Immobili
Veicoli
Keystone
SAN GALLO
27.01.22 - 10:320
Aggiornamento : 10:48

Oltre 9'000 certificati Covid illegali, dieci giovani in manette

I certificati sarebbero stati creati attraverso gli account di alcuni dipendenti di vari centri test.

I clienti del gruppo, comunica la Polizia cantonale sangallese, hanno pagato tra i 300 e gli 800 franchi per i Pass.

SAN GALLO - Una vera e propria fabbrica di Covid Pass. Tutti, rigorosamente, illegali. È quanto scoperto dalla Polizia cantonale sangallese. Secondo i primi accertamenti, i sospettati avrebbero prodotto illecitamente oltre 9'000 certificati Covid. Le persone ritenute coinvolte, tutti giovani tra i 20 e i 30 anni, sono state arrestate, e tre si trovano tuttora in carcere preventivo. L'accusa è di falsificazione di documenti. 

Gli accusati sono quattro svizzeri, tre serbi, un iracheno, un serbo e un croato, tutti nati tra il 1992 e il 2002. Alcuni di loro sono dipendenti di vari centri di test che avrebbero utilizzato in modo improprio i loro account aziendali per creare certificati Covid. In termini concreti, questi dipendenti avrebbero concesso ad altri sospetti l'accesso ai loro account, dietro pagamento, che a loro volta li avrebbero utilizzati per generare abusivamente certificati.

Le forze dell'ordine sono ora a conoscenza di oltre 9'000 Pass prodotti illegalmente dal gruppo. Questi includono circa 8'000 certificati di vaccinazione, mentre il resto sono certificati di guarigione e di test individuali. Gli utenti finali hanno pagato tra i 300 e gli 800 franchi per i certificati.

Il Canton San Gallo, si legge nell'odierno comunicato, aveva già notificato all'Ufficio federale di informatica e indicato come problematico il fatto che i dipendenti dei centri test abbiano la possibilità di rilasciare certificati di vaccinazione anche senza somministrarne alcuna.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
53 min
Vaiolo delle scimmie, già fatte le prove per una pandemia
L’esercitazione, messa in atto alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco del 2021, ha insospettito molte persone.
GRIGIONI
1 ora
Seimila sigarette nascoste un po' ovunque nel camper
Sono state trovate dai doganieri durante un controllo al valico di Martina.
SVIZZERA
1 ora
I miliardi della Banca invece del portafoglio dei lavoratori
L'iniziativa popolare "sulla BNS" è stata lanciata oggi da sindacati, PS e altre associazioni di sinistra.
ZURIGO
1 ora
Lavoro: uno svizzero su due è insoddisfatto
Uno su cinque, invece, punta a cambiare posizione entro l'anno.
SAN GALLO
16 ore
Cerca di sfuggire al ricovero, cade dal tetto e muore
Un 35enne con problemi psichici ha perso la vita questo pomeriggio ad Altstätten.
LOSANNA
16 ore
Il dottorato svizzero di Mussolini fa discutere
Venne conferito nel 1937 al Duce. Oggi una petizione chiede di revocarlo
SVIZZERA
17 ore
Cassis a Davos con la mente rivolta a Lugano
Il presidente della Confederazione ha aperto ufficialmente il WEF parlando della situazione geopolitica mondiale.
SVIZZERA
20 ore
Ricola «inganna i consumatori» secondo una consumatrice
Una donna dell'Illinois ha chiesto un risarcimento milionario accusando l'azienda di pubblicità ingannevole
SVIZZERA
21 ore
La quarta dose presto realtà
Da oggi la Confederazione consiglia una nuova vaccinazione «alle persone con un sistema immunitario indebolito».
SVIZZERA
23 ore
Commercio sostenibile: l'industria della moda sotto la lente
Public Eye ha compiuto un'analisi dei più noti rivenditori di moda in Svizzera. Zalando, Wish e Amazon nel mirino.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile