20min
ZURIGO
06.10.21 - 14:150

Processo An'Nur, tre assoluzioni e sei condanne

È quanto deciso dalla corte d'appello per un'aggressione avvenuta nel 2016 nell'ex moschea di Winterthur

ZURIGO - Al processo d'appello a nove imputati per un'aggressione avvenuta cinque anni fa nella ex moschea An'Nur di Winterthur (ZH) il Tribunale cantonale di Zurigo ha pronunciato tre assoluzioni e sei pene detentive e pecuniarie con la condizionale. Nella sentenza comunicata oggi la corte ha inoltre rinunciato a espulsioni dalla Svizzera. Il verdetto può ancora essere impugnato.

In primo grado, nell'ottobre del 2018, il Tribunale distrettuale di Winterthur aveva inflitto otto condanne e due assoluzioni. La Procura, che aveva chiesto pene fino a tre anni di prigione in parte sospese, aveva fatto appello nei nove casi di sua competenza. Il dossier che riguardava un 17enne al momento dei fatti è stato affidato al giudice dei minorenni.

I fatti risalgono alla sera del 22 novembre del 2016. Secondo l'atto di accusa, gli imputati hanno bloccato due frequentatori della moschea, per poi minacciarli e malmenarli perché considerati "traditori". A una delle vittime è stata cacciata in bocca una banconota da dieci dollari che ha dovuto ingoiare. Gli aggressori erano convinti che i due avessero trasmesso a un giornalista il testo di un controverso sermone tenuto un mese prima da un 25enne imam etiope. Quest'ultimo è poi stato condannato a 18 mesi con la condizionale e a 10 anni di espulsione dalla Svizzera per aver esortato ad «evitare, calunniare» e persino a uccidere i musulmani che non pregano in comunità.

Gli imputati al Tribunale cantonale erano sette giovani che al momento dei fatti avevano fra 18 e i 24 anni d'età, un 54enne libico che fungeva da imam principale e l'allora 49enne presidente dell'associazione che gestiva la moschea An'Nur (La Luce). Quest'ultima è stata per anni considerata un luogo di radicalizzazione islamica - con diversi giovani partiti da Winterthur per la jihad in Siria - ed è stata chiusa definitivamente nel giugno 2017, allo scadere del contratto d'affitto.

Nella sentenza odierna la suprema corte cantonale ha imposto pene detentive con la condizionale da 12 a 19 mesi - per coazione, sequestro di persona e minacce - nonché pene pecuniaria da 150 a 2'000 franchi. Al fedele costretto a ingoiare una banconota è stato riconosciuto un risarcimento di 2'000 franchi. Sono stati assolti l'imam libico, che era intervenuto solo in seguito nella bagarre, il presidente di An'Nur e un giovane frequentatore della moschea. Per la loro ingiusta detenzione è stato concesso un risarcimento di rispettivamente 500, 18'000 e 34'000 franchi.

In prima istanza, sette giovani frequentatori della moschea erano stati condannati a pene detentive con la condizionale fra i 6 e i 18 mesi e in alcuni casi a pene pecuniarie, pure sospese, per una serie di accuse quali sequestro di persona, lesioni personali, coazione e minacce. Il Tribunale distrettuale di Winterthur aveva anche deciso due assoluzioni e ordinato l'espulsione dalla Svizzera per un periodo di sette anni per due imputati: un afghano e un macedone.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
4 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
4 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
6 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
7 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
7 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
15 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
BASILEA CITTÀ
17 ore
Fiamme in una residenza assistita: grave un 86enne
Le cause dell'incendio sono al vaglio della polizia
FRIBURGO
22 ore
Ritorna l'obbligo di mascherina nelle scuole medie
Il provvedimento scatterà lunedì e sarà in vigore fino alle vacanze di Natale
SVIZZERA
1 gior
Swiss congela i voli per Hong Kong
La decisione è stata presa a causa delle rigide misure di quarantena previste per i membri dell'equipaggio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile