Immobili
Veicoli
Foto lettore 20 Minutes
Ginevra
03.12.21 - 17:440

Condannato a 16 anni per aver crivellato di colpi un suo amico

I fatti risalgono al 2016, quando un 42enne in seguito a un alterco aveva giustiziato un uomo in una sala da tè

GINEVRA - Nella tranquillità di una sala da tè, un uomo ha puntato la pistola contro un suo amico e lo ha giustiziato. I due erano vicini di casa e nei giorni precedenti avevano litigato. Il tribunale penale di Ginevra ha condannato oggi il 42enne a 16 anni di prigione per assassinio. I fatti sono avvenuti nel maggio 2016, nel quartiere Libellules di Chatelaine (GE).

Per i giudici, l'accusato si è reso colpevole di una «vera e propria esecuzione». Ha agito con un «sangue freddo agghiacciante», svuotando due volte il caricatore della sua pistola semiautomatica sulla vittima, raggiungendola nella sala da tè dove si era rifugiata per "sterminarla come un cane". Il tribunale ha sottolineato il «comportamento terrificante» dell'imputato, che ha fatto vivere «l'indicibile» al suo vicino, nonostante lo conoscesse da anni e con lui avesse stabilito un'amicizia. La colpa dell'accusato è «di una gravità estrema». È stata inoltre commessa per un «movente eminentemente futile».

Secondo la corte, il «sentimento d'inferiorità» di cui soffre il 42enne, la sua frustrazione, «i fallimenti nella sua vita», il tutto associato a una personalità borderline e paranoica, hanno potuto costituire una miscela esplosiva. L'imputato voleva vendicarsi dell'affronto ricevuto dopo l'alterco. La sua rabbia si è "cristallizzata" sulla sua vittima.

Egocentrismo - Il tribunale ha rimproverato all'accusato il suo egocentrismo: i giudici hanno deplorato tra l'altro i tentativi dell'imputato di giustificarsi costantemente, di evocare traumi subiti durante l'infanzia per spiegare le sue azioni.

I giudici hanno inoltre disapprovato il comportamento del 42enne che ha puntato, nel corso di tutto il procedimento, a infangare la memoria della vittima. L'ha fatta passare per uno spacciatore, un boss, un ricattatore, quando in realtà era una persona «disponibile e scherzosa», a cui piaceva chiamare i suoi amici con nomignoli. D'altra parte, la corte non ha considerato la premeditazione. Secondo i giudici nessun elemento permette di affermare che l'accusato abbia cercato il suo vicino nei giorni successivi alla lite avuta con quest'ultimo. Sulla base della perizia, hanno ammesso che l'imputato fosse solo marginalmente responsabile.

Un massacro - I fatti risalgono al maggio 2016 nel quartiere Libellules. L'accusato ha prima sparato tre colpi alla sua vittima mentre quest'ultima stava tornando a casa, nel vicolo dell'immobile. Si è poi allontanato, ha ricaricato l'arma, prima di raggiungere il vicino nella sala da tè dove si era rifugiato.

Nello stabilimento, in presenza di altri clienti, l'accusato ha puntato l'arma in direzione della sua vittima e gli ha sparato una volta al petto, poi tre volte alla testa. Ha lasciato la sala da tè, ha rimesso i proiettili nella sua pistola, poi è rientrato nel locale e ha sparato altri due colpi alla testa del suo amico.

Foto lettore 20 Minutes
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
NIDVALDO
22 min
In contromano per 12 chilometri sulla A2, seguendo il navigatore
La polizia ha fermato la conducente di un veicolo con targa italiana
SVIZZERA
40 min
«Il periodo del certificato Covid sembra arrivare alla fine»
Le decisioni prese mercoledì potrebbero essere modificate, in caso di un'evoluzione positiva della situazione pandemica
SVIZZERA
1 ora
Le vittime di aggressioni sessuali criticano l'operato della polizia
Chiunque segnali una violenza di questa natura deve essere interrogata
SVIZZERA
10 ore
Omicron ha ribaltato la graduatoria fra i cantoni
Appenzello virtuoso, Ginevra un flop. I cantoni della Svizzera orientale ora sono i meno toccati dal coronavirus.
SVIZZERA
11 ore
«Relazioni stabili con l'Ue, ma nessun accordo quadro 2.0»
L'intervento del presidente Ignazio Cassis al raduno dell'UDC zurighese all'Albisgüetli.
BERNA
16 ore
Un "virus" che dalla Svizzera si è diffuso in Cina
Fino al 1. maggio al Museo Alpino Svizzero di Berna saranno esposte fotografie in netto contrasto fra loro.
GRIGIONI
17 ore
Il WEF avrà luogo a fine maggio
Gli organizzatori hanno confermato che l'evento, procrastinato a causa di Omicron, si terrà nella località grigionese.
SVIZZERA
19 ore
Campagna vaccinale: nuove raccomandazioni
Le autorità sanitarie hanno aggiornato le raccomandazioni nell'ambito della campagna vaccinale.
SVIZZERA
19 ore
Omicron non cede: i nuovi casi sono 37'992
Sono 138 le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'Ufsp.
SAN GALLO
19 ore
Rubano un'auto, provocano un incidente e fuggono
Due dei tre presunti protagonisti dello scontro di Oberuzwil sono già stati arrestati dalla polizia.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile