BERNA
03.02.12 - 13:120
Aggiornamento : 17.11.14 - 02:19

Migliaia di tonnellate di munizioni rimarranno nei laghi

BERNA - Le migliaia di tonnellate di munizioni che l'esercito svizzero ha gettato nei laghi di Thun, Brienz e dei Quattro Cantoni fino agli anni 1960 non saranno recuperate. Come nel 2008, il ministero della difesa è infatti giunto alla conclusione che le munizioni non inquinano le acque e che il loro recupero sarebbe problematico ed avrebbe un impatto notevole sull'ecosistema acquatico.

Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) ha spiegato in una conferenza stampa oggi a Berna che, malgrado in basso rischio residuo, i Cantoni interessati effettueranno comunque un monitoraggio regolare che permetterà di reagire tempestivamente a qualsiasi mutamento della situazione.

Da un'indagine storica commissionata nel 2004 è emerso che l'esercito svizzero ha scaricato sui fondali dei laghi oltre 8000 tonnellate di munizioni e di residuati esplosivi, per lo più provenienti dalle fabbriche di Thun (BE) e Altdorf (UR). Circa un terzo erano vecchie munizioni della Seconda Guerra mondiale, ha ricordato la segretaria generale del DDPS Brigitte Rindisbacher.

Nel lago di Thun ne sono state gettate 4600 tonnellate, in quello di Brienz 280 t, nel ramo urano dei Quattro Cantoni 2800 t e in quello svittese (Gersauerbecken) 530 t. Gli ultimi affondamenti sono avvenuti nel 1963 a Thun e nel 1967 nel Urnersee. La quantità di munizioni sui fondali, le richieste di recuperarle e le anomalie riscontrate nei pesci del lago di Thun hanno indotto il DDPS a disporre accertamenti approfonditi per determinare l'effettiva minaccia.



ATS
TOP NEWS Svizzera
FOTO
GRIGIONI
18 min
Il masso sulla Tesla interrompe la vacanza
Brutta disavventura per una coppia diretta in Engadina
GINEVRA
55 min
Gli infermieri chiedono una negoziazione degli orari
Al centro delle loro rivendicazioni vi è una modifica del piano orario che impone una pausa di un'ora a metà giornata
LUCERNA
1 ora
Le opere del lockdown raccolgono 36'300 franchi
Il ricavato degli "schizzi" di solidarietà finirà a una Fondazione che sostiene gli artisti figurativi
SVIZZERA
5 ore
A Zurigo si manifesta contro «la bugia del coronavirus»
Sono circa 500 le persone che si sono riunite per protestare contro il Covid-19 e le misure che ne sono conseguite
SVIZZERA
7 ore
Un secondo lockdown? «Uno scenario terrificante»
Succede in Israele, e nel Regno Unito, cosa deve fare la Svizzera per evitare un secondo confinamento?
SVIZZERA
7 ore
In fiamme sul passo del Julier
Il conducente si è fermato quando ha notato del fumo uscire dal motore dell'auto
SVIZZERA
8 ore
Non ci sarà più uno svizzero a capo dell'OSCE
L'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa non sarà più guidata da Thomas Greminger
GRIGIONI
9 ore
Ladro ruba la colletta del funerale di un bimbo di 5 anni
L’appello dei genitori: «Se hai un cuore riporta quei soldi, servivano per curare i bambini malati»
SVIZZERA
11 ore
In gita sul Titlis, precipitano in un crepaccio: un morto
Coinvolti tre alpinisti di età compresa tra i 35 e i 37 anni
GIURA
21 ore
Due adolescenti provocano un incendio e fuggono
A Porrentruy è scoppiato un incendio boschivo a causa della negligenza di due adolescenti, tuttora ricercati
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile