Immobili
Veicoli
Tipress (foto d'archivio)
ARGOVIA
05.12.21 - 11:300
Aggiornamento : 18:18

Terapie intensive, il triage è iniziato anche in Svizzera

Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.

Christian Frey, vicecapo dell'unità di cure intensive della clinica: «Se i numeri continuano a salire, lo stesso avverrà con il triage dei pazienti».

AARAU - Lo scenario da incubo di dover scegliere quale paziente curare e quale invece no, quello più volte evocato con preoccupazione dalle autorità sanitarie elvetiche e dalla task force nei numerosi appelli, si è verificato questa settimana tra le pareti della clinica argoviese Hirslanden, ad Aarau.

«La metà dei nostri letti di terapia intensiva sono occupati da pazienti Covid», ha spiegato al Sonntagsblick il dottor Christian Frey, vicecapo dell'unità di cure intensive della clinica. E, ha aggiunto, «sono tutti non vaccinati». Il medico la considera una situazione estremamente problematica, «perché così siamo costretti a mettere in attesa altri pazienti» che hanno bisogno di particolari cure. È il cosiddetto "triage" dei pazienti. E a farne le spese, nei giorni scorsi, è stata una persona malata di cancro, che non ha potuto essere ammessa nel reparto di terapia intensiva e - con il suo consenso - ha dovuto essere ventilata, in modo non invasivo, in un reparto ordinario.

Il triage, un fardello tremendo
«Se i numeri continuano a salire, lo stesso avverrà con il triage dei pazienti», dice Frey. Questa selezione, spiega al domenicale svizzero-tedesco il numero uno del reparto di terapie intensive dell'Ospedale cantonale di San Gallo, il dottor Miodrag Filipovic, avviene sulla base di un semplice criterio, ovvero viene favorito il ricovero dei pazienti che hanno una maggiore possibilità di sopravvivere.

E si tratta di un tremendo fardello, per tutte le persone coinvolte. Dai medici, agli infermieri fino, ovviamente, ai familiari delle persone ricoverate. «Devi occuparti di loro e dei loro cari», sottolinea la direttrice dell'Associazione svizzera del personale infermieristico, Yvonne Ribi. A rendere particolarmente delicata la situazione in questo momento non è però il solo tasso di occupazione dei letti intensivi - più alto rispetto alla seconda ondata, in quanto al momento in Svizzera disponiamo di 860 posti contro i 1'100 dell'autunno 2020 - ma anche un'insufficiente disponibilità di personale specializzato per questo tipo di cure.

Triage per i non vaccinati? «Sarebbe discriminatorio»
Come già detto, la netta maggioranza dei pazienti Covid nei reparti intensivi risulta non vaccinata. Filipovic parla del 90% circa. Questo fattore però non può costituire un criterio di scelta in materia di "triage". «Sarebbe una pratica discriminatoria», spiega l'esperto costituzionalista dell'Università di Zurigo Felix Uhlmann. «L'unico fattore decisivo è dato dalle possibilità di sopravvivenza a breve termine del paziente».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
18 min
Il reddito di base incondizionato per affrontare le sfide della società
La misura viene proposta da un comitato apartitico a Lucerna. Si tratterebbe di sperimentarla per tre anni
SVIZZERA
1 ora
Le polemiche sul nucleare agitano il PLR
I malumori andavano risolti “in casa”, secondo il presidente Thierry Burkart
SAN GALLO
2 ore
Un giovane ubriaco provoca la polizia
È stato fermato la scorsa notte a San Gallo. Aveva un tasso alcolemico dell'1,9 per mille
SVIZZERA
2 ore
Le parole di Berset dividono la popolazione
«Conosciamo troppo poco le conseguenze a lungo termine» ricorda Edith Leibundgut.
GINEVRA
11 ore
900 email da una cinquantina di indirizzi diversi: condannata una giovane stalker
La donna aveva preso di mira il suo ex e una sua insegnante nell'arco di diversi anni.
BERNA
13 ore
Un CovidPass valido tre mesi? La Svizzera è scettica
Il presidente di Swissnoso: «Ciò che serve è un allentamento delle misure e una riduzione delle quarantene»
ZURIGO
15 ore
Booster e impennata di decessi: «Nessun nesso»
Durante la campagna di richiamo, in Svizzera sono morte un numero di persone superiore alla media.
SVIZZERA
17 ore
Migros richiama gli zigoli dolci contaminati da salmonella
I clienti possono restituire i prodotti corrispondenti e saranno rimborsati del prezzo di acquisto
ARGOVIA
19 ore
Berset, presto eliminati gli obblighi di quarantena e telelavoro
Se lo sviluppo della pandemia continuerà a procedere in modo positivo verrà revocato anche il CovidPass
BERNA
20 ore
Formalmente riuscita l’iniziativa contro l'obbligo vaccinale
Occorrevano 100 mila firme. Ne sono state raccolte 126'089 di cui oltre 125 mila valide.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile