Immobili
Veicoli
20min
GRIGIONI
26.10.21 - 17:520
Aggiornamento : 19:43

Travolse e uccise Larissa. L'uomo torna a processo per evitare il carcere

Nel 2017 il frontale costato la vita a una 27enne. Condannato, l'automobilista non aveva accettato la sentenza

L'uomo torna oggi alla sbarra. Tutte le prove, però, sono contro di lui. La famiglia della vittima: «Non ha mai mostrato pentimento»

COIRA - La cuoca Larissa Caviezel stava andando al lavoro in sella al suo scooter quando Luca M.* la travolse con la sua Audi. L'automobilista 41enne si era reso protagonista di una serie di manovre pericolose e stava cercando di superare due vetture quando, quella mattina del 2017, si scontrò frontalmente con la 27enne che guidava nel senso opposto.

Quel sorpasso a Domat/Ems (GR) costò la vita alla ragazza, che morì sul colpo dopo un volo di una quarantina di metri. Il 41enne, nel 2019, è stato condannato a sei anni per omicidio intenzionale con dolo eventuale. Ma si è opposto alla sentenza. Oggi, si terrà l'udienza d'appello presso il Tribunale cantonale dei Grigioni.

«C'è ancora un vuoto enorme nella nostra famiglia» - Per la famiglia di Larissa, è particolarmente difficile tornare davanti al giudice. «Era una persona così calorosa, il fulcro della famiglia. È stata strappata dalla vita in un modo assurdo», racconta al Blick la sorella della vittima. I familiari della defunta 27enne avevano accettato la condanna. «Non si può però parlare di giustizia. Niente potrà restituirci Larissa» commenta ancora la consanguinea.

I pronostici, intanto, sono tutti contro l'automobilista, reo di aver guidato in modo sconsiderato, con un livello di THC nel sangue molto elevato. Insomma, era "fatto" al momento dell'incidente.

L'imputato ha cercato di giustificare davanti alla polizia il suo stile di guida. Prima dello schianto, la visibilità sulla strada cantonale tra Coira e Domat/Ems era di soli 50 metri. E sebbene due veicoli gli si parassero davanti, M. aveva iniziato a sorpassare, accelerando fino a 115 km/h.

Così non è riuscito a vedere lo scooter della giovane. La sua Audi Q5 l'ha letteralmente travolto. L'uomo ha attribuito la colpa alla scooterista, sostenendo che stava guidando senza aver acceso le luci. Un soccorritore tuttavia ha confermato il contrario. Anche il rapporto della scientifica ha stabilito che la giovane donna stava percorrendo la strada correttamente.

Secondo la famiglia di Larissa, in questi anni non c'è stata traccia di pentimento in Luca M.: «Ancora non si assume alcuna responsabilità per quello che ha fatto».

Il desiderio dei familiari è chiaro: «Vogliamo che venga finalmente rinchiuso!». L'automobilista, infatti, è ancora a piede libero. «Fortunatamente non l'abbiamo mai incontrato, o il nostro dolore sarebbe ritornato a galla».

Al Blick, prima dell'udienza, il 41enne aveva dichiarato: «Non sono un mostro. Mi dispiace molto per i parenti».

*Nome modificato

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
8 ore
Il voucher "per la normalità" non piace a tutti
L'idea: un buono da 200 franchi per ogni svizzero, da spendere in ristoranti e cultura. Ma la politica storce il naso
VALLESE
14 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
14 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
18 ore
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
18 ore
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
19 ore
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
19 ore
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
SVIZZERA
20 ore
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
22 ore
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
SVIZZERA / RUSSIA
1 gior
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile