keystone-sda.ch / STF (Jae C. Hong)
LUCERNA
17.10.21 - 11:470
Aggiornamento : 18:33

Muore mesi dopo la seconda dose. «Sembra che facciano apposta»

Era stata la prima a ricevere il vaccino nel cantone, lunedì è deceduta per un'infezione da Covid-19

Il figlio della donna lamenta che la Svizzera non abbia ancora introdotto il richiamo nelle persone anziane. Per lui «sarebbe stata ancora viva»

KRIENS - A 89 anni era stata la prima a ricevere il vaccino Pfizer BioNTech nel canton Lucerna. Ora è deceduta. Alice Schmidli-Amrein ha contratto il coronavirus nove mesi dopo l'inoculazione della seconda dose. Per suo figlio Jack, se in Svizzera fosse possibile fare il richiamo per le persone anziane, «sarebbe stata ancora viva».

L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha recentemente approvato una terza dose di richiamo per i pazienti più vulnerabili, come le persone sopra i 70 anni. Secondo l'Oms sarebbe da effettuare sei mesi dopo il completamento del primo ciclo vaccinale. Molti Paesi hanno preso al volo i nuovi dati disponibili e hanno iniziato a distribuire il richiamo. Tra questi troviamo Francia, Germania e Italia. La Svizzera è invece in fase di attesa. Il portavoce dell'Ufficio federale della sanità pubblica ha infatti dichiarato alla SonntagsZeitung che «non è ancora chiaro se e per chi sarebbe necessaria una vaccinazione di richiamo». Al contrario c'è chi, come Dominique de Quervain, ex membro della task force, che non comprende la riluttanza della Confederazione: «Le prove scientifiche non possono più essere ignorate».

Alice Schmidli-Amrein ha contratto il virus nella casa di cura in cui alloggiava, la Zunacher di Kriens. Lì, oltre a lei, sono decedute altre tre persone dal primo settembre, su un totale di 14 infezioni. Tutti vaccinati con due dosi. Lo ha confermato il presidente del consiglio di amministrazione delle case di riposo, Marco Borsotti. «Se potessimo inizieremmo subito a potenziare la vaccinazione».

Il figlio di Alice, Jack, punta il dito contro la Confederazione. «Non sarebbe dovuta morire così miseramente. Quasi non la riconoscevo. Sì, era anziana, non vedeva molto bene e aveva bisogno di un deambulatore. Ma per il resto era sana». In una lettera al direttore sanitario di Lucerna Guido Graf, il figlio scrive: «Mentre altri Paesi raccomandano il richiamo, la Svizzera è ancora alla ricerca di prove. Ciò alimenta il sospetta che si vogliano far morire le persone anziane».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Friborgo
2 ore
Abusava della figlia sin dalla sua nascita, condannato a 15 anni
Le violenze sono andate avanti per sette anni. L'uomo aveva dichiarato al suo arresto che grazie a lui «sa masturbarsi»
SVIZZERA
4 ore
Il termine “Afghanistan” blocca il versamento Twint
Un termine “sbagliato” impedisce la transazione attraverso l'app elvetica per i pagamenti. Ecco il motivo
SVIZZERA
6 ore
Omicron è ufficialmente sbarcata in Svizzera
Le due persone contagiate, che sono legate tra loro, si trovano in isolamento.
SVIZZERA
6 ore
Gli scettici vogliono creare una «società parallela»
Sfiducia nei media, rabbia verso le autorità. E ora la delusione alle urne. Gli ideologi no Vax progettano la secessione
SVIZZERA
6 ore
«Misure che equivalgono a un divieto di vita notturna»
Le decisioni del Governo sono state giudicate adeguate alla gran parte dei partiti, non da alcune associazioni.
GIURA
7 ore
Il Canton Giura chiede l'aiuto dell'esercito
Obiettivo: aumentare le capacità in vista della somministrazione del booster. C'è infatti carenza di personale formato.
SVIZZERA
8 ore
Misure già rafforzate in diversi cantoni
Basilea (Città e Campagna), Soletta, Zugo e Svitto hanno reso obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici.
SVIZZERA
9 ore
Covid Pass anche per incontri privati con più di dieci persone
La proposta del Governo: Covid pass anche nel privato, mascherina al chiuso, e test rapidi validi solo 24 ore.
SVIZZERA/GERMANIA
9 ore
La Svizzera apre ai pazienti tedeschi
Il Baden-Württemberg potrebbe trasferire malati di Covid nel nostro paese. «Situazione drammatica»
SVIZZERA
11 ore
«Il medico non è obbligato a procurarsi il dossier di un paziente»
Il Tribunale federale ha confermato l'assoluzione di un praticante processato per la morte di una paziente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile