tipress (archivio)
SVIZZERA / BELLINZONA
04.08.21 - 13:520

Chiesti 4 anni per l'ex quadro della SECO

L'uomo è accusato di corruzione passiva.

Il procuratore ha definito oggi «alta» l'energia criminale dell'ex capo di servizio presso la Segreteria di Stato dell'economia

BELLINZONA - Quattro anni di reclusione e una pena pecuniaria di 40 aliquote giornaliere da 50 franchi: è la richiesta del Ministero pubblico della Confederazione (MPC) per l'ex funzionario della SECO accusato di corruzione passiva nell'acquisto di materiale informatico.

Nella sua arringa di tre ore davanti al Tribunale penale federale di Bellinzona, il procuratore ha definito oggi «alta» l'energia criminale dell'ex capo di servizio presso la Segreteria di Stato dell'economia (SECO). Le sue responsabilità sono nel complesso pesanti e hanno danneggiato la SECO «in misura considerevole», ha detto il rappresentante dell'accusa.

I fatti risalgono al periodo tra il 2004 e il 2014. Responsabile delle acquisizioni per il centro elaborazione dati dell'assicurazione contro la disoccupazione, l'ex alto funzionario, oggi 68enne, deve rispondere di infedeltà nella gestione pubblica, falsità in documenti e corruzione passiva.

Le richieste per i coimputati - Il processo, iniziato lunedì scorso, durerà due settimane. Sul banco degli imputati siedono anche i direttori di tre aziende che avrebbero corrotto l'ex funzionario.

Per due coimputati, le richieste di pena corrispondono a due anni di reclusione, di cui 8 mesi da scontare, e rispettivamente a tre anni di reclusione da scontare, oltre a pene pecuniarie di 20 aliquote da 300 franchi e rispettivamente di 30 aliquote da 160 franchi.

I due uomini d'affari devono rispondere di amministrazione infedele, ripetuta falsità in atti, corruzione attiva, complicità in infedeltà nella gestione pubblica, e uno dei due anche di riciclaggio di denaro.

Per il terzo coimputato, il procuratore ha richiesto una pena pecuniaria sospesa di 120 aliquote da 80 franchi, per l'accusa di corruzione attiva.

Offerte manipolate - Secondo l'accusa, l'imputato principale avrebbe manipolato le valutazioni di offerte inviate dalle tre società per dare loro la preferenza. Così facendo, avrebbe ostacolato la libera concorrenza e causato danni materiali e immateriali alla SECO e alla Confederazione.

In cambio, l'ex quadro della SECO avrebbe ricevuto benefici per un totale di oltre 1,7 milioni di franchi. Questi includevano in particolare inviti, sponsorizzazioni per eventi, denaro e regali. Avrebbe ad esempio ricevuto biglietti d'ingresso per partite di calcio in diverse occasioni. Anche terzi avrebbero beneficiato della «generosità» delle aziende.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
46 min
«Volare costa troppo poco, ma le tasse non sono la soluzione»
Doppio “no” del Nazionale a un'imposta sui biglietti aerei e sul cherosene
SVIZZERA
1 ora
Più sicurezza nello sport
In Svizzera si contano ogni anno circa 420'000 infortuni. L'upi chiede un adeguamento delle disposizioni legali
SVIZZERA
2 ore
In Svizzera la pandemia sta rallentando
Contagi e ricoveri sono in calo, secondo il rapporto settimanale dell'UFSP. L'incidenza più bassa in Ticino
SVIZZERA
2 ore
Pazienti più giovani e sani in cure intense: cambiano le regole del triage
L'Accademia svizzera delle scienze mediche ha adeguato le sue linee guida.
ZURIGO
2 ore
Un bar nel mirino dei no-vax
Il Café Elena di Zurigo sta attirando critiche per aver cacciato dal suo locale il coronascettico Nicolas Rimoldi.
SVIZZERA
4 ore
«La pandemia sarà conclusa tra un anno»
Secondo Stéphane Bancel entro la metà del 2022 ci saranno «abbastanza dosi per vaccinare tutto il pianeta».
SVIZZERA
5 ore
Per nuovi allentamenti, «si smetta di trascurare i guariti»
Secondo Felix Schneuwly, esperto di salute di Comparis, «chi è stato infettato è una parte importante della soluzione».
SCIAFFUSA / AFGHANISTAN
7 ore
Fugge da Kabul grazie all'università svizzera
Halima è studentessa presso il SIT, nel canton Sciaffusa, ma fino a pochi giorni fa viveva ancora in Afghanistan
SVIZZERA
7 ore
Nuove rotte per vecchi spalloni
Dalle ceste portate sulla schiena alle valigette zeppe di denaro sporco, storia di contrabbandi di ieri e di oggi
SVIZZERA
14 ore
La chiusura delle palestre «ha danneggiato la salute dei clienti»
Non solo fisicamente, ma anche psicologicamente, secondo la federazione svizzera del settore
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile