinisti. L'intenzione era quella di richiamare personale andato recentemente in pensione. Retrospettivamente, due anni fa è mancata una sessantina di apprendisti. "La formazione è lunga, il bisogno di personale è difficile da prevedere in anticipo", ha concluso Revaz. Attualmente sono circa 3000 i macchinisti formati dalle FFS e che lavorano per l'ex regia federale.

 

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
42 min
L'invecchiamento rallenta il benessere
Quando la generazione del baby boom andrà in pensione, gli over 65 passeranno dal 30% del 2017 al 48% del 2045
BASILEA
2 ore
Roche rileva l'americana Promedior per 390 milioni di dollari in contanti
Sono previsti anche pagamenti fino a un miliardo di dollari che dipenderanno dai progressi nello sviluppo e nell'approvazione di nuovi farmaci
SVIZZERA
3 ore
Nessun "effetto Greta", gli svizzeri volano in vacanza
Kuoni, Hotelplan, ITS Coop Travel e Knecht Reisen confermano il trend. E sono ancora molto poche le compensazioni di CO2 tramite Myclimate
VIDEO
BERNA
3 ore
Il video della tempesta di neve che ha bloccato 200 persone
Venti a 180 chilometri orari. Il racconto di chi si è trovato nella tormenta
SVIZZERA
5 ore
Ex allenatore di Swiss-Ski diventa CEO di un aeroporto
Martin Rufener torna nel mondo dell'aviazione
FOTO
LUCERNA
6 ore
La tettoia finisce sui binari e il treno la centra
L'incidente si è verificato questa mattina a Escholzmatt. La causa potrebbe essere il forte vento che soffiava sulla regione
BERNA
7 ore
In 200 bloccati dalla tempesta di neve
Hanno trascorso la notte in un ristorante di montagna.
GRIGIONI
7 ore
Colpito da un cassero, gravi ferite per un operaio
Il 31enne è rimasto schiacciato sotto un peso di 250 chilogrammi
SVIZZERA
23 ore
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
1 gior
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile