Foto lettore 20 Minuten
BERNA
23.09.14 - 16:260
Aggiornamento : 24.11.14 - 20:54

Una pioggia di palline da ping pong in stazione, qualcuno sa il perché?

Una testimone: "Arrivavano da ovunque". Le FFS e la polizia cantonale: "Sconosciuti motivo e autori dell’azione"

BERNA - "Tutti i pendolari erano allibiti", ha raccontato una lettrice di 20 Minuten, Debora Schneiter. La studentessa 20enne si trovava, alle 6:15 di martedì mattina, alla stazione ferroviaria di Berna per prendere il treno che l'avrebbe portava a scuola. All'improvviso sono cadute palline da ping pong sul piazzale interno della stazione.

"Arrivavano da tutte le parti", ha raccontato la lettrice. "Non sono riuscita a vedere da dove provenivano. In tutti i casi è stato divertente. Soltanto una signora si è impaurita e si è messa a correre".

La pioggia di palline da ping pong resta un mistero. Esattamente un anno fa, il 23 settembre del 2013, alle 6:15, si è assistito alla stessa scena. Un'azione di guerriglia marketing? Un progetto artistico? Una rappresentazione dadaista che simboleggia l'inizio dell'autunno?

Nessuno sa dare una risposta. Le FFS hanno criticato il gesto, parlando di "atto senza senso": "Ciò significa soltanto una cosa: lavoro di pulizia supplementare per il nostro personale", ha dichiarato Christian Ginsig. Neppure lui sa dare una spiegazione a questi fatti che restano avvolti nel mistero. Le telecamere della videosorveglianza mostrano un gruppo di sconosciuti vestiti di bianco. Uomini spuntano veloci all'improvviso e se ne vanno. Le FFS non hanno ancora deciso se fare denuncia: "Non vi sono stati danni a oggetti o a persone", ha aggiunto Ginsig.

Neppure la polizia cantonale bernese sa dare una risposta.

Foto lettore 20 Minuten
Guarda tutte le 10 immagini
Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
FOTO
ZURIGO
2 ore
Una piazza per Köbi Kuhn? «Prima vi sono diverse donne da onorare»
Due consigliere comunali fanno scoppiare la polemica attorno all'idea di dedicare la piazza di Wiedikon all'allenatore della Nazionale da poco scomparso
FOTO
LUCERNA
2 ore
Vola nel burrone e ne esce illeso
È andata di lusso al conducente di un furgone che questa mattina è stato protagonista di un incidente avvenuto a Entlebuch
SVIZZERA
3 ore
BNS, i tassi negativi sono «sempre necessari»
La Banca nazionale svizzera ha ribadito oggi la propria disponibilità a intervenire all'occorrenza sul mercato dei cambi, che «rimane fragile»
VAUD
3 ore
Non sa abbastanza bene il tedesco: 22enne romando escluso da Swisscoy
Il centro di competenza dell'Esercito non indicava alcun livello minimo per accedere alla formazione: «È per non scoraggiare nessuno»
SVIZZERA
5 ore
Ecco il primo rifugiato con un impiego fisso presso La Posta
L'azienda descrive così Henok Afewerki: «Da ragazzo dal futuro incerto a collaboratore della logistica con ottime prospettive»
FOTO
SAN GALLO
6 ore
Ne hanno fatto esplodere un altro
Preso di mira la notte scorsa un bancomat a Sevelen. I danni ammontano a circa 100mila franchi
SVIZZERA
6 ore
Svizzeri in vacanza? Sicurezza e prossimità
Il TCS ha elencato una serie di consigli per le vacanze all’estero
ZURIGO
6 ore
«Mentre camminavo la scarpa ha iniziato a squagliarsi da sola»
L'incredibile vicenda accaduta a una zurighese. La colpa sarebbe del dispositivo antitaccheggio nella suola, per gli esperti però è un enigma
SVIZZERA
6 ore
Preferenza indigena e obbligo d'annuncio: «Raccontiamola giusta»
Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale chiedendo di fare luce sulla reale efficacia della misura implementata nel 2018
GINEVRA
7 ore
È il grande giorno del Léman Express
La rete - sulla quale circoleranno 240 treni al giorno - viene inaugurata oggi. Fra tre giorni sarà aperta al pubblico
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile