Keystone - foto d'archivio
Berna
26.09.21 - 22:030

Tornano a salire decessi e contagi in casa anziani e i cantoni si preparano a rispondere con la terza dose

Secondo Stefan Fux, Direttore di una casa di riposo, «la vaccinazione sta perdendo la sua efficacia»

Al momento, la terza dose è prevista solo per le persone immunodepresse

BERNA - Sei decessi legati al Covid, con i casi che tornano a salire. Si tratta della situazione relativa alle case anziani svizzere, nonostante il personale e i residenti siano da tempo vaccinati. Inizia quindi a profilarsi la necessità di una terza dose per le persone più fragili.

Nella casa anziani Sankt Nikolaus, in Vallese, le vaccinazioni sono state chiuse il 27 gennaio. Ma a inizio settembre otto residenti hanno contratto il virus e quattro sono deceduti. Anche dei membri del personale sono stati infettati. Un caso simile si è manifestato nel Canton Zurigo, dove nel centro di cure Embrach, sette residenti sono stati contagiati e due di loro sono morti. Dei focolai sono stati segnalati anche nelle zone di Winterthur, Zermatt e Argovia.

Dopo otto mesi di calma, il virus è di nuovo riuscito a entrare negli alloggi per anziani. E il direttore del Sankt Nikolaus, Stefan Fux, ha dichiarato alla Nzz am Sonntag che è chiaro come «la vaccinazione stia perdendo la sua efficacia». Se prima i casi di positività al coronavirus con sintomi dopo le due dosi erano rari, con solo 2'055 casi da gennaio, la Confederazione ha annunciato che stanno aumentando. Sono infatti stati segnalati 210 contagiati solo nell'ultima settimana all'Ufficio Federale della Sanità Pubblica (UFSP).

Nonostante non sia stata ancora presa una decisione a livello nazionale sulla terza dose, alcuni Cantoni si stanno preparando per somministrarla nelle case per anziani. Lo ha confermato Michael Jordi, segretario generale della Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità. Al momento, comunque, questa è prevista soltanto per le persone immunodepresse.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
14 min
I giovani si indebitano per l'iPhone
Un'indagine di Moneyland ha analizzato le voci di spesa degli svizzeri. Per cosa chiediamo denaro in prestito?
SVIZZERA
1 ora
Altre cinque aziende si impegnano per il clima
PostFinance, Autopostale, SSR, Flughafen Zürich e RUAG hanno aderito all'iniziativa energia e clima esemplare
SVIZZERA
2 ore
La paura del black-out riaccende il dibattito sul nucleare
L'esperto: «L'approvvigionamento elettrico deve avere la massima priorità». E le fonti rinnovabili non bastano
SVIZZERA
3 ore
La terza dose è sempre più vicina
Swissmedic dovrebbe approvarla entro la fine di ottobre. Rudolf Hauri: «Meglio non aspettare troppo».
FOTO
SAN GALLO
13 ore
«Uccidere la propria figlia, come si può arrivare a questo?»
È un quartiere sotto choc quello che questo pomeriggio ha appreso del delitto compiuto da un padre di 54 anni.
VAUD / FRANCIA
13 ore
Uccise una prostituta, ora ha deciso di ricorrere
L'uomo era stato condannato a 30 anni di prigione per il brutale omicidio di una giovane rumena a Sullens.
SVIZZERA
18 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
18 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
SAN GALLO
20 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
21 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile