Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
20.10.21 - 14:380
Aggiornamento : 16:21

Violenza giovanile: preoccupa l'uso incontrollato delle armi da taglio

Si verificano con sempre più frequenza fatti di sangue in cui i giovani brandiscono un coltello.

Il 2020 è stato un anno da record e anche il 2021 la tendenza sembra confermarsi. L'esperto: «I coltelli sono un mezzo per simboleggiare virilità e potere».

ZURIGO - Wädenswil (maggio), Zurigo (luglio), Geuensee (settembre) e ancora Zurigo, alla stazione di Stadelhofen, tre giorni fa. Le località appena citate sono solo alcune (ma sicuramente non le uniche) che sono state teatro di risse fra giovani. Zuffe che si sono concluse con ferimenti e/o uccisioni dovuti a un'arma da taglio. Mai come lo scorso anno e questo anno (per il 2021 le statistiche ufficiali non sono ancora disponibili) gli episodi di violenza giovanile con un coltello sono stati così diffusi in Svizzera.

2020 da record - Negli ultimi anni gli omicidi (tentati o riusciti) da parte di minorenni con armi da taglio sono in costante aumento. Se le statistiche sulla criminalità hanno registrato solo tre casi nel 2017, nel 2020 ce ne sono stati ben 36. Il precedente record risale al 2011, quando erano stati registrati 13 casi (la statistica è disponibile solo dal 2009). Nella fascia d'età fra i 18 e i 24 anni, lo scorso anno sono invece stati registrati 39 casi più del doppio rispetto al 2015 (19). Anche qui c'è quindi stato un aumento, anche se meno marcato. Complessivamente, il numero di reati di questo tipo commessi da giovani sotto i 24 anni è passato in un anno da 32 (2019) a 75 (2020). Più del doppio. Le statistiche mostrano che c'è stato un aumento anche delle lesioni fisiche gravi subite dai minorenni, da 57 casi nel 2016 a 111 casi nel 2020.

Appartenenza al gruppo e virilità - Come detto i dati per il 2021 non sono (evidentemente) ancora disponibili. Ma, contattato da 20Minuten, il portavoce della Polizia di San Gallo Hanspeter Krüsi ha confermato l'andamento: «Posso confermare l'impressione che i crimini violenti con coltelli siano aumentati negli spazi pubblici». Il quotidiano svizzero-tedesco ha pure interpellato il ricercatore ed esperto Dirk Baier. Anche lui osserva che sono sempre più i giovani che portano con sé un coltello. Le ragioni sono da ricercare innanzitutto nel "senso di appartenenza" al gruppo: «I coltelli sono un semplice mezzo per simboleggiare virilità e potere. E possono essere usati per spaventare rapidamente una controparte», osserva. C'è poi la sempre più massiccia presenza di influencer che postano foto o video sui social e che i giovani vogliono emulare. 

Meglio averlo dalla parte del manico - Quasi sempre i coltelli impiegati nei reati sono illegali, prosegue l'esperto. «Si tratta di coltelli a farfalla o a serramanico, che a differenza di quelli da cucina permettono di dimostrare di essere un ragazzo pericoloso». Per contrastare il problema, Baier suggerisce da un lato maggior prevenzione, dall'altro di arginare il "mercato" di queste armi: «I canali di vendita devono essere controllati meglio e potrebbero essere utili maggiori controlli sulle persone da parte della polizia».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
2 min
Il Vallese toglie l'obbligo di mascherina a scuola
Si parte dalle elementari, seguiranno gli studenti delle medie. Altri annunci sono attesi «nelle prossime ore o giorni»
SVIZZERA
1 ora
Simboli nazisti: «La leggerezza si è diffusa»
I consiglieri nazionali del PS e del centro chiedono il divieto di simboli come la svastica e il saluto nazista.
FOTO
SCIAFFUSA
2 ore
Finisce nell'altra corsia, il frontale gli è fatale
Un 77enne è deceduto ieri tra Sciaffusa e Bargen
BERNA 
2 ore
«Il ruolo delle aziende per la salute è sottovalutato
È quanto rileva un'analisi del "think tank" liberale Avenir Suisse
SONDAGGIO TAMEDIA
3 ore
Dagli esperimenti sugli animali al tabacco: come voterete il 13 febbraio?
A breve ci esprimeremo su quattro temi federali. Partecipate al sondaggio di 20 minuti e Tamedia
SVIZZERA
10 ore
Migliaia di certificati Covid non saranno più validi
La validità dell'attestazione sarà ridotta a 270 giorni. La misura toccherà chi si è vaccinato prima del 6 maggio 2021
ARGOVIA
12 ore
Cadavere nella grotta, i genitori dell'omicida: «Resta sempre nostro figlio»
Il 22enne, che rischia oltre 16 anni di carcere, sta già scontando anticipatamente la pena.
VAUD
14 ore
«Fosse stato bianco sarebbe ancora vivo»
Circa sei mesi fa un uomo è stato ucciso da un poliziotto a Morges
SVIZZERA
15 ore
La gestione del lupo è efficace
Secondo uno studio, l'abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le uccisioni di bestiame
SVIZZERA
15 ore
Una falla di sicurezza nel portale clienti di AutoPostale
Tra maggio 2021 e gennaio 2022 oltre 1'700 dati non erano protetti. Ora il problema è stato risolto
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile