Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (Jae C. Hong)
LUCERNA
17.10.21 - 11:470
Aggiornamento : 18:33

Muore mesi dopo la seconda dose. «Sembra che facciano apposta»

Era stata la prima a ricevere il vaccino nel cantone, lunedì è deceduta per un'infezione da Covid-19

Il figlio della donna lamenta che la Svizzera non abbia ancora introdotto il richiamo nelle persone anziane. Per lui «sarebbe stata ancora viva»

KRIENS - A 89 anni era stata la prima a ricevere il vaccino Pfizer BioNTech nel canton Lucerna. Ora è deceduta. Alice Schmidli-Amrein ha contratto il coronavirus nove mesi dopo l'inoculazione della seconda dose. Per suo figlio Jack, se in Svizzera fosse possibile fare il richiamo per le persone anziane, «sarebbe stata ancora viva».

L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha recentemente approvato una terza dose di richiamo per i pazienti più vulnerabili, come le persone sopra i 70 anni. Secondo l'Oms sarebbe da effettuare sei mesi dopo il completamento del primo ciclo vaccinale. Molti Paesi hanno preso al volo i nuovi dati disponibili e hanno iniziato a distribuire il richiamo. Tra questi troviamo Francia, Germania e Italia. La Svizzera è invece in fase di attesa. Il portavoce dell'Ufficio federale della sanità pubblica ha infatti dichiarato alla SonntagsZeitung che «non è ancora chiaro se e per chi sarebbe necessaria una vaccinazione di richiamo». Al contrario c'è chi, come Dominique de Quervain, ex membro della task force, che non comprende la riluttanza della Confederazione: «Le prove scientifiche non possono più essere ignorate».

Alice Schmidli-Amrein ha contratto il virus nella casa di cura in cui alloggiava, la Zunacher di Kriens. Lì, oltre a lei, sono decedute altre tre persone dal primo settembre, su un totale di 14 infezioni. Tutti vaccinati con due dosi. Lo ha confermato il presidente del consiglio di amministrazione delle case di riposo, Marco Borsotti. «Se potessimo inizieremmo subito a potenziare la vaccinazione».

Il figlio di Alice, Jack, punta il dito contro la Confederazione. «Non sarebbe dovuta morire così miseramente. Quasi non la riconoscevo. Sì, era anziana, non vedeva molto bene e aveva bisogno di un deambulatore. Ma per il resto era sana». In una lettera al direttore sanitario di Lucerna Guido Graf, il figlio scrive: «Mentre altri Paesi raccomandano il richiamo, la Svizzera è ancora alla ricerca di prove. Ciò alimenta il sospetta che si vogliano far morire le persone anziane».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
In Svizzera quasi 40mila casi in un giorno
Continua a salire il numero dei contagi. Il bollettino dell'UFSP
GRIGIONI
2 ore
«Solo la variante Delta nelle terapie intensive grigionesi»
Il medico cantonale ha fatto il punto della situazione: «C'è una certa stabilizzazione dei contagi, ma ad alto livello».
GINEVRA
5 ore
Croce Rossa nel mirino degli hacker
Nell'ambito di un vasto cyberattacco sono stati rubati i dati di 515'000 persone
SVIZZERA
6 ore
Persone LGBTQI mobbizzate sul lavoro: «Un problema anche qui»
La questione è poco esplorata in Svizzera. Roman Heggli di Pink Cross: «Servono linee guida precise per le aziende»
SVIZZERA
7 ore
Il numero dei trapianti è tornato a quello pre-pandemia
Malgrado lo stress Covid il numero di donatori è aumentato, ma per chi aspetta un organo la situazione resta tesa
SVIZZERA
9 ore
L'acqua di rubinetto che diventa “termale” (e poco ecologica)
Un'inchiesta di Saldo fa luce sui consumi delle strutture wellness per scaldare l'acqua delle piscine
ZURIGO
16 ore
Fuga dalla pandemia, Tina Turner compra un "villaggio"
Una tenuta con dieci edifici e una villa sul lago di Zurigo. La star si è regalata un buen retiro da 70 milioni
SVIZZERA
16 ore
Gli aiuti per Skyguide potrebbero non bastare
Le perdite legate al crollo del traffico aereo sono stimate in 280 milioni di franchi per il 2020 e il 2021
BERNA
18 ore
Quello studio medico corona-scettico che non fa vaccinazioni
I responsabili della struttura di Langenthal non credono né all'efficacia, né alla sicurezza dei preparati disponibili.
BERNA
21 ore
A 203 chilometri all'ora sui 120
Pizzicato sulla A1 in territorio di Gurbrü (BE): si trattava di un diciassettenne con licenza per allievo conducente
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile