Keystone
BERNA
18.09.21 - 09:190

"Freiheitstrychler" prendono le distanze dalle violenze di giovedì sera a Berna

«I provocatori sono individui isolati che non appartengono al movimento» hanno dichiarato in una nota

BERNA - Gli organizzatori della manifestazione di giovedì a Berna contro le misure pandemiche negano ogni responsabilità per i disordini scoppiati davanti a Palazzo federale. Prendono le distanze da «qualsiasi forma di violenza».

I «provocatori» che se la sono presa con una recinzione in Piazza federale per proteggere il Palazzo federale sono «individui isolati» che non appartengono ai "Freiheitstrychler", hanno comunicato la notte scorsa.

Il municipale bernese, responsabile della sicurezza, Reto Nause ha definito gli eventi come un assalto al Palazzo federale, una definizione che gli organizzatori della manifestazione respingono. L'espressione è propaganda menzognera contro gli oppositori alle misure per combattere la pandemia, denunciano.

Il gruppo critica anche la polizia per non aver protetto i manifestanti pacifici dai contro-dimostranti violenti durante l'evento non autorizzato. Secondo "Freiheitstrychler", un membro del loro servizio di sicurezza è stato aggredito e ha subito ferite di media gravità.

Ueli Maurer come modello - I "Freiheitstrychler" annunciano ulteriori proteste e si sono riferiti esplicitamente al consigliere federale Ueli Maurer. Il fatto che il ministro abbia posato con una maglietta dei "Freiheitstrychler" ad una manifestazione dell'UDC lo scorso fine settimana ha evidenziato la necessità di una «resistenza pacifica contro le misure dannose per combattere la pandemia», dichiarano.

Maurer ha da parte sua detto ieri ai giornali del gruppo editoriale CH-Media di aver indossato la maglietta per circa cinque minuti all'evento «per puro caso». Ha precisato che non si trattava di una provocazione e che non conosceva il contesto in cui era indossata. Maurer ha anche dichiarato di aver invitato a vaccinarsi durante l'evento.

Giovedì sera, una manifestazione non autorizzata contro le misure di lotta alla pandemia ha riunito tra le 3000 e le 4000 persone a Berna. Quando manifestanti isolati hanno iniziato a scuotere la recinzione in Piazza federale, la polizia è intervenuta con un cannone ad acqua e ha fatto ricorso anche a proiettili di gomma e gas irritanti. Alcuni dimostranti hanno lanciato oggetti e fatto esplodere petardi in direzione di Palazzo Federale e della polizia.

Ieri il presidente della Confederazione Guy Parmelin e i presidenti delle due Camere federali hanno condannato le violenze.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Berna
58 min
Quarantena in vista, prenotazione cancellata
A soffrire particolarmente sono i comprensori sciistici che lamentano una pioggia di soggiorni annullati
SVIZZERA
11 ore
Cresce la lista nera: dentro altri quattro Paesi
La disposizione segue il rilevamento della variante Omicron nelle rispettive nazioni.
SVIZZERA
11 ore
Minaccia Omicron, il Governo si ritrova d'urgenza
Dopo l'emergenza della nuova variante e il boom di casi, domani pomeriggio saranno discussi eventuali cambi di marcia.
SVIZZERA
14 ore
«Meglio Pfizer di Moderna per gli under 30»
Lo raccomandano l'UFSP e la Commissione federale per le vaccinazioni basandosi sulle dichiarazioni di miocardite.
SVIZZERA
15 ore
«La situazione è già critica, Omicron potrebbe peggiorarla»
Gli esperti della Confederazione hanno fatto il punto sulla situazione epidemiologica nel nostro Paese e non solo.
LUCERNA
15 ore
Lo spauracchio Omicron fa saltare le Universiadi
La competizione avrebbe dovuto aver luogo tra l'11 e il 21 dicembre. A Lucerna erano attesi atleti da cinquanta Paesi.
SVIZZERA
15 ore
La seconda volta di un'ecologista alla guida del Nazionale
La 34enne argoviese Irène Kälin è la nuova presidente della Camera bassa.
SVIZZERA
17 ore
Oltre 19mila contagi e 35 morti nel weekend svizzero
Salgono i pazienti Covid ricoverati in cure intense, che occupano ora il 25,4% dei posti letto.
FOTO
ARGOVIA
18 ore
Bancomat fatto esplodere e colpevoli in fuga
Altro furto a uno sportello automatico. Questa volta in canton Argovia.
FOTO
SVIZZERA
18 ore
Una bufera di neve investe la Svizzera
Temperature al ribasso e tanti disagi alla circolazione soprattutto in Svizzera tedesca.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile