I dipendenti svizzeri barano sfacciatamente sulle note spese
20 minuten
ZURIGO
28.10.21 - 12:580
Aggiornamento : 17:36

I dipendenti svizzeri barano sfacciatamente sulle note spese

Circa un terzo dei lavoratori ha fatto pagare un pasto privato alla propria ditta.

Barare sulle spese, però, è vietato e può comportare anche il licenziamento.

SONDAGGIO

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

ZURIGO - La nuova sedia da ufficio per la casa e la cena con gli amici... tutto pagato dal datore di lavoro. Agli svizzeri piace barare sulle note spese, come dimostra un recente studio della società di software SAP-Concur e dell'istituto di ricerche di mercato Opinium Research.

Il 12% dei dipendenti in Svizzera ritiene che una rimborso spese falso fino a 100 franchi non sia un problema. Imbrogliare, però, costa caro alle aziende. Le realtà svizzere con 250 dipendenti perdono circa 14'100 franchi l'anno a causa di spese fraudolente.

Gli svizzeri tendono con più facilità a barare sulle spese di trasferta (i rimborsi sui chilometri compiuti in auto): il 38 percento degli intervistati ha ammesso di aver arrotondato le cifre per eccesso. Un terzo dei dipendenti ha anche presentato conti privati al ristorante spacciandoli per incontri di lavoro.

Sulle note spese a volte finiscono anche gli alcolici del minibar. Il 31 percento degli intervistati ha fatto pagare al datore di lavoro le bollette telefoniche e il 29 percento l'arredamento o le apparecchiature da ufficio da mettersi in casa.

Secondo il sondaggio, la maggior parte dei dipendenti desidera sfruttare in questo modo i rimborsi per compensare gli straordinari non pagati, per coprire costi supplementari sostenuti, o ripagarsi del tempo speso nei viaggi di lavoro. Due terzi degli intervistati sono dell'opinione che i rimborsi sulle spese di viaggio della loro azienda siano insufficienti.

La frode sulle spese può portare al licenziamento - Da un punto di vista legale, i dipendenti non sono autorizzati a barare nemmeno di un centesimo quando si tratta di spese, come ha spiegato a 20 Minuten Andrea Schwarzenbach, esperta di diritto del lavoro presso l'Associazione svizzera dei datori di lavoro: «Per un'azienda che scopre dipendenti coinvolti in frodi sui rimborsi, si consiglia di inviare un avvertimento scritto».

Se il dipendente è recidivo, l'azienda può licenziarlo. Ovviamente la proporzionalità è importante: «Se si tratta di pochi franchi, è più opportuno un secondo avvertimento. Se ci sono diverse centinaia di franchi in ballo, la disdetta può essere data dopo il primo avvertimento», afferma Schwarzenbach.

La sorveglianza è vietata - Spesso è molto dispendioso in termini di tempo scoprire imbrogli sulle spese. Qualsiasi software spia per il monitoraggio dei dipendenti è vietato in Svizzera, come afferma Michele Stutz, esperta di diritti del lavoro presso la società di consulenza MME Legal Tax Compliance.

«Se si tratta di un pasto, è possibile controllare il dettaglio spese e cercare di capire se effettivamente si sia trattato di un pranzo di lavoro», afferma Stutz. In caso di frode sull'orario di lavoro, l'azienda può chiedere la collaborazione di eventuali testimoni e verificare se il dipendente abbia effettivamente lavorato all'orario dichiarato».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Omicron: primo caso sospetto in Svizzera
L'Ufsp sta svolgendo accertamenti su una persona rientrata dal Sudafrica una settimana fa
SVIZZERA
6 ore
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
6 ore
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
ZUGO
8 ore
L'albero di natale in macchina, la multa all'autista
L'appello della polizia: «Bisogna fare attenzione che il carico non ostruisca la visuale»
SVIZZERA
11 ore
Camici in aria, approvata l'iniziativa sulle cure infermieristiche
Il risultato è apparso chiaro sin dai primi risultati: è un trionfo dei favorevoli.
SVIZZERA
11 ore
Sorteggio per eleggere i giudici? Niente da fare
Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale
SVIZZERA
11 ore
Fine dei giochi, la Legge Covid trionfa con un netto sì
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
FOTO
SVIZZERA
11 ore
Palazzo federale blindato per il voto
Misure di protezione mai viste a Berna in vista del voto odierno sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
13 ore
«La nuova variante si diffonderà presto o tardi anche in Svizzera»
Al momento Tanja Stadler non si sbilancia su un'eventuale maggior pericolosità di Omicron.
SVIZZERA
14 ore
«Venga introdotta la regola del 2G»
Nel giorno della votazione sulla Legge Covid-19, sale la pressione sulle persone non vaccinate.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile