Keystone
BERNA
18.09.21 - 09:190

"Freiheitstrychler" prendono le distanze dalle violenze di giovedì sera a Berna

«I provocatori sono individui isolati che non appartengono al movimento» hanno dichiarato in una nota

BERNA - Gli organizzatori della manifestazione di giovedì a Berna contro le misure pandemiche negano ogni responsabilità per i disordini scoppiati davanti a Palazzo federale. Prendono le distanze da «qualsiasi forma di violenza».

I «provocatori» che se la sono presa con una recinzione in Piazza federale per proteggere il Palazzo federale sono «individui isolati» che non appartengono ai "Freiheitstrychler", hanno comunicato la notte scorsa.

Il municipale bernese, responsabile della sicurezza, Reto Nause ha definito gli eventi come un assalto al Palazzo federale, una definizione che gli organizzatori della manifestazione respingono. L'espressione è propaganda menzognera contro gli oppositori alle misure per combattere la pandemia, denunciano.

Il gruppo critica anche la polizia per non aver protetto i manifestanti pacifici dai contro-dimostranti violenti durante l'evento non autorizzato. Secondo "Freiheitstrychler", un membro del loro servizio di sicurezza è stato aggredito e ha subito ferite di media gravità.

Ueli Maurer come modello - I "Freiheitstrychler" annunciano ulteriori proteste e si sono riferiti esplicitamente al consigliere federale Ueli Maurer. Il fatto che il ministro abbia posato con una maglietta dei "Freiheitstrychler" ad una manifestazione dell'UDC lo scorso fine settimana ha evidenziato la necessità di una «resistenza pacifica contro le misure dannose per combattere la pandemia», dichiarano.

Maurer ha da parte sua detto ieri ai giornali del gruppo editoriale CH-Media di aver indossato la maglietta per circa cinque minuti all'evento «per puro caso». Ha precisato che non si trattava di una provocazione e che non conosceva il contesto in cui era indossata. Maurer ha anche dichiarato di aver invitato a vaccinarsi durante l'evento.

Giovedì sera, una manifestazione non autorizzata contro le misure di lotta alla pandemia ha riunito tra le 3000 e le 4000 persone a Berna. Quando manifestanti isolati hanno iniziato a scuotere la recinzione in Piazza federale, la polizia è intervenuta con un cannone ad acqua e ha fatto ricorso anche a proiettili di gomma e gas irritanti. Alcuni dimostranti hanno lanciato oggetti e fatto esplodere petardi in direzione di Palazzo Federale e della polizia.

Ieri il presidente della Confederazione Guy Parmelin e i presidenti delle due Camere federali hanno condannato le violenze.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 min
Certificati Covid: un altro problema tecnico
Al momento non è possibile l'emissione di nuove attestazioni
SONDAGGIO
ZURIGO
14 min
I furbetti dei rimborsi spese abbondano in Svizzera
Circa un terzo dei lavoratori ha fatto pagare un pasto privato alla propria ditta.
SVIZZERA
46 min
Il trasporto pubblico non aumenta i prezzi
L'obiettivo: riconquistare gli utenti persi durante i mesi della pandemia
SVIZZERA
57 min
Carlos legato al letto, tre psichiatri alla sbarra
Il detenuto ha portato davanti al giudice i medici per un trattamento subito quando aveva 15 anni
SVIZZERA
2 ore
«I vaccinati rompano il silenzio»
Più voci ritengono che la minoranza non possa più dettare il ritmo della crisi sanitaria
BERNA 
3 ore
Più caro, ma ci dura oltre 4 anni
Stiamo parlando dello smartphone. L'iPhone rimane l'apparecchio più impiegato, davanti a quelli di Samsung.
SVIZZERA
5 ore
Obbligo di Certificato Covid al lavoro? Per ora in Svizzera è un unanime «anche no»
Datori, dipendenti, politica ed esperti elvetici non entusiasti per una misura che in Europa inizia a far parlare
ZURIGO
5 ore
Non sei vaccinato? Il tuo bonus sarà più basso
Una società di sicurezza ha deciso di concedere premi maggiori a chi si è immunizzato.
SONDAGGIO TAMEDIA
7 ore
Dalla pandemia alla giustizia: come voterai il prossimo 28 novembre?
Mancano poche settimane alle votazioni federali. Partecipa al sondaggio di 20 minuti e Tamedia
ZURIGO
17 ore
«Non siamo degli “sboroni dell'auto” senza rispetto»
Nel weekend la polizia zurighese aveva interrotto un raduno di bolidi. Ora prende la parola una co-organizzatrice
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile