BERNA
27.09.12 - 13:440
Aggiornamento : 04.11.14 - 08:19

Alain Berset vuole un sistema più trasparente e comprensibile

BERNA - "Voglio che il sistema (dei premi delle casse malattia) sia più comprensibile e più trasparente", ha detto il ministro della sanità Alain Berset presentando gli aumenti per il 2013 alla stampa. "I lavori sono in corso, ma dureranno parecchio tempo", ha aggiunto.

Il consigliere federale ha ricordato che oggi esistono più di 287'000 tipi di assicurazione malattia. "Alcuni non hanno neppure un affiliato, e questo dimostra che c'è un problema". Questa situazione, a suo avviso, causa pratiche burocratiche inutili.

La procedura di approvazione dei premi da parte dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha richiesto a volte intense discussioni con gli assicuratori, ha precisato Alain Berset. Tutti però sono stati approvati per la durata di un anno; non è stato necessario - come in passato - adottare premi per periodi più limitati. I cantoni sono stati maggiormente coinvolti nella procedura. A fine ottobre è previsto un incontro per fare un bilancio e prevedere miglioramenti, ha precisato il consigliere federale.

Il calo dei premi per i bambini "è un segnale positivo per le famiglie", secondo Berset. L'aumento dei costi delle cure ambulatoriali è dovuto ai progressi tecnici che sono "un vantaggio per i pazienti, ma molto meno per chi deve pagare i premi", ha aggiunto. In conclusione Alain Berset ha riassunto l'obiettivo della sua politica sanitaria a medio termine: ottimizzare la qualità delle cure e garantirne l'accesso a tutti.

Da parte sua Carlo Conti, presidente della conferenza dei direttori cantonali della sanità, ha detto che l'aumento contenuto dei premi malattia corrisponde alle nostre attese e "stavolta riflette l'evoluzione dei costi della salute".

Santésuisse accoglie con favore quello che definisce "un aumento moderato", ma invita alla prudenza, sottolineando che questi premi sono soltanto dei pronostici e che la valutazione effettiva dei costi sanitari per il 2013 rimane "particolarmente difficile".



ATS
TOP NEWS Svizzera
SVITTO
44 sec
Casa anziani lancia un appello per personale immediato
La casa di riposo Rubiswil è alla ricerca d'infermieri e «mani in grado di aiutare»
BERNA
8 min
Coronavirus: Consiglio federale col freno a mano tirato «per paura di critiche»
Secondo il SonntagsBlick, il governo tentennerebbe per timore dell'accusa di voler istituire una "Corona-Diktatur".
SVIZZERA
1 ora
«Il personale di terapia intensiva è già esausto»
Dopo gli applausi della scorsa primavera, il nulla. Turni da 12 ore al giorno, «ma ci sentiamo abbandonati».
SVIZZERA
12 ore
Il Palazzo delle Nazioni s'illumina per l'ONU
Anche il Jet d'eau sarà illuminato di blu: si celebra l'anniversario delle Nazioni Unite
SOLETTA
12 ore
«Più di tre ore per fare il tampone»
«La coda diventava sempre più grande» spiega una testimone
SVIZZERA
15 ore
«Si sarebbe dovuto agire già in estate»
C'è chi vede il 29 giugno come il giorno in cui si sarebbe dovuto iniziare a fare qualcosa, come l'epidemiologo Althaus
SVIZZERA
17 ore
«Eravamo sovraccarichi già due settimane fa»
Dall'elaborazione dei dati, al supporto a chi si trova in quarantena. Un contact tracer racconta il suo lavoro.
SVIZZERA
17 ore
Bloccati un'ora e mezza in galleria
I viaggiatori di un treno diretto da Zurigo a Lucerna sono rimasti bloccati per circa un'ora e mezza
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: «Senza programmabilità gli approvvigionamenti sono a rischio»
L'associazione Commercio Svizzera chiede al Consiglio federale chiarezza sugli scenari da attendersi.
SVIZZERA
20 ore
Ueli Maurer preoccupato per la repressione del dissenso
Il ministro delle finanze ha parlato di tendenze «pericolose per la democrazia» all'Assemblea dei delegati UDC
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile