Immobili
Veicoli
Tipress (foto d'archivio)
ARGOVIA
05.12.21 - 11:300
Aggiornamento : 18:18

Terapie intensive, il triage è iniziato anche in Svizzera

Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.

Christian Frey, vicecapo dell'unità di cure intensive della clinica: «Se i numeri continuano a salire, lo stesso avverrà con il triage dei pazienti».

AARAU - Lo scenario da incubo di dover scegliere quale paziente curare e quale invece no, quello più volte evocato con preoccupazione dalle autorità sanitarie elvetiche e dalla task force nei numerosi appelli, si è verificato questa settimana tra le pareti della clinica argoviese Hirslanden, ad Aarau.

«La metà dei nostri letti di terapia intensiva sono occupati da pazienti Covid», ha spiegato al Sonntagsblick il dottor Christian Frey, vicecapo dell'unità di cure intensive della clinica. E, ha aggiunto, «sono tutti non vaccinati». Il medico la considera una situazione estremamente problematica, «perché così siamo costretti a mettere in attesa altri pazienti» che hanno bisogno di particolari cure. È il cosiddetto "triage" dei pazienti. E a farne le spese, nei giorni scorsi, è stata una persona malata di cancro, che non ha potuto essere ammessa nel reparto di terapia intensiva e - con il suo consenso - ha dovuto essere ventilata, in modo non invasivo, in un reparto ordinario.

Il triage, un fardello tremendo
«Se i numeri continuano a salire, lo stesso avverrà con il triage dei pazienti», dice Frey. Questa selezione, spiega al domenicale svizzero-tedesco il numero uno del reparto di terapie intensive dell'Ospedale cantonale di San Gallo, il dottor Miodrag Filipovic, avviene sulla base di un semplice criterio, ovvero viene favorito il ricovero dei pazienti che hanno una maggiore possibilità di sopravvivere.

E si tratta di un tremendo fardello, per tutte le persone coinvolte. Dai medici, agli infermieri fino, ovviamente, ai familiari delle persone ricoverate. «Devi occuparti di loro e dei loro cari», sottolinea la direttrice dell'Associazione svizzera del personale infermieristico, Yvonne Ribi. A rendere particolarmente delicata la situazione in questo momento non è però il solo tasso di occupazione dei letti intensivi - più alto rispetto alla seconda ondata, in quanto al momento in Svizzera disponiamo di 860 posti contro i 1'100 dell'autunno 2020 - ma anche un'insufficiente disponibilità di personale specializzato per questo tipo di cure.

Triage per i non vaccinati? «Sarebbe discriminatorio»
Come già detto, la netta maggioranza dei pazienti Covid nei reparti intensivi risulta non vaccinata. Filipovic parla del 90% circa. Questo fattore però non può costituire un criterio di scelta in materia di "triage". «Sarebbe una pratica discriminatoria», spiega l'esperto costituzionalista dell'Università di Zurigo Felix Uhlmann. «L'unico fattore decisivo è dato dalle possibilità di sopravvivenza a breve termine del paziente».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
11 ore
Morto schiacciato da un albero
L'uomo stava tagliando del legname in una zona boschiva.
SVIZZERA
12 ore
«Quasi nessun Omicron-contagiato in cure intense»
È ancora Delta, secondo quanto riportato da alcuni ospedali svizzeri, a causare i decorsi più gravi.
FOTO
BERNA
15 ore
"Libertà!" e bandiere svizzere nella capitale
La manifestazione, non autorizzata, è stata sorvegliata da vicino delle forze dell'ordine.
ZURIGO
17 ore
18enne gravemente ferito da un 17enne
L'aggressore è stato arrestato a casa sua dagli agenti della polizia cantonale
SVIZZERA
17 ore
Long Covid: pendenti 1'800 richieste all'AI
Al momento non sono però noti casi in cui la rendita di invalidità è stata effettivamente concessa.
FOTO
GINEVRA
18 ore
Rogo in una palazzina, due persone in pericolo di vita
L'incendio è scoppiato nel loro appartamento.
SVIZZERA
19 ore
La malattia di Newcastle è stata rilevata in Svizzera
Diverse galline ovaiole di un'azienda avicola zurighese sono state infettate da questa sindrome, altamente contagiosa
VALLESE
20 ore
Travolto da una valanga: la vita di un 72enne è in pericolo
L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio nella regione del Col du Sanetsch
NIDVALDO
21 ore
In contromano per 12 chilometri sulla A2, seguendo il navigatore
La polizia ha fermato la conducente di un veicolo con targa italiana
SVIZZERA
21 ore
«Il periodo del certificato Covid sembra arrivare alla fine»
Le decisioni prese mercoledì potrebbero essere modificate, in caso di un'evoluzione positiva della situazione pandemica
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile